Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

I fondi librari della biblioteca: il Fondo Martini

manoscritto bibliostoriaGiuseppe Martini (Roma 1908- Milano 1979), medievista di chiara fama, è stato docente ordinario di Storia medievale presso l’Università degli studi di Milano dal 1950  e promotore della costituzione dell’Istituto di Storia medievale e moderna, nucleo originario dell’attuale Dipartimento di Studi storici.
Il fondo librario posseduto dalla nostra biblioteca (10L.F.MARTINI) annovera 1798 testi che spaziano dalla storia medievale italiana ed europea alla storia della Chiesa.
L’archivio comprende invece il corpus documentario di Giuseppe Martini conservato presso il Dipartimento di Studi Storici dell’Università degli studi di Milano.

Questa la notizia bibliografia relativa a Giuseppe Martini tratta da Abba Luzzato, F., Dizionario generale degli autori italiani contemporanei, Vol. 2, 1974 (da WBIS).

Martini Giuseppe
Nato a Roma nel 1908; storico. Laureatosi in lettere, è professore di storia medioevale nell’università di Milano. Si è occupato di storia medioevale e di storia del pensiero religioso moderno. Fra i lavori di storia religiosa moderna il più importante è Cattolicesimo e storicismo. Momenti d’una crisi del pensiero religioso moderno (1951), in cui il M. studia i rapporti fra il pensiero cattolico e la moderna scienza storicistica, attraverso le figure di Mohler, Newman, Tyrre, Loisy e Blondel, i quali si sforzarono in vari modi e con diversi risultati di giungere a una conciliazione della fede cattolica con una collcezione della storia e della realtà come evoluzione progressiva. Dal 1964 il M. dirige la << Nuova Rivista storica >>.

Di seguito proponiamo il catalogo del fondo librario, l’inventario delle carte di Giuseppe Martini curato da Stefano Twardzik, e la bibliografia curata da Liliana Martinelli.


Lascia un commento

Beacon for Freedom of Expression: un database bibliografico sulla censura e sulla libertà di espressione


Beacon for Freedom of Expression è un database bibliografico sulla censura e sulla libertà di espresssione curato dal Norwegian Forum for Freedom of Expression (NFFE). Al momento, la banca-dati contiene i riferimenti bibliografici a più di 40.000 opere censurate e a più di 5.000 testi sulla censura. Il database spoglia:
•testi censurati del passato e del presente, giornali, audio-video e siti internet sull’argomento;
•letteratura internazionale sulla censura e sulla libertà di espressione.
Complessivamente sono 30 i paesi rappresentati in questa prima fase del progetto (Spagna, Australia, Canada, Danimarca, Regno Unito, Francia, Germania, Iran, Italia, Giappone, Lituania, Malawi, Norvegia, Polonia, Perù, Poloni, Russia, Sud Africa, Turchia, USA).


Lascia un commento

Encyclopédie Sonore: conferenze universitarie da scaricaricare


L’Encyclopédie Sonore è un progetto internazionale coordinato dall’Università Paris X-Nanterre che raggruppa università francese e non. E’ una banca-dati (bisogna iscriversi, ma l’iscrizione è gratuita) che offre la possibilità di cercare e ascoltare conferenze universitarie in tutti gli ambiti disciplinari, ma quelli maggiormente rappresentati sono: storia, discipline umanistiche, economia e diritto.
Queste le università coinvolte nel processo:

    Francia:
    Aix-Marseille 1 – Provence,
    Bordeaux 3 – Michel de Montaigne
    Besançon – Franche-Comté
    Caen – Basse-Normandie
    Clermont-Ferrand 2 – Blaise Pascal
    Dijon – Bourgogne
    Lille 3 – Charles de Gaulle
    Nancy 2
    Paris 10 – Nanterre
    Reims – Champagne/Ardennes
    Rennes 2 – Haute Bretagne
    Toulouse 2 – Le Mirail
    Russia:
    Biblioteca nazionale di letteratura straniera
    Università di stato di Mosca
    Università di stato degli Urali (Ekaterinburg)
    Università di stato di San Pietroburgo
    Università di stato di Yaroslavl
    Institut de la Société Ouverte di San Pietroburgo
    Bulgaria:
    Università di Sofia “Sv. Kliment Ohridski”
    Universita americana in Bulgaria – Blagoevgrad
    Institut Français de Sofia
    Tunisia
    Università di Sousse


Lascia un commento

Bibliostoria Web Resources: siti web, testi e documenti digitalizzati, bibliografie e banche-dati selezionati dalla biblioteca di Scienze della Storia


