Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

1914-1918 International Encyclopedia of the First World War

Questo slideshow richiede JavaScript.

International Encyclopedia of the first World War è un progetto internazionale, che si fonda sull’Open Access, che permette all’utente di conoscere ed approfondire da molteplici punti di vista la Prima Guerra Mondiale. E’ frutto della collaborazione di più di mille autori, editori provenienti da più di cinquanta nazioni.

Quello che colpisce maggiormente, è l’impianto del sito, basato sul Semantic Media Wiki, un approccio che abbandona l’impianto lineare in favore di una costruzione della conoscenza basata sulle scelte dell’utente.

Annunci


Lascia un commento

Civili, soldati, eroi. Testimonianze della Grande Guerra dall’Archivio di Stato di Bologna

cache_194d8721736f745d388d69d112de08bc_9c4e83ea4d8894106f108575bf61f3c2

Segnaliamo la mostra digitale promossa dal MiBACT e dall’Archivio di Stato di Bologna, realizzata da marzo a giugno 2016.

Il progetto illustra alcune tra le carte più interessanti custodite dall’Archivio di Stato di Bologna e riguardanti la Prima Guerra Mondiale. I documenti selezionati offrono all’utente una testimonianza diretta di quello che fu l’impatto del conflitto sulla società civile e di come la chiamata alle armi di quasi sei milioni di uomini abbia cambiato non solo i destini dei soldati mandati al fronte ma anche quelli delle famiglie rimaste a casa.  Tra i temi trattati: storie di vita vera, bandi restrittivi, il ruolo della Croce Rossa Italiana, il culto della commemorazione dei caduti nel dopoguerra.

La mostra presenta documenti e immagini suddivisi in diverse sezioni.


Lascia un commento

La Prima guerra mondiale nel Fondo militare della Biblioteca universitaria di Genova

BUGE_Lo_scritto01.jpg_1944328970

Segnaliamo questa nuova interessante digitalizzazione di 1.370 immagini, tra cui carte geografiche e mappe, accessibile dal portale Internet Culturale.

La Biblioteca universitaria di Genova nel 1934 ha avuto in cessione permanente la Biblioteca del Presidio Militare di Genova. Dal fondo, ricco di testi riguardanti le discipline belliche, a partire dal 2012 e nella prospettiva della ricorrenza del Centenario della Prima Guerra Mondiale, sono stati scelti e digitalizzati testi relativi alla Grande Guerra.


1 Commento

Europeana Photography

Il progetto Europeana Photography, ovvero EUROPEAN Ancient PHOTOgraphic vintaGe repositoRies of DigitAized Pictures of Historic qualitY, intende riunire diverse collezioni fotografiche provenienti da archivi, biblioteche pubbliche, musei e agenzie di 13 paesi dell’Unione Europea.

Il portale contiene 430.000 fotografie a partire dal 1839 alla fine della Seconda guerra mondiale e le rende per la prima volta disponibili al vasto pubblico.

Le fotografie catturano vita quotidiana, sport, ritratti, paesaggi, politica lungo l’arco dell’Ottocento e durante i difficili anni della guerra.
Alcune foto sono di dominio pubblico, mentre altre sono protette da copyright.

Ecco di seguito i link ai nostri post relativi ai progetti Europeana:


Lascia un commento

Guerra in fame 1915-1945

rancio

Rancio. http://www.sulleormedeinostripadri.it/it/

E’ online il portale Guerra in fame 1915-1945, cibi di guerra, strategie e politiche alimentari nella prima metà del Novecento in Italia, progetto “realizzato con il contributo dalla Regione Emilia-Romagna che vede coinvolti gli Istituti Storici della Resistenza in Rete, coordinati dall’Istituto per la Storia e le Memorie del ‘900 Parri E-R”.

Il portale si concentra sul tema del cibo e dell’alimentazione in Italia tra le due guerre mondiali, riportando documenti, immagini e materiali multimediali.

Le risorse sono collocate in tre scenari cronologici che illustrano le strategie attraverso cui l’Italia ha affrontato i problemi dell’alimentazione nell’extra-ordinaria quotidianità dei due periodi bellici. Temi centrali sono la produzione del cibo, l’approvvigionamento della popolazione civile e dei soldati nei fronti di guerra, le politiche di razionamento e le strategie messe in atto per sopravvivere o, nei mesi immediatamente successivi ai trattati di pace, provare a ricominciare.

Tra i percorsi segnaliamo

Infine nella sezione Videogalley ritroviamo diverse interviste ai relatori della Giornata di studi dedicata all’alimentazione nel periodo tra la Prima e la Seconda guerra mondiale, che si è tenuta a febbraio 2016.

Sui temi dell’alimentazione ricordiamo il post dedicato alla mostra Tracce di gusto. Fonti per la storia dell’alimentazione nelle Marche, secc. XIV-XXI.


Lascia un commento

Caduti Grande Guerra

large888

E’ un progetto, online dallo scorso 18 marzo, promosso dalla Provincia di Gorizia che ha digitalizzato gli elenchi storici delle persone sepolte nei Sacrari Militari di Redipuglia, Oslavia e Caporetto/Kobarid, per un totale di 65.149 nomi.

Attraverso questo sito è possibile consultare gli elenchi acquisendo l’esatto luogo di sepoltura di ogni singolo caduto ed altre informazioni come il reparto di servizio ed il luogo di prima sepoltura.
Un modo per favorire le ricerche, per ricordare l’enorme tragedia della guerra onorando il ricordo delle sue vittime.

L’archivio potrà, negli anni, essere modificato e aggiornato grazie alle segnalazioni e alle indicazioni dei parenti o degli studiosi.
La ricerca è libera e può essere fatta attraverso il nome oppure il cognome, ma anche attraverso altri dati, come il corpo o l’arma, oppure il luogo o la data di morte.


Lascia un commento

L’Università di Torino e la Grande Guerra

I volti degli studenti caduti al fronte

I volti degli studenti caduti al fronte

L’interessante mostra virtuale a cura dell’Università di Torino, presenta “le fonti archivistiche, bibliografiche e museali che documentano il contributo dell’Ateneo all’innovazione – indotta e accelerata dallo sforzo bellico – in campo scientifico, medico, sociale e culturale”.

L’iniziativa si colloca nell’ambito delle celebrazioni per il Centenario della Prima guerra mondiale ed è distribuita con licenza Creative Commons.

La collezione include la pubblicistica del corpo accademico nel decennio 1914-1924 influenzata dalla guerra, le immagini degli aspiranti piloti selezionati dal Laboratorio dell’Istituto di Fisiologia, i volti e le vite degli studenti caduti al fronte, il contributo all’assistenza dei combattenti e al conforto dei prigionieri.

Tutti i  documenti sono corredati da una descrizione dettagliata e quelli posseduti dalle Biblioteche possono essere scaricati in formato pdf; inoltre troviamo una bibliografia di Annuari e Pubblicazioni sulla storia dell’Ateneo disponibili online.

La mostra è stata presentata ufficialmente il  26 gennaio 2016  presso la  Biblioteca storica di Ateneo “A. Graf”.