Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Periodico quotidiano Il Lavoro di Genova

Centro_bib_Genova_Lavoro01.jpg_1944328842

Il Centro sistema bibliotecario della Provincia di Genova ha digitalizzato l’importante quotidiano genovese Il Lavoro, in particolare gli esemplari custoditi presso Sala dell’Archivio di Palazzo Doria Spinola, che coprono gli anni dal 1907 al 1958.

Il quotidiano genovese Il Lavoro, (1903-1992) uscì sotto la direzione del parlamentare socialista Giuseppe Canepa, diventando anche sotto il regime fascista la voce delle istanze sociali e sindacali dei portuali genovesi. In seguito organo della federazione socialista ligure, dal 1947 al 1968 ebbe come direttore Sandro Pertini.

Dal 1992 fu assorbito dal quotidiano La Repubblica.

Annunci


Lascia un commento

Biblioteca Gino Bianco: collezioni digitalizzate

biblioteca gino biancoDal sito della biblioteca Gino Bianco è possibile accedere ad una ricca collezione di materiali digitalizzati datati tra la seconda metà dell’800 al secondo dopoguerra, e riguardanti

“le tradizioni di pensiero e di impegno sociale, italiane ed europee, del socialismo umanitario e del libertarismo, del liberalsocialismo e del socialismo democratico, del repubblicanesimo, del liberalismo democratico e del federalismo, rimaste minoritarie, spesso calunniate, per lo più dimenticate, a cui la Storia, e solo lei, col tempo, ha dato ragione”
da http://www.bibliotecaginobianco.it

Tra i documenti disponibili, oltre ad una cinquantina di libri ed opuscoli, si segnalano le seguenti riviste:

Tempo Presente (38 numeri)
politics (42 numeri)
Volontà (211 numeri)
Giustizia e Libertà (191 numeri)
Il Quarto Stato (17 numeri)
Noi Giovani (6 numeri)
L’Unità (366 numeri)
La Voce (81 numeri)
La Critica Politica (46 numeri)
Lo Stato Moderno (83 numeri)
La Nuova Europa (67 numeri)
Mercurio (29 numeri)
Fiera letteraria (477 numeri)
Uomo (9 numeri)
Critica Sociale (425 numeri)
Rivista Critica del Socialismo (11 numeri)
Il Socialismo (70 numeri)
Biblioteca di propaganda per i lavoratori (5 numeri)
Entretiens politiques & littéraires (16 numeri)


Lascia un commento

Bibliografia del socialismo e del movimento operaio italiano

modigliani

La Bibliografia del socialismo e del movimento operaio italiano, curata dall’Ente per la storia del socialismo e del movimento operaio
italiano
, Fondazione Giuseppe Emanuele e Vera Modigliani, è un repertorio bibliografico sulla più vasta pubblicistica riguardante tutta la Storia del movimento operaio italiano nelle sue varie attività e manifestazioni.
(Nella nostra Biblioteca è consultabile la versione cartacea).

La prima parte di questa Bibliografia, inerente le testate periodiche, vide la luce nel 1957 con due tomi dedicati ai Periodici sul socialismo ed il movimento operaio italiano, posseduti dalla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. Esso comprende tutte le riviste italiane storiche, politiche ed economiche censite e spogliate in ordine alfabetico di titolo su di un arco di tempo che va dal 1848 al 1950, con sei Indici di consultazione finale.

La seconda parte comprende invece l’insieme dei libri, degli opuscoli, degli almanacchi e dei numeri unici, nonchè lo spoglio degli articoli delle testate periodiche, pubblicate in Italia dal 1815 al 1990, mediante una schedatura alfabetica per autore e un indice generale per soggetti.

Nel sito della Fondazione è possibile scaricare in formato PDF un’introduzione all’opera e l’elenco dei periodici spogliati suddivisi per anno.
Il database che comprende le schede bibliografiche inserite in ordine alfabetico di autore o di titolo è consultabile online, così come la sperimentazione di spoglio bibliografico dei periodici effettuata negli anni 2001-2002 come continuazione della Bibliografia.

Le schede bibliografiche degli ultimi volumi della Bibliografia,  inerenti gli anni 1983-1990 (M-Z), nonchè gli indici delle voci A-L, sono disponibili online, indicizzate insieme a tutte le altre banche dati che la Fondazione Modigliani ha realizzato.
L’ultimo lavoro in progress riguarda lo spoglio integrale del periodico Rinascita socialista, pubblicato a Parigi negli anni 1928-1930, diretto dallo stesso Modigliani.


Lascia un commento

Archivio Paolo Sylos Labini

testata

L’associazione Paolo Sylos Labini nasce per promuovere e sviluppare le opere e il pensiero del noto economista italiano.

Durante la sua carriera insegnò Economia in diverse università italiane, nel 1991 divenne socio dell’Accademia Nazionale dei Lincei e in seguito fu membro del Consiglio di amministrazione dell’Associazione per lo Sviluppo dell’Industria nel Mezzogiorno (SVIMEZ).

Oltre all’impegno universitario, è stato rilevante il suo impegno politico: influenzato profondamente da Gaetano Salvemini, può essere considerato un liberalsocialista. Negli ultimi anni di vita è  stato uno dei principali esponenti del movimento dei girotondi.

Nella sezione del sito dedicata all’Archivio, è possibile interrogare il Fondo, ospitato dall’Università della Tuscia sul proprio Open Archive.
Il fondo raccoglie la produzione scientifica, gli interventi di attualità politico-economica, la digitalizzazione delle carte d’archivio e i materiali di documentazione.


Lascia un commento

Storia dell’opinione pubblica in Italia attraverso la stampa periodica

Si tratta di un progetto di digitalizzazione che ha coinvolto la Biblioteca Basso di Roma. “Le testate digitalizzate rientrano tutte nel filone principale che caratterizza la Biblioteca: esse sono infatti espressione dei movimenti e del pensiero democratici nonché di quelli socialisti e sono rappresentative della stampa periodica dell’Ottocento, degli inizi del Novecento, e dell’immediato dopoguerra di orientamento democratico e socialista. I periodici prescelti dalla Biblioteca Basso per questo portale coprono un periodo che va dal 1829 al 1949 e sono stati pubblicati in varie città italiane del sud, del centro e del nord”.

Da segnalare “Critica sociale”, uno dei periodici fondamentali per lo studio del socialismo italiano, fondato nel 1891 da Filippo Turati e “La difesa delle lavoratrici” (la cui collezione presenta qualche lacuna), uno dei primi periodici dedicato ai molti problemi del lavoro femminile in Italia.