[Biblioteca di Scienze della Storia, Università degli Studi di Milano]
State cercando materiale (articoli, archivi, bibliografie, banche dati, testi e documenti digitalizzati, portali, cataloghi di biblioteche…) per una vostra ricerca? Vi consigliamo di dare un’occhiata a Bibliostoria Web Resources, il database curato dallo staff della biblioteca in cui le risorse web sono state descritte e rese accessibili per la ricerca.
Potete fare una ricerca libera cliccando una parola chiave nel box di ricerca in alto a destra o potete navigare tra le risorse scorrendo lo schema secondo il quale sono state inserite le risorse stesse (cliccare in Naviga tra le risorse):

Strumenti generali:
1. Bibliografie e banche dati bibliografiche
2. Biblioteche e cataloghi on-line
3. Istituti e fondi archivistici
4. Dizionari storici, enciclopedie e biografie
5. Motori di ricerca
6. Virtual reference desk e portali generali di storia

Fonti:
1. Fonti primarie
2. Fonti secondarie

Suddivisione cronologica:
1. Storia generale
2. Storia medievale
3. Storia moderna
4. Storia contemporanea

Suddivisione geografica:
1. Europa
2. Europa-Italia
3. Africa
4. America
5. Asia
6. Oceania

Suddivisione tematica:
1. Storia dell’emigrazione
2. Storia economica, sociale e della tecnologia
3. Storia della cultura (arte, cinema, musica e teatro)
4. Guerre mondiali
5. Storia del cristianesimo
6. Storia di Milano e della Lombardia
7. Storia delle donne
8. Storia del libro e dell’editoria
9. Storia della medicina
10. Storia militare
11. Risorse per la didattica della storia
12. Araldica
13. Paleografia e archivistica
14. Biblioteconomia e bibliografia
Se volete fare una ricerca per soggetto, abbiamo inserito singoli descrittori desunti dal Nuovo Soggettario di Firenze (consultabile in linea: http://thes.bncf.firenze.sbn.it/ricerca.php) per creare una indicizzazione postcoordinata (i descrittori vengono inseriti singolarmente e coordinati in fase di ricerca).
Buona ricerca allora!!!
Bibliostoria web Resources: http://users.unimi.it/storia/h/SPT–Home.php


Lascia un commento

“Charts and maps” del National Maritime Museum


[Carte universelle du commerce, c’est a dire carte hidrographique, ou sont exactement decrites, les costes des 4 parties du monde, par P.Du-Val Geographe Ordinaire du Roy. 1686. A Paris. Chez l’auteur, en l’Isle du Palais, sur le quay de l’Orloge, au coin de la rue de Harlay. Avec privilege du Roy pour vingt ans]
La collezione digitale Charts and maps del National Maritime Museum attinge al ricco patrimonio del museo che comprende più di 100.000 carte e mappe dal Medioevo ad oggi.

They document the results of exploration and discovery and show how techniques of navigation and surveying developed. Many were owned by naval officers and politicians and were used to plan and record the events which have become maritime history. The collections are not exclusively British and although they concentrate on charting the seas and coastlines, land maps are also included. Together they illustrate the work of the leading hydrographers and cartographers throughout the history of charting and mapmaking.
Charts represent the world’s water-covered regions as aids to navigation. They are generally drawn on Gerard Mercator’s projection (first introduced in 1569), which transforms the curved surface of the earth on to a flat plane.
The earliest portulan charts were prepared on vellum (sheep or goatskin). These concentrated on the Mediterranean. Later Italian, Spanish and Portuguese charts included new information resulting from the voyages of exploration of the late-15th and early-16th centuries.
Printed charts replaced portulan charts in the 17th century. The Dutch dominated the hydrography market and published many fine sea atlases. France and Britain next became major forces in chartmaking. Both established naval hydrographic offices, France in 1720 and Britain in 1795.
The British contribution to hydrography was highlighted by the voyages of discovery made by Captain James Cook between 1768 and 1780. Britain led the charting industry during the 19th century.

Potete scorrere l’intera collezione per regione geografica rappresentata, nome della carta, autore e data di edizione.


Lascia un commento

Fonti storiche on-line edite dalla Società pistoiese di storia patria


La Società pistoiese di storia patria mettere a disposizione sul web testi, edizioni documentarie full text, strumenti di lavoro e notizie relative alla storia e alla ricerca storica su Pistoia e il suo territorio.
Nelle Fonti on-line potete trovare queste interessanti risorse:

    Regesta Chartarum Pistoriensium
    Alto Medioevo 493-1000
    Vescovado. Secoli XI-XII
    Enti ecclesiastici e spedali. Secoli XI e XII
    Capitolo di San Zenone. Secolo XI
    Capitolo di San Zenone. Secolo XII
    Monastero di Forcole 1200-1250
    Liber Censuum Comunis Pistorii
    Il monastero di San Salvatore a Fontana Taona Secoli XI e XII
    Statuti
    Lo statuto dei consoli del comune di Pistoia
    Statuti pistoiesi del secolo XII
    Statuti pistoiesi del secolo XIII – vol. I
    Statuti pistoiesi del secolo XIII – vol. II
    Statuti pistoiesi del secolo XIII- vol. III