Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Biblio&me 3 – Proroga i tuoi prestiti

bibliome_03

E’ online il terzo episodio di Biblio&me, la serie di video che raccontano come usare al meglio i servizi bibliotecari.

Come Monica e Yuri  è possibile prorogare i libri in prestito usando l’App bibliounimi o l’Area personale del Catalogo.

La proroga è disponibile qualche giorno prima della scadenza se il libro non è stato prenotato da nessun altro: il link si trova nell’elenco dei prestiti accanto al titolo da prorogare.


Lascia un commento

Lavori in corso sul fondo Antonello Gerbi

In occasione dell’alternanza scuola-lavoro del mese di Febbraio 2017 è stato avviato un progetto di recupero dei materiali reperiti all’interno dei volumi del fondo librario di Antonello Gerbi, parzialmente ospitato presso la nostra biblioteca.

Il post seguente è stato curato da Ottavia Fracchiolla & Giulia Gualmini, studentesse presso il liceo Luigi Galvani di Milano, momentaneamente ospitate presso la biblioteca.

Biografia di Antonello Gerbi

Antonello Gerbi (Firenze 1904 – Civenna 1976), di origine ebraica, dopo la laurea in Legge entrò alla Banca Commerciale Italiana dove rimase per circa quarant’anni, nel ruolo di capo dell’Ufficio Studi. Egli fu riconosciuto come uno fra i più importanti studiosi di storia americana. A causa delle leggi razziali, durante la seconda guerra mondiale, si trasferì a Lima dove visse per dieci anni.

Maggiori informazioni alla voce Antonello Gerbi nel Dizionario biografico degli italiani.

Il Fondo Librario

img_20170224_102420

Alcuni dei libri del fondo Gerbi in lavorazione

Il Fondo Antonello Gerbi  è parte di una più ampia biblioteca suddivisa, secondo l’ambito disciplinare, tra le biblioteche dell’Università degli Studi di Milano
La biblioteca di Scienze della Storia possiede circa 3000 volumi  suddivisi in dieci settori tematici

01.       America
02.
       Cristianesimo antico
03.
       Risorgimento
04.
       Benedetto Croce. Testi e studi
05.
       Illuminismo
06.
       Rivoluzione francese
07.
       Storia delle idee
08.
       Storia d’Europa
09.
       Biografie
10.
       Opere di A. Gerbi

oltre ad un fondo di Edizioni Pregiate.

Le Carte d’archivio sono invece ospitate nell’Archivio Storico di Banca Intesa-S. Paolo.

Il recupero dei documenti

img_20170224_102400

Analisi dei documenti in corso

Gerbi ha raccolto, nel corso dei suoi studi, vari materiali; essi sono oggi contenuti all’interno dei libri del fondo, accessibili a tutti. Questi materiali si possono quindi perdere facilmente.
La biblioteca, consapevole del valore storico dei documenti contenuti, ha deciso di analizzare attentamente ogni libro e conservare in sicurezza ogni documento ritrovato all’interno.
L’attività si è resa necessaria per proteggere sia i materiali allegati, sia i volumi che li contengono poiché si possono rovinare se tenuti a contatto con carta acida (la maggior parte dei materiali rinvenuti è infatti composta da ritagli di giornale).
Si è proceduto quindi esaminando e descrivendo i documenti, indicando per ciascuno tipologia documentaria, dimensione e punto del libro in cui è stato ritrovato.
Ciascun materiale è stato poi imbustato con allegata la scheda di rilevazione.

img_20170224_102458

Scheda di rilevazione

Per ora sono stati analizzati circa 570 libri, appartenenti al settore 01 – America, ed è stato ritrovato del materiale allegato in circa il 40% di essi.
Tra i materiali ritrovati, oltre ad un elevatissimo numero di ritagli di giornali, si segnalano dattiloscritti, cartoline, biglietti del tram, ricevute e fatture, pubblicità e fotografie.

Le prossime fasi del lavoro

Tutto il fondo Gerbi andrà analizzato nel corso dei prossimi mesi ed il lavoro completato per tutte le sezioni.
Il materiale recuperato sarà nelle prossime settimane trasferito in buste e contenitori in carta a riserva alcalina per permetterne una conservazione a lungo termine.
E’ probabile che i prossimi studenti del progetto alternanza scuola-lavoro siano coinvolti nella prosecuzione del “salvataggio”.

