Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Leggi sabaude: raccolta Duboin

duboim

Ancora dall’Archivio di Stato di Torino, segnaliamo l’opera: Raccolta per ordine di materie delle leggi, editti, manifesti, ecc., pubblicati dal principio dell’anno 1681 sino agli 8 dicembre 1798 sotto il felicissimo dominio della Real Casa di Savoia per servire di continuazione a quella del senatore Borelli.

Pubblicata a Torino tra il 1818 e il 1860 in 16 libri, 25 tomi e 38 volumi da Felice Amato Duboin, la raccolta costituisce un’irrinunciabile fonte per chiunque voglia studiare la legislazione sabauda relativa al ducato di Savoia e al Regno di Sardegna.
Le leggi sono raccolte per materia e contemplano tutti gli aspetti della produzione legislativa sabauda dei secoli XVII e XVIII, con riferimenti, per lo più nelle note, alla legislazione (oppure normativa) pregressa degli Stati dei Savoia attinente alle medesime materie.

L’opera è disponibile anche in HathiTrust, archivio delle opere (monografie e riviste) digitalizzate dagli enti aderenti al consorzio, tra cui il Committee on Institutional Cooperation (CIC) e le più importanti istituzioni di ricerca e biblioteche universitarie statunitensi.

Annunci


Lascia un commento

Fondazione 1563: Archivio storico della Compagnia di San Paolo

logo

La Fondazione 1563 della Compagnia di San Paolo custodisce il patrimonio documentario prodotto dal XVI al XX secolo, testimonianza della storia plurisecolare della Compagnia di San Paolo. I documenti derivano dall’antica Compagnia e dal Monte di Pietà, dalle Opere Pie di San Paolo e dall’Istituto Bancario San Paolo di Torino: il patrimonio dell’Archivio Storico della Compagnia di San Paolo è una fonte di ricerca eccezionale per la storia piemontese e nazionale, in relazione con numerosi archivi italiani, a disposizione di studiosi, ricercatori e semplici cittadini.

Dal sito della Fondazione è possibile accedere all’Archivio storico dell’antica Compagnia (1563-1852), interamente digitalizzato. Si tratta di 4.500 fascicoli e volumi descritti e associati a oltre 200.000 immagini, vera e propria porta di accesso on line alla storia dell’ente.
Le immagini digitali sono consultabili previa registrazione.

Oltre al Fondo Gallo, appartenente alla Fondazione, sono di notevole interesse storico i seguenti repertori:


1 Commento

BESS digital archive

bludigibess2

La Biblioteca elettronica di scienze sociali ed economiche del Piemonte è formata da 18 biblioteche/centri di documentazione e “nasce allo scopo di ampliare la disponibilità di risorse bibliografiche e statistiche on line” della regione.

Bess intende incrementare gli acquisti di nuove fonti documentarie e statistiche e potenziare i propri servizi per favorire una maggiore diffusione sul territorio dell’informazione socioeconomica grazie al crescente ricorso all’impiego delle nuove tecnologie dell’informazione e della ricerca via internet. E’ in tale contesto si propone, inoltre, di incentivare una maggiore collaborazione interbibliotecaria piemontese.

La Digital library fornisce l’accesso ad alcune pubblicazioni di ambito economico, come il periodico mensile del Gruppo FIAT, Lancia o l’Archivio storico Lavazza.

Inoltre, alcune annate del periodico L’economista, pubblicazioni IRES e il fondo Cognetti del Dipartimento di Economia dell’Università di Torino.


1 Commento

Risorse online della Società di Studi Valdesi

Statua raffigurante Valdo ubicata a Worms (Germania).  it.wikipedia.org

Statua raffigurante Valdo ubicata a Worms (Germania).
it.wikipedia.org

I fedeli della confessione protestante valdese, riuniti nella Chiesa Evangelica Valdese,  sono presenti in Italia dal XIII secolo. La corrente nasce nel Medioevo e il movimento, fondato da Valdo di Lione, si inserisce nella riforma del cristianesimo sviluppatasi durante il XII secolo.

La Società di studi valdesi fu fondata a Torre Pellice nell’estate del 1881 con l’intento di promuovere studi e ricerche sulla storia e sulla diffusione del movimento valdese e delle Chiese valdesi, sui movimenti di riforma religiosa in Piemonte e in Italia e sull’ambiente delle Valli valdesi.

Nel sito è possibile scorrere gli indici degli ultimi numeri del Bollettino, principale rivista di studi e di ricerche sul valdismo.
Di notevole interesse è anche il Dizionario biografico dei protestanti in Italia, che si propone di raccogliere le biografie degli esponenti del protestantesimo storico italiano a partire dal 1500 fino al 1900.


Lascia un commento

Carte topografiche e disegni dell’Archivio di Stato di Torino

Particolare della Mappa di Susa

Particolare della Mappa di Susa

“A partire dalla fine degli anni ’90, l’Archivio di Stato di Torino, aderendo al Progetto Ministeriale Imago2, incominciò ad attuare la prima di una lunga serie di campagne di digitalizzazione volte ad acquisire in formato digitale l’intero patrimonio cartografico e catastale conservato dall’Istituto“.

E’ ora possibile consultare le raccolte cartografiche della Sezione Corte, delle Sezioni Riunite, i Catasti e la cartografia della Biblioteca Antica, la maggior parte delle quali riportano il link alle mappe in formato digitale.


