Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


1 Commento

Bibliographie Historique de l’Ordre de Saint-Augustin

header_background

Sono online le informazioni bibliografiche pubblicate dal 1976 nella rivista Augustiniana, sotto il titolo Bibliographie Historique de l’Ordre de Saint-Augustin
La bibliografia, così come la rivista, è edita dall’Istituto Storico Agostiniano di Lovanio.

Con il nome Ordine di Sant’Agostino si indicano tanto i canonici regolari di S. Agostino, che nella loro organizzazione attuale risalgono a subito dopo il concilio lateranense del 1059, come gli eremitani di S. Agostino, che si organizzarono ad ordine nel 1256 quando Alessandro IV riunì in un sol corpo varie congregazioni di eremiti professanti la regola agostiniana.

da Enciclopedia Italiana Treccani (1929)

E’ molto utile la funzione browse, all’interno del quale si possono scorrere le seguenti voci:

  • Ordine geografico
  • Provincie
  • Congregazioni
  • Indice tematico
  • Storia generale
  • Storia delle Persone
  • Suore agostiniane
  • Agiografia – Iconografia
Annunci


Lascia un commento

Il Giro d’Italia tra storia e leggenda: 100 anni di vita italiana

Il Giro d’Italia, la corsa ciclistica a tappe più famosa ed importante del nostro paese, giunge quest’anno alla sua 100° edizione.
Nel corso degli anni la manifestazione sportiva si intreccia alle vicende italiane ed abbandona l’ambito strettamente sportivo per diventare un vero e proprio specchio della società italiana e dei suoi mutamenti.

In questa occasione vogliamo segnalare risorse online, libri e strumenti utili per ricostruire il percorso della manifestazione, dalla prima edizione del 1909 all’attuale in corso.

Consigli di lettura

Strumenti utili

Dal sito della Gazzetta dello sport i partecipanti, i vincitori e le classifiche: tutte le edizioni del giro d’Italia.

Sempre dalla Gazzetta, le tappe di tutte le edizioni.

Risorse online

Esordi del ciclismo e avvio del Giro nell’articolo di Eugenio Camillo Costamagna, Come si arrivò al giro d’Italia in bicicletta, Rivista mensile del touring club italiano, 01/1909.

Su RaiStoria (visibile anche online) va in onda Viaggio nell’Italia del Giro: per i 100 anni, particolare attenzione a curiosità ed aneddoti della storia del ciclismo.

Abbondantissima la documentazione foto-video disponibile sul sito dell’Istituto Luce: più di 200 tra cinegiornali e documentari, e oltre 200 fotografie.

Per gli articoli di cronaca, consigliamo una ricerca nell’archivio storico de “La Stampa“: Tra i primi articoli pubblicati in proposito, il 14 maggio 1909, la cronaca della prima tappa Milano-Bologna.

Curiosità

Anche una donna ha corso il giro d’Italia insieme ai colleghi maschi, ben prima che il ciclismo femminile fosse riconosciuto: Alfonsina Morini Strada.

Dopo due edizioni del giro di Lombardia partecipò infatti al Giro d’Italia 1924, e fu tra i pochi atleti che conclusero la manifestazione.

Per approfondire:

Voce Alfonsina Morini Strada nella Enciclopedia delle donne.

Voce Alfonsina Strada a cura di Alessandra Antinori nel portale 150anni.it che nella sezione Le italiane ripropone in versione digitale 260 schede biografiche di italiane illustri.

 

 

 

 


1 Commento

Tracce di gusto. Fonti per la storia dell’alimentazione nelle Marche

tavola

Segnaliamo la mostra online Tracce di gusto. Fonti per la storia dell’alimentazione nelle Marche, secc. XIV-XXI, realizzata nel 2015 dalla Soprintendenza archivistica e bibliografica dell’Umbria e delle Marche e dall’Archivio di Stato di Ancona in occasione di Expo.

Documenti antichi e moderni provenienti dagli Archivi di Stato di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata e Pesaro, nonché dagli archivi delle più antiche imprese marchigiane, interviste realizzate ad hoc per preservare la memoria di alcune attività importati per l’economia regionale, opere pittoriche, brani letterari, reperti archeologici…: ogni tipo di testimonianza è stato utilizzato per illustrare nel migliore dei modi il “racconto” della mostra.

Ecco le sezioni in cui si articola la mostra:

La sezione Galleria multimediale contiene i link ai video con interessanti interviste a ristoratori e imprenditori locali.

Per completare la mostra si offre una piccola bibliografia di testi legati alla storia dell’alimentazione.


1 Commento

La memoria a Milano: le Pietre d’Inciampo

pietra d'inciampo segreIn occasione del giorno della Memoria 2017 dedichiamo una piccola mostra, online e in biblioteca, al progetto “Stolpersteine”, giunto quest’anno anche a Milano.

I 10 pannelli illustrano, a partire dall’idea dell’artista tedesco Gunter Deming, la realizzazione e la posa delle prime sei pietre d’inciampo a Milano, ed i profili biografici delle persone a cui sono dedicate.

