Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Fondo Giornali Pisani

Pisa.Un_Giornali01.jpg_1944330739

Si tratta di un piccolo fondo, frutto del progetto di digitalizzazione avviato dalla Biblioteca universitaria di Pisa.

Il fondo denominato Giornali Pisani è composto da 10 testate che appartengono alla fine dell’Ottocento e all’inizio del Novecento, estremamente interessanti per la documentazione che forniscono della storia della vita artistica, culturale e politica della città di Pisa e della sua provincia.

Ecco l’elenco dei periodici disponibili ad oggi:

  • La Provincia di Pisa (dal 1870 al 1915)
  • Il ponte di Pisa (dal 1893 al 1934)
  • Corriere dell’Arno (dal 1873 al 1894)
  • La Croce pisana (dal 1874 al 1902)
  • L’Educatore del popolo (dal 1865 al 1866)
  • L’Italia (dal 1847 al 1848)
  • La Torre di Pisa (dal 1873 al 1874)
  • La Gazzetta di Pisa (dal 1868 al 1869)
  • Il Risorgimento di Pisa (dal 1873 al 1876)
  • L’eco dell’Era (dal 1889 al 1890)
Annunci


1 Commento

Il Medioevo a Siena

“raccogliere, con metodo e intendimento scientifico, materiali per una compiuta storia di Siena e del suo antico Stato, col proposito di illustrarne le vicende politiche e civili, le opere letterarie ed artistiche, l´economia pubblica, il diritto, la scuola, il folk-lore, e, in generale, tutte le manifestazioni della civiltà e cultura senese, escluse le ricerche sui fatti odierni e sulle persone viventi”.
http://www.accademiaintronati.it/bullettino.html

Segnaliamo oggi alcune risorse utili per la storia medievale in area senese.

Il sito del Dipartimento di Storia dell’Università degli Studi di Siena, confluito nel 2012 nel Dipartimento di Scienze storiche e beni culturali, rende accessibili svariati materiali.

Dal sito sono inoltre accessibili gli Indici del Bullettino Senese di Storia Patria (dall’anno 1894 al 1999), nato nel 1894 ad opera di un gruppo di studiosi interessati a fare storia misurandosi sulla documentazione e la tradizione di Siena.

Gli indici dei volumi successivi sono visibili dal sito dell’Accademia senese degli Intronati. I Bullettini dal 2007 al 2010 sono scaricabili in formato pdf.


Lascia un commento

Archivi in Toscana

Maria_Lai_Home

Il portale Archivi in Toscana, nato da un accordo tra la Soprintendenza Archivistica della Toscana e la Regione Toscana sottoscritto nel 2013, si avvale anche della collaborazione della Scuola Normale Superiore per l’attività di redazione.

Esso si pone due obiettivi fondamentali: da un lato quello di far conoscere la straordinaria ricchezza del patrimonio archivistico presente sul territorio regionale; dall’altro quello di facilitare la ricerca offrendo un punto di accesso integrato alle risorse archivistiche in rete.

Segnaliamo la sezione Visti da vicino, che si articola in quattro approfondimenti.

  • La vetrina dei segreti: “un breve viaggio tra i tesori degli archivi e degli istituti culturali toscani a partire da semplici ma uniche curiosità”.
  • Visita un archivio: “un programma di appuntamenti (a  cadenza mensile) alla scoperta del patrimonio archivistico con focus dedicati agli archivi meno noti o di più difficile accesso”.
  • Percorsi: “un approfondimento tematico (anch’esso mensile) su uno specifico fondo archivistico o su più archivi tra loro connessi”.
  • Il giornale della tutela: i sopralluoghi “effettuati dai funzionari della Soprintendenza e dagli ispettori archivistici alle molte realtà toscane e le relazioni stilate in tali occasioni”.

Per finire, all’interno dell’utilissima Come cercare si trovano sistemi informativi e banche dati attualmente in linea, strumenti di corredo e una biblioteca digitale per la professione archivistica.


