Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Le banche dati d’Ateneo: Eighteenth century journals portal

220px-The_Daily_Courant

Il «Daily Courant». Da Wikipedia

In questa rubrica presentiamo le numerose banche dati storiche in rete d’Ateneo, che è possibile consultare dai pc della nostra biblioteca.
Ricordiamo che l’accesso da casa è riservato agli utenti istituzionali dell’Università degli Studi di Milano.

Eighteenth century journals portal è un’importante risorsa per la storia moderna, di interesse internazionale, edita da Adam Matthew Digital.
Si tratta di una banca dati full text, che contiene quindi la digitalizzazione degli articoli.

Offre l’accesso a interessanti periodici in lingua inglese pubblicati tra il 1685 e il 1820 e conservati presso biblioteche e istituzioni inglesi.
Molto vari sono gli argomenti trattati: vita nelle colonie inglesi, rivoluzione francese e americana, dibattiti politici, letteratura e società inglese.

Annunci


Lascia un commento

Copac: metacalogo delle biblioteche anglosassoni

header

Copac è un metacatalogo che interroga i cataloghi delle 90 maggiori biblioteche di Regno Unito e Irlanda.

Con una singola ricerca è possibile scoprire il posseduto delle maggiori biblioteche nazionali (tra cui la British Library), universitarie (come Oxford e Cambridge) e biblioteche specialistiche; il numero delle biblioteche è in costante crescita.

Il metacatalogo offre tre opzioni: quick search, main search con molti più campi e una map search specifica per la localizzazione del materiale cartografico.
E’ possibile anche creare un’area personale per salvare le proprie ricerche e costruire bibliografie.


Lascia un commento

Irish script on screen: manoscritti irlandesi digitalizzati

isos - irish script on screenISOS – Irish script on screen è un progetto avviato nel 1999 e curato dalla School of Celtic Studies, Dublin Institute for Advanced Studies.

Gli obiettivi del progetto sono esplicitati molto chiaramente: offrire a studenti e studiosi la possibilità di accedere a digitalizzazioni di alta qualità di manoscritti irlandesi, conservati in istituzioni irlandesi ed estere, al fine di preservare e promuovere il patrimonio culturale. Molto precise anche le informazioni relative al copyright delle immagini e agli aspetti tecnici della digitalizzazione.

E’ possibile navigare nelle collezioni delle diverse istituzioni rappresentate (ognuna con una scheda introduttiva), oppure effettuare una ricerca all’interno dei testi.
Interessante ed utile è anche la scelta di corredare ciascun manoscritto di descrizione, bibliografie e commento, così da permettere tanto a studiosi della materia quanto a semplici curiosi di comprendere meglio la storia e il contesto di ciascun documento. I nuovi inserimenti vengono segnalati nella pagina what’s new.

Il sito è disponibile in inglese e in gaelico.

Altre risorse sull’Irlanda?


Lascia un commento

Archives Portaleurope: portale europeo degli Archivi

archives portaleurope

Archives portaleurope – da http://www.archivesportaleurope.net

Archives Portaleurope, il portale europeo degli archivi, fornisce informazioni sulla documentazione posseduta dagli istituti archivistici di vari paesi europei. I paesi partecipanti sono i seguenti: Belgio, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Lettonia, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovenia, Spagna, Svezia ed Ungheria.

Dal sito riportiamo la descrizione del progetto:

Il Portale europeo degli archivi è uno dei risultati principali realizzati dal progetto APEx, sostenuto dalla Commissione europea. Il consorzio del progetto è attualmente composto da 28 soggetti tra archivi nazionali e amministrazioni archivistiche centrali, già presenti nel Portale europeo degli archivi con parte della loro documentazione archivistica ricercabile online e con informazioni di carattere generale.

Buone le funzionalità di ricerca (anche all’interno di guide ed inventari, e per estremi cronologici) che permettono di scoprire in modo semplice un patrimonio documentario davvero imponente e fondamentale per lo studio della storia europea.

Archives portaleurope è integrato con Europeana:

Il progetto non ha come unico obiettivo il Portale europeo degli archivi, ma coopera anche con Europeana per rendere la documentazione archivistica ricercabile e accessibile nel contesto multidisciplinare del patrimonio culturale di biblioteche, archivi, musei e collezioni audiovisive online.


Lascia un commento

Studies in Scarlet: matrimonio e sessualità in America e Regno Unito, 1815-1914

Scarlet_VC_banner

I processi riguardanti le relazioni coniugali o extraconiugali durante il 19. e il 20. secolo  hanno a lungo coinvolto l’immaginazione popolare.

Il database Studies in Scarlet presenta più di 420 narrazioni in formato immagine di processi provenienti dalla collezione della Harvard Law School  Library. Molti sono i processi a uomini e donne ricchi e conosciuti come quello per  l’adulterio di Carolina, regina e consorte di Georgio IV, il processo per sodomia a Oscar Wilde e quello a Harry Thaw per l’omicidio di Stanford White, il famoso architetto che fu l’amante di Evelyn Nesbit Thaw.

La gran parte della collezione comprende, però, storie di uomini e donne comuni, americani, inglesi e irlandesi, finiti sotto i riflettori tra il 1815 e il 1914: i casi riguardano violenza domestica, bigamia, seduzione, promesse di matrimonio infrante, custodia dei figli, processi per omicidio o stupro. Questi processi rappresentano delle fonti importanti per la storia delle donne nella società moderna.


Lascia un commento

Trinity College Dublin: digital collections

The Book of Kells

The Book of Kells

All’interno delle collezioni digitali della Biblioteca del Trinity College Dublino è possibile visualizzare testi, mappe, dipinti, manoscritti e fotografie relativi alla storia irlandese.
La biblioteca ospita inoltre il famoso Book of Kells, manoscritto miniato realizzato dai monaci benedettini irlandesi intorno all’800 conosciuto anche come Il Grande Evangelario di San Colombano: i volumi contengono il testo in latino dei Vangeli con pregiate miniature e illustrazioni. Il Libro fu donato al Trinity College nel 1661 da Henry Jones, vescovo di Meath.

Relativamente alla storia irlandese segnaliamo anche il sito Irish History Online (IHO) che fa parte di una rete europea dedita alla redazione di bibliografie storiche.
La bibliografia include monografie, articoli tratti da riviste storiche internazionali, nazionali e locali, e saggi pubblicati dal 1930 in poi, riguardanti la storia d’Irlanda  a partire dalla preistoria fino ai giorni nostri.