Pannelli della Mostra: La memoria a Milano: Le Pietre d’Inciampo

Foto della mostra:

pietre d'inciampo

Mostra La memoria a Milano: Le Pietre d’Inciampo

memoria-17-2

Mostra La memoria a Milano: Le Pietre d’Inciampo

Alcuni dei titoli in mostra, relativi alla deportazione dall’Italia ed in particolare all’ambito Milanese:


Lascia un commento

MuseoFerrara: museo virtuale della città di Ferrara

Veduta del Castello Estense. Wikipedia

Veduta del Castello Estense. Wikipedia

[Il MuseoFerrara nasce su modello del MuseoTorino] come museo virtuale e reale, la cui collezione è costituita dalla città presente, considerata tanto nella sua dimensione di patrimonio storico da custodire e interpretare, quanto come organismo vivente in continuo mutamento e sviluppo.

Il Museo della Città di Ferrara, creato in occasione del 70° anniversario della Liberazione, si presenta nella duplice forma di museo ‘diffuso’, grande come la città, e di museo online, costituito dal suo sito web.

Il progetto è concepito come una nuova forma di museo, visitabile attraverso percorsi di ricerca differenti:

  • la mappa online della città: cliccando su un punto di interesse “si trovano informazioni e approfondimenti su luoghi, eventi, soggetti e temi legati alla città”
  • i percorsi tematici, che possono essere proposti anche dai visitatori
  • il catalogo del museo
  • la mediateca, ovvero fototeca, biblioteca e videoteca con immagini e indicazioni bibliografiche.

Segnaliamo la Biblioteca digitale che mette a disposizione opere su Ferrara e la sua storia, a partire da edizioni antiche e rare. I testi sono scaricabili in formato pdf oppure ebook.


Lascia un commento

Ottocento ferrarese: una storia da scoprire

ottocento ferrareseSegnaliamo in portale Ottocento ferrarese: una storia da scoprire realizzato dall’istituto di storia contemporanea di Ferrara con il contributo della regione Emilia Romagna e il patrocinio di comune e provincia.

L’obiettivo del progetto è riportare all’attenzione di studiosi e grande pubblico la storia della città di Ferrara e del suo territorio nel XIX secolo.

All’interno del sito vengono forniti alcuni strumenti per approfondire queste tematiche, suddivisi nelle sezioni:

Bibliografie
“la Bibliografia sull’Ottocento ferrarese, che censisce i contributi dedicati alla storia di Ferrara e del Ferrarese nell’Ottocento, pubblicati negli ultimi trent’anni (1980-2010);
il Catalogo Luciano Nagliati, che raccoglie gli studi pubblicati all’interno dei periodici locali nell’arco di oltre un secolo, senza limitazioni tematiche o cronologiche”

Dizionario storico
“Il Dizionario storico dell’Ottocento ferrarese comprende oltre cento voci di storia del territorio, dell’economia, della società, della politica e della cultura ferraresi. Redatte da giovani studiosi e da specialisti affermati, sono illustrate da immagini e corredate da una breve bibliografia per approfondire l’argomento”
Il dizionario storico è distribuito con licenza creative commons http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/

Biblioteca digitale
Comprende un numero ristretto di pubblicazioni dedicate all’ambito ferrarese, dalla vita politica alle attività economiche.


1 Commento

Atlante delle Stragi Naziste e Fasciste in Italia

http://www.italia-resistenza.it/in_evidenza/atlante-delle-stragi-nazifasciste-1136/

Dal portale INSMLI

E’ oggi online l’interessante progetto promosso in collaborazione dall’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia (INSMLI) e dall’Associazione nazionale partigiani d’Italia (ANPI), che vuole fornire “un quadro completo degli episodi di violenza contro i civili commessi dall’esercito tedesco e dai suoi alleati fascisti in Italia tra il 1943 e il 1945“.

L’Atlante delle stragi naziste e fasciste – che raccoglie i risultati della ricerca condotta [dai promotori] – si compone di una banca dati e dei materiali di corredo (documentari, iconografici, video) correlati agli episodi censiti, ospitati all’interno del sito web. Nella banca dati sono state catalogate e analizzate tutte le stragi e le uccisioni singole di civili e partigiani uccisi al di fuori dello scontro armato, commesse da reparti tedeschi e della Repubblica Sociale Italiana in Italia dopo l’8 settembre 1943, a partire dalle prime uccisioni nel Meridione fino alle stragi della ritirata eseguite in Piemonte, Lombardia e Trentino Alto Adige nei giorni successivi alla liberazione.

La ricerca è molto semplice e, nello stesso tempo, accurata.  I filtri sono parecchi ed è possibile vedere i luoghi delle stragi attraverso una ricca mappa (con vista anche da satellite).

Ogni episodio è accompagnato da una scheda descrittiva in pdf, con l’indicazione delle fonti archivistiche e della bibliografia.