Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Lincolniana at Brown

Abraham Lincoln. http://it.wikipedia.org

Abraham Lincoln. http://it.wikipedia.org

Lincolnkën⟩, Abraham. – Statista statunitense (Hodgensville, Kentucky, 1809Washington1865), sedicesimo presidente degli Stati Uniti d’America. Avvocato autodidatta, convinto antischiavista, fu deputato per i whig dal 1834 al 1842 al parlamento dell’Illinois e successivamente al Congresso (1846-49), mentre dal 1856 aderì al nuovo partito repubblicano. La sua elezione a presidente nel 1860 provocò una sollevazione degli stati schiavisti, cui seguì la creazione di una confederazione indipendente e la guerra di secessione. Nel 1863 L. emanò il proclama di emancipazione dei neri, che aboliva la schiavitù limitatamente, però, agli Stati scissionisti. Riconfermato presidente nel 1864, l’anno successivo fece approvare al Congresso l’emendamento alla Costituzione che sanciva l’abolizione della schiavitù in tutta l’Unione americana. Fu ucciso poco dopo la resa definitiva dei sudisti.

Voce dall’Enciclopedia Treccani

Il Center for Digital Scholarship della Brown University ha una ricchissima collezione di materiali digitalizzati relativi al Presidente americano. Continua a leggere


4 commenti

Per i 70 anni del 25 aprile: Le repubbliche partigiane

In occasione del 25 Aprile, festa della Liberazione dell’Italia dall’occupazione nazista e dal regime fascista, segnaliamo il portale 1944 – le repubbliche partigiane.

Il sito, nato da un’idea di Edio Vallini, con testi a cura di Nunzia Augeri, riprende la struttura del libro L’estate della libertà : Repubbliche partigiane e zone libere edito da Carocci e si pone come obiettivo la diffusione della conoscenza dell’esperienza delle repubbliche partigiane, sorte nel 1944 e durate solo pochi mesi. La partecipazione all’arricchimento del sito con contributi, fotografie e documenti è aperta a tutti.

All’interno del sito è possibile visualizzare la mappa delle Repubbliche Partigiane, con una breve storia di ognuna, e consultare la sezione dedicata alle biografie dei potagonisti di queste esperienze di democrazia diretta.

Particolarmente interessante la sezione di studi e ricerche sui Convitti Rinascita, scuole sorte con l’intento di fornire ai giovani, privati dalla guerra dell’istruzione, di poter cominciare o riprendere un percorso di formazione.

Infine, in “documenti e testimonianze”, troviamo interviste, citazioni e approfondimenti sulla resistenza ed i suoi protagonisti.

Per approfondire, leggi in biblioteca:
Le repubbliche partigiane : esperienze di autogoverno democratico / a cura di Carlo Vallauri ; saggi di Annibali Simonetta … [et al.], Roma ; Bari : GLF editori Laterza, 2013, VI, 386 p. : ill. ; 21 cm
10L. 03.EH. 0928


Lascia un commento

I fondi della biblioteca: il Fondo Agnoletto

agnoletto

Il fondo Agnoletto (10L.F.AGNOLETTO) comprende la biblioteca personale del Prof. Attilio Agnoletto, docente presso il nostro Dipartimento di Storia del Cristianesimo.

I testi inclusi nel fondo spaziano dalla storia del Cristianesimo alla storia contemporanea.

Di seguito i link per scaricare il Catalogo del Fondo:

Fondo Agnoletto A-S
Fondo Agnoletto S-Z

Dall’Archivio storico del Corriere segnaliamo un articolo a cura di Franco Manzoni con alcune notizie biografiche.

Dal nostro Catalogo d’Ateneo è possibile reperire tutti i testi con autore Attilio Agnoletto, presenti in biblioteca.


Lascia un commento

Trieste: periodici digitalizzati

Trieste_Hortis_Emeroteca01_jpg_1944328756

La Biblioteca civica Attilio Hortis ha digitalizzato alcune testate dagli ultimi decenni del Settecento fino ai giorni nostri, che costituiscono “una fonte imprescindibile per lo studio della complessa storia politica, culturale ed economica di Trieste”.

