Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Il Teatro nel Lazio 1798-1870

getImage

E’ online la mostra digitale, curata dall’Archivio di Stato di Roma e dalla Direzione Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio, che ricostruisce la storia degli spazi pubblici e privati e delle attività teatrali nei territori del Lazio durante il Risorgimento.

La mostra presenta i risultati del censimento delle fonti riguardanti la storia del teatro nel Lazio, condotto negli archivi e nelle biblioteche dei comuni di Frosinone, Gaeta, Genzano, Magliano Sabina, Rieti, Sezze, Sora, Tarquinia, Velletri e Viterbo, scelti come casi significativi della realtà culturale della Regione Lazio.
Il percorso espositivo è articolato in tre sezioni principali“in viaggio con le Compagnie”, “la mostra per immagini”, “la mostra si racconta” – che introducono il visitatore alla ricchezza di documenti e informazioni prodotte dal lavoro di ricerca svolto da archivisti e ricercatori professionisti.

  • In viaggio con le compagnie: attraverso una mappa ottocentesca del Lazio è possibile seguire i percorsi degli artisti e delle compagnie.
  • La mostra per immagini: una scelta fra dei documenti censiti, costumi e figurini, manifesti, immaginario, manoscritti, mappe, ritratti, copioni e libretti, disegni e vedute.
  • La mostra si racconta: le storie e i protagonisti del teatro nel Lazio tra il 1798 e il 1870.

Completano il percorso uno schedario e un grafo.

Annunci


1 Commento

Archivi di teatro Napoli

Archivi di Teatro Napoli è un progetto di collaborazione tra le principali istituzioni napoletane impegnate nella valorizzazione delle fonti per la storia del teatro.

La Biblioteca Nazionale di Napoli partecipa ad Archivi di teatro Napoli attraverso le raccolte iconografiche, bibliografiche e documentarie conservate nella Biblioteca Lucchesi Palli, sezione specializzata nelle arti dello spettacolo.

      Sono attualmente consultabili i seguenti cataloghi:

 

      Archivio Raffaele Viviani*

 

      Programmi di sala e locandine*

 

      Foto*

 

      Album del cinema muto*

 

      Figurini teatrali*

 

      Lino Fiorito: lavori teatrali*

 

      Archivio Salvadore Cammarano*

 

      Giuseppe Verdi: lettere*

 

      Biblioteca Voluptaria

 

      Copioni teatrali

 

      Archivio Achille Torelli

 

      Archivio Salvatore Di Giacomo

 

    (* cataloghi con riproduzione fotografica dei documenti).

Nella sezione Biblioteca digitale è disponibile una selezione di manoscritti, di edizioni a stampa e periodici di interesse teatrale visualizzabili e scaricabili in formato PDF.
Infine, nella sezione Esposizioni virtuali sono presentati materiali (cataloghi, immagini, presentazioni) relativi alle attività espositive della Biblioteca Nazionale di Napoli.


Lascia un commento

CESAR (Calendrier Électronique des Spectacles sous l’Ancien Régime et sous la Révolution): una banca-dati tematica e iconografica sul teatro francese


[“Ulysse et Circé”, scène tirée d’une oeuvre in Le Théâtre italien de Gherardi, 6 tomes, t. 3]
CESAR: Calendrier Électronique des Spectacles sous l’Ancien Régime et sous la Révolution offre una banca-dati tematica e una iconografica sulla storia del teatro francese del XVII e XVIII secolo. Potete fare ricerche sui singoli componenti delle compagnie teatrali, sulle troupe, sui luoghi delle rappresentazioni, sui generi teatrali, sulle rappresentazioni, sulle edizioni dei testi teatrali, sugli editori e sulle biblioteche che possediano testi. Il sito offre anche altre interessanti risorse sull’argomento: la versione in linea delle antologie di Parfaict e di Léris, una selezione di articoli di giornali dell’epoca sull’argomento, rapporti di polizia e testi teorici digitalizzati.


Lascia un commento

Herla project: un database sugli “spettacoli” alla corte dei Gonzaga


[Alessandro Scalzi called “Il Paduano”Frescos of the “NARRENTREPPE”
Castle of Trausnitz (Bavaria)]
L’Herla project è il database che raccoglie e cataloga materiale di archivio (al momento 10022 unità documentarie) sugli “spettacoli” (teatrali, musicali e “eventi”) sotto i duchi di Mantova nel periodo del loro massimo splendore, ossia dal 1480 al 1630.

