Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Groundbreaking: rivista di culture della moda

homeheadertitleimage_it_it

E’ uscito il 1° numero di Groundbreaking, la rivista di culture della moda degli studenti dell’Università degli Studi di Milano, curata, tra gli altri, dalla docente del Dipartimento di Studi Storici Emanuela Scarpellini.

La rivista, open access e peer review, è raggiungibile dal portale delle riviste Unimi.

Il progetto Riviste UNIMI è stato avviato dalla Facoltà di Lettere e Filosofia e nasce dalla adesione ai principi dell’Open Access secondo i quali i lavori di ricerca finanziati pubblicamente devono essere pubblicamente accessibili, ma anche dalla necessità di rendere visibile una parte della ricerca svolta in Ateneo a cui, anche quando trova la strada dei tradizionali canali di distribuzione, non viene dato il rilievo che merita.

La maschera di ricerca è semplice e intuitiva e comprende, oltre alla ricerca full-text, anche la funzione di browse per fascicolo, autore e titolo.


Lascia un commento

Cromohs: Cyber Review of Modern Historiography

cromohs_cover

Cromohs è una  rivista annuale, peer-review e open-access edita da Firenze University Press dal 1996.

Grazie a un nuovo comitato editoriale, Cromohs è diventato, dal 2015, un periodico internazionale pubblicato in inglese, punto focale e forum per la storia intellettuale e culturale dal XIV al XIX secolo, pensata in una prospettiva globale.

I campi di interesse della rivista riguardano la storia interculturale, intersecandosi con la storia della conoscenza, emozioni, credenze religiose, etnografia, cartografia, ambiente, cultura materiale e arti.

Ogni fascicolo include una sezione per discussioni critiche e recensioni di volumi.


Lascia un commento

Revue historique des armées: rivista di storia militare

Revue historique des armées - http://rha.revues.org/

Revue historique des armées – http://rha.revues.org/

Segnaliamo la rivista open-access francese Revue historique des armées ospitata sul portare revues.org.
La rivista, edita dal 1945 dal Service historique de la Défence, è disponibile online dall’anno 2006.
I temi trattati spaziano dalla storia militare alla storia sociale, alla politica, alle relazioni internazionali, alle guerre.
Utile è la possibilità di correre le liste degli autori e delle parole-chiave utilizzate per descrivere il contenuto degli articoli.


Lascia un commento

Storia delle donne: rivista open access

sdd_cover

Il periodico Storia delle donne, edito da Firenze University Press, è disponibile ad accesso aperto nella versione online.

Ha periodicità annuale e si avvale della collaborazione di studiose specialiste di epoche e discipline diverse, così come del contributo di giovani studiose e studiosi, attraverso la pubblicazione di parti di tesi di laurea o di tesi di dottorato ed anche studi da queste indipendenti.

L’idea che è a fondamento del progetto SdD guarda al nesso tra storia e politica delle donne, ma accorda priorità a quello fra storia e politiche per le donne e con le donne; questa è una delle ragioni per cui la scelta del tema dei fascicoli è dettata dai processi in atto e dalle urgenze che la contemporaneità propone.

Tutti i testi sono sottoposti al processo di double blind peer review.


Lascia un commento

Officina della Storia: rivista di storia contemporanea

logo

Officina della Storia è un periodico semestrale, open access e peer-reviewed, pubblicato dal Centro Studi sull’Europa Mediterranea dell’Università della Tuscia.

La rivista fu fondata nel 2008 come iniziativa di un gruppo di ricercatori e dottorandi e si propone di fornire una panoramica sulle principali attività del mondo degli storici italiani ed europei in ambito contemporaneistico.

I contributi sono sottoposti al giudizio di due “referee” non appartenenti né allo staff editoriale, né al comitato consultivo e scelti preferibilmente all’esterno dell’Università della Tuscia.

“Tutti i contenuti del Sito (notizie, foto, video, suoni, marchi, loghi, nomi a dominio, layout grafici, etc.) e i diritti ad essi correlati sono riservati, pertanto possono essere consultati esclusivamente per finalità d’informazione personale, essendo espressamente vietato ogni diverso utilizzo senza il preventivo consenso scritto di Officina della Storia”.


1 Commento

Online Encyclopedia of Mass Violence

carte

«Writing history… aims at calming the dead who still haunt the present, and at offering them scriptural tombs.»

Michel de Certeau, The Writing of History, New York and Chichester, Columbia University Press, 1988.

Il progetto di un’Enciclopedia online sulla violenza di massa ebbe inizio nel 2004 grazie al Sciences Po Paris, Istituto di studi politici di Parigi.

L’Enciclopedia è  una pubblicazione peer-review, regolarmente aggiornata, che si focalizza sui massacri e genocidi del XX secolo.  Si tratta di una risorsa che documenta e classifica la conoscenza di questi episodi per continente, paese e periodo storico; lo scopo del progetto è offrire descrizioni storiche affidabili e analisi interdisciplinari.

Il sito fornisce indici cronologici, case studies, scritti analitici sulla violenza socio-politica in un dato paese, un glossario dei termini utilizzati più di frequente nel campo degli studi sui genocidi e contributi degli autori più rappresentativi nell’ambito disciplinare.


1 Commento

Anuario del Instituto de Historia Argentina

Buenos Aires. Pianta del 1888. Wikipedia

Buenos Aires. Pianta del 1888. Wikipedia

L’Anuario del Instituto de Historia Argentina è un periodico open access e peer-review, curato dalla Facultad de Humanidades y Ciencias de la Educación dell’Universidad Nacional de La Plata.

Si tratta di una rivista scientifica che pubblica (in spagnolo, portoghese e inglese) articoli e documenti editi e inediti, comunicazioni, rassegne e critiche bibliografiche riguardanti la storia politica, sociale, ed economica argentina e latino-americana.

La pubblicazione, il cui primo numero uscì nel 2000 in forma cartacea, è rivolta a docenti e studiosi di storia e vuole offrire un mezzo di comunicazione professionale che contribuisca allo sviluppo della disciplina.

Gli articoli sono scaricabili in pdf; la rivista è indicizzata da Dialnet e DOAJ, la Directory of Open Access Journals.