La città, dal periodo di dominazione asburgica (1382-1918), in cui forti erano le spinte irredentiste e le contrapposizioni tra le componenti italiana, austriaca e slovena, è passata al termine della prima guerra mondiale al Regno sabaudo. Dopo il secondo conflitto mondiale e un breve periodo sotto il governo jugoslavo (1945) e poi sotto quello anglo-americano, Trieste è infine tornata definitivamente sotto l’amministrazione italiana il 26 ottobre 1954.

Continua a leggere


Lascia un commento

1815-2015. Bicentenario Murattiano della Campagna d’Italia

invito_12_marzo_web-1 La battaglia di Occhiobello, che si tenne il 7 e l’8 aprile 1815, a ridosso del ponte che collega il paese a Ferrara, fu una delle tappe della strategia del re di Napoli Gioacchino Murat contro gli austriaci, guidati dal barone Bianchi. Nel corso della battaglia, considerata come la prima battaglia combattuta per l’indipendenza italiana, l’esercito di Murat fu sconfitto dall’esercito austriaco e l’intero progetto subì un arresto. Il percorso di Murat toccò altri luoghi della penisola: Rimini, Tolentino, Macerata, Pollenza, Castel di Sangro e Pizzo Calabro, dove Murat morì nell’ottobre dello stesso anno.

Per celebrare il bicentenario della battaglia che fu, quindi, uno degli eventi antesignani del percorso verso l’Unità d’Italia, il 10 e 11 aprile si è tenuto a Occhiobello un Convegno di studi. Per l’occasione è stato messo in linea un sito dedicato con immagini e documenti. Alcune sezioni contengono approfondimenti sui protagonisti, le vicende, le conseguenze, i luoghi della battaglia e le armi della guerra austro-napoletana. Di seguito le voci dei protagonisti dal Dizionario Biografico degli Italiani:


Lascia un commento

Per Milano design week 2015: l’archivio Giò Ponti

In occasione della Milano design week 2015 segnaliamo il sito web dedicato all’architetto e designer milanese Giò Ponti (voce treccani: http://www.treccani.it/enciclopedia/giovanni-ponti/)

http://www.gioponti.org/it/ ospita, oltre ad alcune note biografiche, due interessanti sezioni: l’archivio e l’epistolario.

La banca dati è costituita a partire da materiali provenienti dallo studio Ponti ed offre all’utente la possibilità di consultare fotografie e disegni realizzati tra gli anni 20 e gli anni 70.

Previa registrazione (gratuita) è possibile accedere ad un numero maggiore di immagini.

Diverse le possibilità di ricerca: dal browsing per anno di realizzazione, genere e tipo di progetto alla ricerca per opera, luogo, committente e collaboratori.

Disponibili online l’indice dei destinatari delle lettere di Ponti (oltre 6000), e la ricerca all’interno di essi. Non sono invece disponibili online le digitalizzazioni dei documenti, se non alcuni esempi.

La creatività di Giò Ponti “partecipa” (con alcune mattonelle da lui disegnate nel 1960 ed inserite nell’istallazione Piuarch/Marazzi) a Energy for creativity, mostra-evento organizzata da Interni ed ospitato nei costile della Statale in via Festa del Perdono, 7 (fino al 23 maggio).


Lascia un commento

A literary tour de France

The political geography of France as illustrated on a map from 1762

The political geography of France as illustrated on a map from 1762

Il sito, curato da Robert Darnton, docente all’Università di Harvard, presenta l’editoria e il commercio di libri in Francia e nell’Europa francofona, tra il 1769 e 1789, durante il periodo della Rivoluzione francese.

Lo studioso interessato può scoprire la domanda e fornitura di libri da città a città e da libraio a libraio.
Il materiale proviene dal vasto archivio della Société typographique de Neuchâtel, editore e grossista che si incaricò di fornire libri a tutta la Francia nel periodo in questione.

Per finire, il sito contiene anche una grande quantità di informazioni su scrittori e scrittura nella Francia rivoluzionaria.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.155 follower