Spectacle, as we want to research it, is conceived in its widest sense: not only theatre in the strict sense of the word (court theatre, Commedia dell’Arte, opera, Jewish theatre), but also all the events implying a staging: from the sumptuous nuptial banquets with entertainments by actors, dancers and musicians, to triumphal entrances, funeral celebrations, carnival masquerades, tournaments.
These shouldn’t be necessarily great spectacular events: seemingly minor names, for instance those of the intermediaries between the Gonzaga and actors or musicians, frequently prove to be major links in the reconstruction of showmen’s activities.

I materiali indicizzati sono molteplici; documentano infatti la diversità degli “eventi” organizzati a corte (copioni, lettere di architetti, scrittori, musicisti, sovrani, cronache, pagamenti…) e provengono da numerosi archivi italiani ed europei (Parigi, Londra, Madrid, Vienna, Monaco, Lione, Lisbona).
Al momento trovate nel database documentazione sugli “spettacoli” oragnizzati per queste “occasioni” di corte:

    Isabella d’Este e le arti dello spettacolo tra Ferrara e Mantova (1493-1540):

      attività e fortuna degli improvvisatori: fra questi, Filippo Lapaccini (1490-1512), Serafino Ciminelli detto Serafino Aquilano (1495-1498), Niccolò Campani detto lo Strascino (1515-1539) rappresentazione di Il Formicone (1503) di Publio Filippo Mantovano
      festeggiamenti, intrattenimenti e rappresentazioni sceniche presso la corte francese durante il soggiorno di Federico Gonzaga (1516-1517)
      nuovo allestimento mantovano di La Calandria (1532) di Bibbiena da parte di Giulio Romano musici e vita cerimoniale di corte

    Commedia dell’Arte:

      Formazione e composizione di compagnie dell’Arte a partire dagli anni Sessanta del XVI secolo presenza di comici italiani in Spagna, testimoniata da una mole considerevole di pagamenti (1579-1584)
      presenza di comici italiani a Parigi (1600-1614); sodalizi tra comici italiani e francesi; contratti d’affitto per luoghi di spettacolo a Parigi
      tournées in Corte Imperiale di comici legati al Duca di Mantova (Vienna 1614; Praga 1627-1629)
      Isabella Andreini (1587-1604)

    Figure di buffoni:

      Tomasino buffone (1481-1491)
      Ercole Albergati detto Zafarano (1482-1500)
      Galasso (1490-1501)
      Giovan Paolo Agucchia (1593-1621)
      Don Geronimo (1602-1616)

    Teatro ebraico:

      rapporti della comunità ebraica mantovana con la Corte
      l’Accademia degli Invaghiti (ultimi decenni XVI secolo)
      Leone de’ Sommi (1566-1593)

    Rapporti tra i Gonzaga e i territori delle Fiandre:

      Viaggi di Vincenzo Gonzaga (1599; 1608)
      Corrispondenza tra Isabella Andreini ed Erycius Puteanus (1601-1602)

    Rapporti tra i Gonzaga e i territori della Serenissima

      L’acqua come spazio scenico e le cerimonie della Serenissima
      Eco di intrattenimenti veneziani: il carnevale e la festa della “Sensa” (Ascensione)
      Festeggiamenti e rappresentazioni organizzati dalla Compagnia della Calza (1520-1574)
      Principi giapponesi in viaggio in Italia e la tappa Venezia-Mantova (1585)
      Rapporti con l’Accademia Olimpica di Vicenza e del Teatro (1582-1587)

    Festeggiamenti per le nozze di Ferdinando d’Austria con Caterina Gonzaga (1582)
    Rappresentazioni e fortuna del Pastor Fido di Giovan Battista Guarino (1584-1620)
    Pirotecnia allegorica a Dusseldorf (1585)
    Festeggiamenti per il Carnevale a Mantova (documentato in particolare quello del 1591)
    Tappa mantovana del viaggio di Margherita d’Austria in Italia (1598-1599)
    Festeggiamenti per le nozze tra Francesco Gonzaga e Margherita di Savoia (1608)
    Feste e spettacoli in occasione delle nozze tra Eleonora Gonzaga e l’Imperatore Ferdinando II d’Asburgo (1622)