4 commenti

Collezione di immagini digitali del mondo dell’impresa, dell’industria e del lavoro in Piemonte

Piemonte_CAIP01_jpg_1944329002

E’ un grande archivio di immagini digitali che intende valorizzare il consistente patrimonio aziendale e industriale del Piemonte.

Le 4.085 immagini inedite, testimoniano le vicende delle imprese, delle famiglie e delle persone, i percorsi produttivi e i materiali, i luoghi e gli edifici e sono ricavate dalla digitalizzazione di materiale iconografico reperito presso 39 aziende piemontesi, scelte fra le più rappresentative e conosciute, tra cui: Aurora, Aviogroup, Borsalino, Cinzano, Fiat, Gruppo Finanziario Tessile, Lanterna magica, Lenci, Leone, Olivetti, Pastore, Riv-Skf, Superga, Talmone-Venchi, Utet.


1 Commento

Catalogo on-line delle lettere autografe delle biblioteche civiche torinesi


Il catalogo on-line delle lettere autografe delle biblioteche civiche torinesi consente la ricerca relativa agli autori e ai destinatari delle lettere conservate in diversi fondi documentali, in gran parte pervenuti o elencati recentemente e per i quali non esiste possibilità di recupero attraverso i tradizionali cataloghi a schede. Potete scorrere le lettere presenti o fare una ricerca per mittenti e destinatari
Questi i Fondi presenti:

Fondo Arrivabene
Raccolta di lettere del giornalista Opprandino Arrivabene, nato a Mantova nel 1807 e morto a Roma il 2 gennaio 1887, tutte indirizzate da Torino al mecenate lombardo Filippo Ala Ponzone, nato a Milano nel 1814 e morto a Baden-Baden nel 1885. L’Arrivabene fu figura non secondaria nel giornalismo del tempo, per quarant’anni collaboratore dell’Opinione e fondatore della Staffetta, poi diventata la Gazzetta di Torino. Cemento del suo rapporto con il nobile lombardo fu la convinta adesione agli ideali risorgimentali, giunta fino alla partecipazione al finanziamento delle imprese garibaldine. Il fondo, attualmente di 244 lettere, riunisce le 198 inviate a Genova tra il 1855 e il 1858, acquistate nel 2005 dal Sistema bibliotecario urbano e le 46 lettere indirizzate a Parigi dal 1859 al 1862, appartenenti alla Collezione Giovanni Marianetti (Pisa 1924 – Torino 2006) e depositate dalle figlie Sandra e Daniela in comodato preso la Biblioteca civica centrale.
Fondo Carutti
Raccolta di lettere indirizzate a Domenico Carutti di Cantogno, nato il 26 novembre 1821 a Cumiana (TO), dove morì il 4 agosto 1909. Storico, alto funzionario e uomo politico piemontese, fu ministro plenipotenziario a L’Aja dal 1862 al ’65, Senatore del Regno, socio e presidente della Deputazione di storia patria in Torino.
Fondo Celanza
Raccolta di lettere di e indirizzate all’editore Emanuele Celanza (1883-1950).
Fondo Cottinet
Raccolta di lettere e cartoline inviate al letterato francese Clair-Edmond Cottinet (Parigi, 18 febbraio 1824 – 20 febbraio 1895) da Edmondo De Amicis, Giuseppe Giacosa e altri corrispondenti piemontesi.
Fondo D’Azeglio
Raccolta di lettere scritte da Massimo d’Azeglio (1798-1866) e dalla moglie Giulia Manzoni (1808-1834) al signor Carlo Calcina, amministratore dei loro beni, negli anni ’30 dell’Ottocento. Gli autografi sono stati donati alla Città di Torino dalla signora Margherita Stroppiana nel 1958.
Fondo Geisser
Piccolo, ma significativo, fondo di lettere del banchiere oriundo svizzero Alberto Geisser, nato a Torino nel 1859 e morto a Roma nel 1929 e dal 1857 al 1894 console generale svizzero in Italia. La raccolta documenta l’impegno suo e di un ristretto gruppo di collaboratori per impostare anche in Italia un sistema di pubblica lettura.
Lettere Montù (Fondo Antonio Bosio)
Raccolta di lettere, quasi tutte indirizzate al teologo Giambattista Gioacchino Montù (Chieri, 11 aprile 1777 – 9 aprile 1850), professore di lingua greca presso l’Università di Torino e studioso di memorie locali. Queste lettere provengono dal fondo Antonio Bosio, anch’egli cultore di studi locali e amico del Montù di cui acquisì l’archivio e la biblioteca.
Fondo Rocca
Raccolta di lettere indirizzate all’avvocato Luigi Rocca (Torino, 17 giugno 1812 – Biella, 9 agosto 1888), uno dei protagonisti della vita culturale e artistica torinese nell’Ottocento. Determinante fu il suo intervento per l’ideazione e le attività della Società promotrice delle belle arti e del Circolo degli artisti. Diresse, unitamente a Carlo Felice Biscarra, la rivista L’arte in Italia.
Nuove acquisizioni
Autografi e piccoli nuclei di documenti acquisiti nel corso degli ultimi anni per integrare le raccolte già conservate presso la Biblioteca civica centrale. Con poche eccezioni, l’attenzione è stata indirizzata ai protagonisti della vita istituzionale e culturale piemontese: dai Savoia a Cavour, da Pellico a Rosmini.