 


Lascia un commento

Biblio&me. Online il secondo video: trova il libro con un click

bibliome-02qrcodeE’ online il secondo episodio di Biblio&me, la serie di video che raccontano come usare al meglio i servizi bibliotecari.

Troppi libri da acquistare? Cercali in biblioteca!
Questa volta è Francesco che aiuta Monica a prenotare in biblioteca il libro per il seminario: con l’App bibliounimi è possibile verificare se un libro è disponibile anche in biblioteca: basta inquadrare il barcode con lo smarthphone e con un click richiederlo in prestito.

Guarda tutti i video di Biblio&me.


Lascia un commento

Raccolta per ordine di materie delle leggi, editti, manifesti, ecc.

duboim

Dall’Archivio di Stato di Torino, segnaliamo la digitalizzazione dell’opera Raccolta per ordine di materie delle leggi, editti, manifesti, ecc., pubblicati dal principio dell’anno 1681 sino agli 8 dicembre 1798 sotto il felicissimo dominio della Real Casa di Savoia per servire di continuazione a quella del senatore Borelli.

I volumi, di Felice Amato Duboin, furono pubblicati a Torino tra il 1818 e il 1860 e costituiscono una fonte preziosa per lo studio della legislazione relativa al ducato di Savoia e al Regno di Sardegna.

Le leggi sono raccolte per materia e contemplano tutti gli aspetti della produzione legislativa sabauda dei secoli XVII e XVIII, con riferimenti, per lo più nelle note, alla legislazione (oppure normativa) pregressa  degli Stati dei Savoia attinente alle medesime materie.


Lascia un commento

Ciak, si gira! Biblio&me: i video delle biblioteche della Statale

bibliome-01qrcode

Biblio&me è la serie di video che raccontano come usare al meglio i servizi bibliotecari della nostra Università direttamente dalla app bibliounimi o dall’area personale del catalogo.

Nel primo video della serie  Francesco e Mariangela – studentessa e studente della Statale – insegnano come tenere sotto controllo i libri presi in prestito in biblioteca, in modo “facile e veloce”.

Realizzata dal CTU – Centro per l’e-learning e la didattica multimediale – la serie di video Biblio&me nasce da un’idea del Sistema Bibliotecario d’Ateneo per raccontare il mondo delle biblioteche in modo semplice, divertente e a portata di click.


Lascia un commento

Nuovi arrivi in biblioteca: mese di Febbraio

libri nuovi gennaioNovità in biblioteca!

Ogni mese presentiamo alcuni libri selezionati tra i nuovi acquisti, suddivisi virtualmente tra gli “scaffali” della biblioteca, se possibile accompagnati da una scheda descrittiva o una recensione.

Storia generale Breve storia del razzismo : teorie e pratiche della discriminazione dal medioevo a oggi / George M. Fredrickson ; traduzione di Annalisa Merlino. – Roma : Donzelli, 2016. – 181 p. ; 17 cm.

Storia Medievale Archeologia dell’Italia medievale / Andrea Augenti. – Roma ; Bari : GLF editori Laterza, 2016. – VI, 332 p. : ill. ; 24 cm.

Storia Moderna L’honneur du soldat : éthique martiale et discipline guerrière dans la France des Lumières / Arnaud Guinier ; préface d’Hervé Drévillon. – Ceyzérieu : Champ Vallon, 2014. – 409, [5] p. : ill. ; 22 cm. Continua a leggere


1 Commento

Ricettari medici

unifi_ricettari01-jpg_1944328971

La collezione di ricettari medici posseduti dalla Biblioteca Biomedica dell’Università degli Studi di Firenze presenta antidotari, ricettari e Farmacopee, che divennero, nel corso dei secoli, strumenti fondamentali per la professione farmaceutica.

Essi delinearono la figura dello speziale, che “riportava la corretta composizione dei medicamenti e l’elenco di quelli approvati”.

Grande importanza ebbe il Ricettario fiorentino che dal 1498 al 1789 ebbe numerose edizioni e ristampe. La redazione è affidata al Collegio medico di Firenze dai Consoli dell’Arte dei medici e degli speziali che aveva autorità sui medici e gli speziali della città e del contado. Il Ricettario fiorentino può essere considerato la prima Farmacopea pubblica come oggi l’intendiamo, cioè un libro scritto per ordine delle autorità che indicava i medicamenti da conservarsi nelle farmacie e le regole cui attenersi nella preparazione dei farmaci, fornendo così una specie di codice che, tutelando la salute pubblica, servisse da guida ai medici e ai farmacisti.