Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Cinquantamila giorni

laGrandeGuerra

Si tratta di un sito realizzato con il contributo della fondazione del Corriere della sera e degli archivi RCS, dell’Istituto del Risorgimento italiano, della Biblioteca di storia moderna e contemporaneae di altre istituzioni culturali e storiche, come Cinecittà Luce.

Creato nel 2012, è dedicato alla storia italiana; a partire quindi dal 1861, nascita del Regno d’Italia, è possibile selezionare una data e visualizzare gli avvenimenti che l’hanno caratterizzata. Le notizie sono corredate da foto, video e rassegne stampa.


Lascia un commento

“Cavalcare” l’Unità: satira, politica, cultura nei giornali napoletani dell’Ottocento

Napoli_universitaria_Cavalcare01_jpg_1944328907

La Biblioteca Universitaria di Napoli ha curato la digitalizzazione di 40 testate di giornali risorgimentali e fogli volanti stampati negli anni a cavallo dell’Unità (1860-1862); i giornali sono l’espressione di gruppi di intellettuali politicamente impegnati in cui prevale il filone umoristico-satirico.

“Un buon numero di fogli esibisce poi il vezzo del dialetto; qualche altro è impreziosito da illustrazioni e caricature nelle pagine centrali, spesso enfaticamente pubblicizzate già nel sottotitolo, e talora può vantare la collaborazione di caricaturisti di chiara fama. Tranne poche eccezioni, tuttavia, questi fogli delineano un modello di giornalismo “artigianale”, i cui tratti distintivi sono la povertà della veste grafica, la breve e travagliata vita editoriale (non di rado vittima anche di interventi censori), l’endemica penuria di mezzi finanziari. Per lo più di quattro pagine di formato minimo a due colonne, parchi di corrispondenze e di annunci pubblicitari, nella maggioranza dei casi videro la luce solo per pochi numeri, a tiratura limitata”.


Lascia un commento

Nascita di una nazione. Immagini dal Risorgimento italiano nelle raccolte dell’Archiginnasio

E’ online la mostra organizzata nel 2011 dalla Biblioteca comunale dell’Archiginnasio per celebrare il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.  La mostra comprende stampe, disegni e volumi illustrati raffiguranti personaggi ed eventi del nostro Risorgimento.

“L’esposizione, che comprende più di un centinaio di pezzi di notevole interesse storico-artistico ed editoriale, intende sottolineare l’influenza che la produzione delle immagini ha avuto nella formazione della coscienza storica del Risorgimento e nella diffusione capillare dei suoi ideali”.


Lascia un commento

Periodici e riviste preunitarie

La collezione presenta la digitalizzazione di oltre sessanta testate, edite dal 1668 al 1916 , presenti prevalentemente presso la Biblioteca nazionale di Roma, la Biblioteca di storia moderna e contemporanea di Roma, la Biblioteca universitaria di Pisa.

Tra i giornali più antichi e più noti ricordiamo:

Il giornale de’ letterati, uno dei primi esempi di periodico italiano fondato il 28 gennaio 1668 a Roma

La frusta letteraria, periodico quindicinale pubblicato tra il 1763 e il 1765

Il monitore italiano, giornale politico milanese, nato nel 1798

Il Conciliatore, periodico statistico-letterario che uscì dal 1818 al 1819


Lascia un commento

Le unità degli italiani: un documentario


Le unità degli italiani” è un piccolo documentario realizzato dalla Fondazione per scienze religiose “Giovanni XXIII” con le immagini dei grandi archivi cinetelevisivi d’Italia– le TecheRai e l’Istituto Luce– e pensato per essere
proiettato la notte tricolore del 16/17 marzo sulle piazze delle città e dei paesi.
Il documentario propone un racconto in sei brevi episodi: il racconto delle sei esperienze
che hanno fatto tutte le generazioni di italiani e con questo registro narrativo ripercorre
per sei volte gli anni dal Risorgimento all’oggi.
Le esperienze degli italiani che si è deciso di rappresentare sono:

    1) quella del disincanto: il non essere riusciti a fare tutto ciò che ci si riprometteva di fare o di avere, lottando e lavorando;
    2) la sconfitta: l’essere stati toccati dalla tragedia della guerra e da quelle della natura;
    3) la commedia: l’essere riusciti a sorridere e a ridere del potere e di noi;
    4) la vittoria: l’aver ottenuto il successo guadagnato dalla pena della guerra o dalla abilità o dal genio;
    5) la diversità: l’aver cioè conosciuto le differenze che attraversano il paese e le sue pluralità così forti e armonizzate da un sentire comune e da un comune percorso;
    6) la solidarietà: il fatto che quando ce n’è stato bisogno è arrivata una mano, offerta con generosità da gente che non si conosceva ma che sapeva condividere e curare.

Le esperienze della delusione, della sconfitta, della vittoria, dell’ironia, della diversità, della solidarietà sono rappresentate in uno schermo quadrato, nel quale sono stati ricavate quattro finestre di immagini che dialogano fra loro con allusioni, associazioni, assonanze.