Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Istituto Lombardo Storia Contemporanea – ILSC

ILSC – Istituto Lombardo di Storia Contemporanea viene fondato nel 1974 e fa parte della rete degli Istituti INSMLI. L’obiettivo principale dell’ Istituto è promuovere la ricerca storica sulla Lombardia contemporanea”, inserendosi sempre nel contesto attuale, muovendosi nell’ambito della Public History.

Riviste:
L’Istituto Lombardo di Storia Contemporanea ha all’attivo due riviste: Storia in Lombardia, che tratta delle vicende storiche della Lombardia Contemporanea, e PreText, una rivista sulla storia dell’editoria e del giornalismo.
L’Istituto Lombardo di Storia Contemporanea vanta centinaia di pubblicazioni, tra saggi, monografie e atti di convegni.
L’ILSC organizza diverse attività tra mostre, seminari, convegni e giornate di studio. Di seguito riportiamo l’elenco degli eventi partendo dai più recenti:

Debito? Una parola inquietante per il secondo corso delle Winter school

Cinema e storia 2018-2019. STORIE DI MIGRAZIONI INTERNAZIONALI DOPO IL 1945. CINEMA, LETTERATURA, CANZONI

POLITICA SOCIETÀ E CULTURA IN ITALIA TRA RISORGIMENTO ED ETÀ LIBERALE 
Annunci


Lascia un commento

Un giornale per la Public History

public.png

Public History Weekly  è una rivista online open access; lo scopo del progetto viene esplicitato nella sezione About us :

Public History Weekly – We want to build bridges between as many academic language communities as possible, net community and digital skepticism, research and application, politics and science, and the school and the university. Look forward to the weekly multi-lingual contributions of our authors from around the world and get the journal through your comments to a place of lively debate.

Molto utile è la sezione Issues, in cui è possibile ricercare gli articoli tramite argomento.

Un piccolo tributo a Michael Ende è la sezione Wilde 13, in cui ogni 13 del mese viene pubblicato un articolo da un autore ospite, la cui identità non viene rivelata fino al momento della pubblicazione.

Studiare storia non si riduce alla semplice lettura di un manuale. L’integrazione dello studio e dell’insegnamento, attraverso le nuove tecnologie, è cruciale per questa disciplina seguendo i principi della crossmedialità e dell’interdisciplinarietà.


Lascia un commento

Biblioteca Digitale delle Donne

La Biblioteca Italiana delle Donne di Bologna ha realizzato la Biblioteca Digitale delle Donne, un progetto di digitalizzazione delle risorse del proprio patrimonio storico, realizzato anche grazie al finanziamento del Ministero per i beni e le attività culturali.

Nell’archivio possiamo ritrovare risorse digitalizzate di diverse epoche: monografie, periodici, fotografie, manifesti, relativi alla memoria storica, culturale, politica e sociale delle donne italiane e dei loro movimenti di emancipazione e liberazione dall’Ottocento ad oggi.

Gli obiettivi del progetto sono :

  • valorizzare il patrimonio storico
  • fornire agli utenti un accesso alle risorse semplice ed intuitivo
  • incrementare e favorire la conoscenza della storia del Movimento delle Donne
  • inserire l’iniziativa all’interno di un quadro globale di digitalizzazione delle risorse, attraverso l’utilizzo di standard internazionali   (ISBD e norme ICCD per l’acquisizione digitale delle immagini) e metadati per la conservazione (Dublin Core).

I tips di bibliostoria (2)


2 commenti

“Oltre il pregiudizio: il caso Medioevo”

 

Clicca sull'immagine per leggere e scaricare la rivista

“Oltre il pregiudizio: il caso Medioevo” è il titolo dell’ultima rivista di “Via Borgogna 3”, magazine della “Casa della cultura”.

Con questo numero della rivista la riflessione storiografica entra anche in viaBorgogna3: in queste pagine riportiamo la discussione svoltasi durante il ciclo curato in Casa della Cultura da Mariateresa Beonio Brocchieri e Massimo Campanini. I quattro incontri hanno messo a fuoco uno dei grandi nodi della storiografia, il Medioevo, con l’obiettivo di smontare un pregiudizio che risale alle battaglie ideali e culturali degli umanisti e degli illuministi ma che è ancora largamente diffuso. ( Tratto da L’editoriale di apertura del fascicolo n9 di viaBorgogna3, di Ferruccio Cappelli)

I tips di Bibliostoria

 

Clicca sull'immagine per leggere e scaricare la rivista


2 commenti

Biblioteca del Senato: Archivio giornali storici in digitale

L’archivio digitale dei giornali antichi, disponibile presso il sito della Biblioteca del Senato, comprende, tra quotidiani e periodici, circa sessanta riviste pubblicate in Italia fra il XVIII e il XIX secolo.

senato

Molte riviste risalgono all’epoca risorgimentale, come ad esempio Il 22 Marzo, uscita in concomitanza con le Cinque giornate di Milano. Non mancano inoltre giornali appartenenti al periodo illuministico e romantico, come Il Caffè di Pietro Verri. E’ presente anche Il corriere delle dame “Giornale di mode, letteratura, belle arti, teatri e notizie politiche”, un settimanale di moda illustrato avviato a Milano nel giugno del 1804 per opera del giornalista Giuseppe Lattanzi (1762-1822) e diretto dalla moglie Carolina Arienti (1771-1818).

L’archivio permette di:

  • sfogliare i numeri delle singole riviste
  • salvarli in formato pdf e utilizzarli su supporti personali di memoria esterna.


Lascia un commento

The British Newspaper Archive

twitter-072017-balanced-940x400-1-300x128

The British Newspaper Archive è  una risorsa pubblicata da Findmypast in collaborazione con la British Library.

La collezione contiene la digitalizzazione di 700 periodici inglesi e irlandesi, stampati tra l’inizio del XVIII secolo e gli anni ’50 del 1900, per un totale di più di 20 milioni di pagine ricercabili.
I periodici coprono tutte le notizie del periodo a livello locale, regionale e nazionale.

E’ possibile applicare diversi filtri in fase di ricerca

  • Family notices: nascite, morti, matrimoni ecc…
  • Necrologi
  • News articles: eventi nazionali
  • Illustrazioni
  • Pubblicità
  • Lettere: rubriche dei lettori

La ricerca all’interno dell’archivio è libera; per avere accesso illimitato alle pagine digitalizzate è necessario pagare un abbonamento.

Il progetto è in costante aggiornamento.


Lascia un commento

Fondo Giornali Pisani

Pisa.Un_Giornali01.jpg_1944330739

Si tratta di un piccolo fondo, frutto del progetto di digitalizzazione avviato dalla Biblioteca universitaria di Pisa.

Il fondo denominato Giornali Pisani è composto da 10 testate che appartengono alla fine dell’Ottocento e all’inizio del Novecento, estremamente interessanti per la documentazione che forniscono della storia della vita artistica, culturale e politica della città di Pisa e della sua provincia.

Ecco l’elenco dei periodici disponibili ad oggi:

  • La Provincia di Pisa (dal 1870 al 1915)
  • Il ponte di Pisa (dal 1893 al 1934)
  • Corriere dell’Arno (dal 1873 al 1894)
  • La Croce pisana (dal 1874 al 1902)
  • L’Educatore del popolo (dal 1865 al 1866)
  • L’Italia (dal 1847 al 1848)
  • La Torre di Pisa (dal 1873 al 1874)
  • La Gazzetta di Pisa (dal 1868 al 1869)
  • Il Risorgimento di Pisa (dal 1873 al 1876)
  • L’eco dell’Era (dal 1889 al 1890)