Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Raccolta per ordine di materie delle leggi, editti, manifesti, ecc.

duboim

Dall’Archivio di Stato di Torino, segnaliamo la digitalizzazione dell’opera Raccolta per ordine di materie delle leggi, editti, manifesti, ecc., pubblicati dal principio dell’anno 1681 sino agli 8 dicembre 1798 sotto il felicissimo dominio della Real Casa di Savoia per servire di continuazione a quella del senatore Borelli.

I volumi, di Felice Amato Duboin, furono pubblicati a Torino tra il 1818 e il 1860 e costituiscono una fonte preziosa per lo studio della legislazione relativa al ducato di Savoia e al Regno di Sardegna.

Le leggi sono raccolte per materia e contemplano tutti gli aspetti della produzione legislativa sabauda dei secoli XVII e XVIII, con riferimenti, per lo più nelle note, alla legislazione (oppure normativa) pregressa  degli Stati dei Savoia attinente alle medesime materie.


Lascia un commento

Ciak, si gira! Biblio&me: i video delle biblioteche della Statale

bibliome-01qrcode

Biblio&me è la serie di video che raccontano come usare al meglio i servizi bibliotecari della nostra Università direttamente dalla app bibliounimi o dall’area personale del catalogo.

Nel primo video della serie  Francesco e Mariangela – studentessa e studente della Statale – insegnano come tenere sotto controllo i libri presi in prestito in biblioteca, in modo “facile e veloce”.

Realizzata dal CTU – Centro per l’e-learning e la didattica multimediale – la serie di video Biblio&me nasce da un’idea del Sistema Bibliotecario d’Ateneo per raccontare il mondo delle biblioteche in modo semplice, divertente e a portata di click.


Lascia un commento

Nuovi arrivi in biblioteca: mese di Febbraio

libri nuovi gennaioNovità in biblioteca!

Ogni mese presentiamo alcuni libri selezionati tra i nuovi acquisti, suddivisi virtualmente tra gli “scaffali” della biblioteca, se possibile accompagnati da una scheda descrittiva o una recensione.

Storia generale Breve storia del razzismo : teorie e pratiche della discriminazione dal medioevo a oggi / George M. Fredrickson ; traduzione di Annalisa Merlino. – Roma : Donzelli, 2016. – 181 p. ; 17 cm.

Storia Medievale Archeologia dell’Italia medievale / Andrea Augenti. – Roma ; Bari : GLF editori Laterza, 2016. – VI, 332 p. : ill. ; 24 cm.

Storia Moderna L’honneur du soldat : éthique martiale et discipline guerrière dans la France des Lumières / Arnaud Guinier ; préface d’Hervé Drévillon. – Ceyzérieu : Champ Vallon, 2014. – 409, [5] p. : ill. ; 22 cm. Continua a leggere


1 Commento

Ricettari medici

unifi_ricettari01-jpg_1944328971

La collezione di ricettari medici posseduti dalla Biblioteca Biomedica dell’Università degli Studi di Firenze presenta antidotari, ricettari e Farmacopee, che divennero, nel corso dei secoli, strumenti fondamentali per la professione farmaceutica.

Essi delinearono la figura dello speziale, che “riportava la corretta composizione dei medicamenti e l’elenco di quelli approvati”.

Grande importanza ebbe il Ricettario fiorentino che dal 1498 al 1789 ebbe numerose edizioni e ristampe. La redazione è affidata al Collegio medico di Firenze dai Consoli dell’Arte dei medici e degli speziali che aveva autorità sui medici e gli speziali della città e del contado. Il Ricettario fiorentino può essere considerato la prima Farmacopea pubblica come oggi l’intendiamo, cioè un libro scritto per ordine delle autorità che indicava i medicamenti da conservarsi nelle farmacie e le regole cui attenersi nella preparazione dei farmaci, fornendo così una specie di codice che, tutelando la salute pubblica, servisse da guida ai medici e ai farmacisti.


1 Commento

Calvin et Genève 16: una nuova risorsa sulla Riforma nella biblioteca digitale di Ateneo

calvin_geneve_16E’ già disponibile sul portale della biblioteca digitale di Ateneo la risorsa “Calvin et Genève 16“, dell’Editore Droz.

La banca dati raccoglie le opere di e su Calvino, pubblicate dell’editore a partire dal 1960, ed è continuamente aggiornata con le nuove pubblicazioni.

Attualmente sono disponibili 162 ed il progetto è promosso dal Centre National du Livre, e dalla città e dal cantone di Givevra.

Oltre ad effettuare la ricerca all’interno di tutti testi, è anche possibile limitarla ad una tipologia specifica di opere (ad esempio, all’opera omnia di Calvino, alla corrispondenza di Théodore de Bèze o ai Registri del consiglio di Ginevra all’epoca di Calvino).

Ricordiamo che l’accesso è riservato agli utenti istituzionali Unimi e che per l’accesso off-campus è necessario autenticarsi con le credenziali della posta elettronica di Ateneo.


Lascia un commento

Tracce di gusto. Fonti per la storia dell’alimentazione nelle Marche

tavola

Segnaliamo la mostra online Tracce di gusto. Fonti per la storia dell’alimentazione nelle Marche, secc. XIV-XXI, realizzata nel 2015 dalla Soprintendenza archivistica e bibliografica dell’Umbria e delle Marche e dall’Archivio di Stato di Ancona in occasione di Expo.

Documenti antichi e moderni provenienti dagli Archivi di Stato di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata e Pesaro, nonché dagli archivi delle più antiche imprese marchigiane, interviste realizzate ad hoc per preservare la memoria di alcune attività importati per l’economia regionale, opere pittoriche, brani letterari, reperti archeologici…: ogni tipo di testimonianza è stato utilizzato per illustrare nel migliore dei modi il “racconto” della mostra.

Ecco le sezioni in cui si articola la mostra:

La sezione Galleria multimediale contiene i link ai video con interessanti interviste a ristoratori e imprenditori locali.

Per completare la mostra si offre una piccola bibliografia di testi legati alla storia dell’alimentazione.


1 Commento

DigiVatLib: il progetto di digitalizzazione della Biblioteca Apostolica Vaticana

Il salone sistino, che fu sede della Biblioteca apostolica vaticana. Da Wikipedia

Il salone sistino, che fu sede della Biblioteca apostolica vaticana. Da Wikipedia

DigiVatLib è la piattaforma che permette l’accesso ai manoscritti e incunaboli digitalizzati della Biblioteca Vaticana.

Il progetto della Biblioteca Apostolica Vaticana, iniziato nel 2010, ha lo scopo di digitalizzare l’intera collezione di manoscritti: 80.000 codici (ad esclusione dei materiali archivistici) principalmente di epoca medievale e umanistica.

Nella gestione del progetto è fondamentale la scelta di quegli esemplari da digitalizzare con priorità, dato che la conclusione del lavoro comporterà circa 20 anni. Per questo motivo vengono seguiti scrupolosamente alcuni criteri che riguardano innanzitutto la fragilità dei documenti e la loro importanza.

Ad oggi sono consultabili dal portale:

E’ possibile effettuare una ricerca semplice o avanzata (anche per segnatura).
Ad ogni immagine sono collegate descrizioni e citazioni bibliografiche derivate dai cataloghi.