Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Le banche dati d’Ateneo: Digital Library of Classic Protestant Texts

220px-Lucas_Cranach_d.Ä._-_Martin_Luther,_1528_(Veste_Coburg)

Ritratto di Martin Lutero di Lucas Cranach (1529). Fonte: Wikipedia

Digital Library of Classic Protestant Texts è una banca dati dell’editore Alexander Street Press, che completa la “gemella” Digital Library of Catholic Reformation.

Comprende la collezione a testo completo degli scritti dei teologi cristiani dellera immediatamente precedente e successiva alla riforma protestante: centinaia di opere rare e mai pubblicate prima in unica collezione, che costituiscono una fonte di valore unico per storici, teologi e sociologi interessati allo studio della rivoluzione religiosa e sociale del XVI e XVII secolo.

Sono comprese le opere di tutti gli autori che hanno influito sulla tradizione della chiesa luterana, riformata, anglicana, presbiteriana, battista e anabattista, per un totale di oltre 1.500 volumi fra i quali lopera omnia di Lutero, Calvino, Zwingli, William Perkins, Johannes Cocceius e altri. Fra questi ricordiamo anche Beza, Bucer, Bullinger, Chemnitz, Episcopius, Thomas Firmin, Stephen Nye, Oecolampadius, Menno Simons, Peter Vermigli, ecc.

La collezione di testi teologici è completata da una ricca selezione di scritti confessionali e liturgici, commentari biblici, pamphlet e libri di catechismo.
Tutti i testi sono interamente indicizzati e riprodotti in facsimile.

Annunci


1 Commento

Le banche dati d’Ateneo: Digital Library of Catholic Reformation

220px-Vulgata

Una copia della Vulgata (l’edizione latina della Bibbia cattolica) stampata nel 1590. Fonte: Wikipedia

Digital Library of Catholic Reformation è una banca dati full text edita da Alexander Street Press che rappresenta una risorsa fondamentale per storici, teologi, studiosi di politica e sociologi che si occupano delle rivoluzioni sociali e religiose avvenute tra il 1500 e il 1600.  

Contiene il testo completo di oltre 2000 scritti stampati fra il XVI ed il XVII secolo, compresi bolle papali, editti sinodali, libri di catechismo, manuali confessionali, commentari biblici, trattati teologici, rappresentazioni sacre, testi liturgici, manuali inquisitoriali, libri di preghiera, vite dei santi, ecc.

Fra i testi riprodotti anche le prime edizioni degli Annali Ecclesiastici di Cesare Baronio, l’Italia Sacra di Ferdinando Ugelli e il De probatis sanctorum historiis di Laurentius Surius e gli scritti di altri autori e teologi che hanno influito, nel loro complesso, sul movimento di riforma cattolico.


Lascia un commento

La Bibbia nel ‘500: edizioni, interpretazioni, censure

La collezione comprende 20 edizioni di opere in più volumi  tra le più rappresentative della Sacra Scrittura di epoca umanistica-rinascimentale che rispecchiano la complessità del dibattito tra cattolici e riformati con particolare attenzione al territorio toscano in generale, fiorentino e senese in particolare. e che documentano le trasformazioni e la circolazione del testo biblico nei primi secoli dell’arte della stampa.

I volumi digitalizzati provengono dai fondi della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.

Tra le edizioni più significative:

  • l’edizione del Fondo Palatino del Malerbi del 1490
  • la Bibbia Sisto-Clementina, stampata a Roma nel 1592
  • l’esemplare Diodatina del Fondo Magliabechiano di Giovanni Diodati del 1607