1 Commento

I battesimi di Pisa dal 1457 al 1557

battesimo_header

L’archivio online, a cura del Dipartimento di storia dell’Università di Pisa in collaborazione con la Scuola Normale Superiore, raccoglie 43.537 registrazioni di battesimi somministrati a Pisa tra il 1457 e il 1557 e contenute in diciassette elenchi battesimali custoditi presso l’Archivio della Curia Arcivescovile di Pisa.

La caratteristica principale di questo archivio è data dall’integrazione dei dati forniti dagli stessi elenchi di battesimo. Premesso che non si è fatto ricorso ad informazioni provenienti da altre fonti, l’analisi degli elementi ripetitivi ha consentito di attribuire ad un medesimo soggetto, ove mancassero, notizie acquisite attraverso il confronto con altre registrazioni. Si è così ottenuto un quadro di informazioni assai più completo di quello originariamente risultante dagli elenchi di battesimo.  Non solo, ma attraverso i confronti si è potuto provvedere, da un lato, all’integrazione della fonte (là dove, ad esempio, si avesse uno strappo o una macchia), e, dall’altro, ad una sua più corretta decifrazione, là dove si avessero dubbi o difficoltà di lettura.

“L’area di competenza del fonte battesimale del Duomo di Pisa comprendeva tutte le parrocchie cittadine all’interno e all’esterno delle mura oltre ad un certo numero di parrocchie rurali”.
Durante il periodo storico indicato, venivano battezzati a Pisa anche i nati provenienti dalla Val d’Arno e dalla Val di Serchio, pur dipendendo queste parrocchie da pievi rurali.

E’ possibile effettuare una ricerca per campi o consultare gli indici relativi a ciascun campo.


Lascia un commento

ToscanaNovecento: Portale di Storia Contemporanea

https://www.facebook.com/pages/ToscanaNovecento/604516919627943?sk=timeline&ref=page_internal

ToscanaNovecento

ToscanaNovecento è un interessante portale promosso dalla rete toscana degli Istituti per la Storia della Resistenza e dell’età contemporanea, con lo scopo di divulgare la conoscenza di figure, luoghi ed eventi del Novecento e raccogliere ricordi e testimonianze.

Si compone di diverse sezioni

Continua a leggere


Lascia un commento

Diplomatico: pergamene (secoli VIII-XIV)

 Il Diplomatico è uno dei complessi documentari che hanno segnato le origini dell’Archivio di Stato fiorentino. Le sue origini risalgono al 1778, quando con innovativo atto di politica culturale il Granduca Pietro Leopoldo avviò la concentrazione delle antiche pergamene sciolte conservate dagli uffici pubblici del Granducato di Toscana, istituendo a Firenze un apposito Pubblico Archivio, nel quale anche i soggetti privati furono incoraggiati a depositare le proprie.

Durante il 1800 le pergamene furono trasferite da Firenze ai rispettivi archivi, mentre in città rimasero solo i relativi spogli.

Il Diplomatico è costituito da oltre 144.000 pergamene arrotolate, tra cui diplomi imperiali e pontifici (ad esempio i privilegi di Federico Barbarossa, le bolle di Bonifacio VIII con il sigillo plumbeo ancora pendente), lettere di cancellerie pubbliche e atti notarili privati, documenti-monumenti del passato, dall’Alto Medioevo (sec. VIII) sino al XIX secolo.

Continua a leggere


1 Commento

Opuscoli dell’associazionismo toscano

Bncf_Associazionismo01_jpg_1944330740

I 1300 opuscoli, in massima parte documenti a carattere normativo prodotti da associazioni di categoria e società di mutuo soccorso (consultabili dal portale Internet Culturale), sono digitalizzazioni degli originali cartacei conservati nel fondo Pubblicazioni minori della Biblioteca nazionale centrale di Firenze; ad essi se ne sono aggiunti altri 75 conservati presso la biblioteca Labronica di Livorno.