Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


1 Commento

Lexicon Totius Latinitatis

lexicon_forcellini

Ritratto di Egidio Forcellini

Nel sito dell’Archivio di Stato di Torino è disponibile la digitalizzazione del Lexicon Totius Latinitatis, considerato un fondamentale strumento per chiunque si dedichi alla lettura e alla traduzione di testi latini.

Opera del sacerdote padovano Egidio Forcellini (1705-1768), venne terminato nel 1761 e pubblicato postumo nel 1771.
L’opera conobbe nel corso del XIX secolo diverse edizioni accresciute, come quella di inizio Ottocento curata da Giuseppe Forlanetto o quelle di Vincenzo De Vit e Reinhold Klotz della seconda metà del secolo.

Di seguito i link ai tomi:
Tomo primo, A-C
Tomo secondo, D-L
Tomo terzo, M-R
Tomo quarto, S-Z

Ricordiamo che in biblioteca è consultabile l’edizione cartacea, con collocazione
10L. PAL.B. 0022.

Annunci


Lascia un commento

Storia digitale: contenuti online per la storia

Vi segnaliamo un repertorio di risorse digitali, utili alla ricerca storica, per l’ambito cronologico, compreso tra Medioevo ed Età contemporanea.

46784_398701200236636_210719757_n

Fonte: https://www.facebook.com/storiadigitale

E’ possibile effettuare le ricerche, sia per area cronologica che per area geografica.

Una ricca selezione di metafonti ( audio, fotografie, manoscritti, mappe, stampe, video) permette di effettuare uno studio a 360° sull’argomento che desideriamo approfondire.

La sezione strumenti consente di scoprire le migliori applicazioni in ambito storico, da poter scaricare su smartphone e tablet, permette l’accesso a ipertesti tratti da Tesi di Laurea discusse in Atenei italiani e rese disponibili dagli autori con aggiornamenti bibliografici e risorse digitali.

 

 


Lascia un commento

Bibliografia per la tesi: strumenti utili

Il Servizio bibliotecario ha preparato una pagina che illustra i principali strumenti utili per gestire le bibliografie, salvare, archiviare e condividere le citazioni, inserire le referenze in un testo, scegliere tra i diversi formati citazionali messi a disposizione e modificarli in modo automatico.
Ecco i principali:

Segnaliamo che, grazie ad un accordo con Elsevier, la versione Institutional del software Mendeley per creare e gestire bibliografie è gratuitamente a disposizione di tutti gli utenti con casella di posta @unimi.it.
L’upgrade permette maggiori funzionalità: 100 GB di memoria e la possibilità di creare un illimitato numero di gruppi di lavoro.
Mendeley si propone anche come un ”academic social network”: dopo l’autenticazione è possibile accedere alla pagina University of Milan, seguire le ricerche di coloro che vi hanno aderito e recuperare citazioni preziose archiviate dagli altri aderenti al network.

Per gli utenti non appartenenti all’Università degli studi di Milano è sempre possibile utilizzare la versione free.

Ricordiamo che il Servizio bibliotecario d’Ateneo organizza periodicamente degli incontri sull’uso di questo software bibliografico. 


Lascia un commento

Verso la tesi? Spunti e consigli per prepararsi alla prova finale

Verso_2018_2

Stai per scrivere la tesi?  Hai appena cominciato a cercare il materiale e ti sei accorto che non è così semplice? Vuoi informazioni su calendario, tempistiche e modalità?

Se sei uno studente di laurea magistrale di area umanistica, politica, economica o sociale questo incontro è pensato per te!
Le Biblioteche e il Cosp della Statale nell’arco di una mattinata ti daranno indicazioni utili e pratiche per realizzare il tuo elaborato finale.

Scegli a quale incontro partecipare:
Mercoledì 21 marzo: Aula Manhattan, via Festa del Perdono 3, ore 9.30-13.00
Giovedì 5 aprile: Aula 2 – Scienze politiche, via Conservatorio 7, ore 9.30-13.00

Per iscriverti compila questo modulo e segui tutte le istruzioni che riceverai via mail. Per qualsiasi informazione consulta la pagina oppure scrivi a indirizzo di posta corsibd@unimi.it.
Nel frattempo consulta la pagina Laurearsi/Tesi di laurea dal sito del Sistema Bibliotecario di Ateneo.


Lascia un commento

Libreria Open Access Firenze University Press

img_openaccess

“La libreria Open Access è una collezione di opere ad Accesso Aperto scaricabili in versione integrale dal sito in formato pdf. Firenze University Press aderisce così alla politica dell’Accesso Aperto, con l’obiettivo di favorire la disseminazione di pubblicazioni scientifiche di qualità garantite dal proprio comitato scientifico e nel rispetto dei diritti d’autore”.

Dal portale dell’editore Firenze University Press è possibile accedere a 524 volumi Open Access, tra cui molti dedicati alle Scienze Umanistiche e Sociali e alla Storia.

In passato abbiamo dedicato un post alle riviste di ambito storico sempre dello stesso editore.


Lascia un commento

Archivi in Toscana

Maria_Lai_Home

Il portale Archivi in Toscana, nato da un accordo tra la Soprintendenza Archivistica della Toscana e la Regione Toscana sottoscritto nel 2013, si avvale anche della collaborazione della Scuola Normale Superiore per l’attività di redazione.

Esso si pone due obiettivi fondamentali: da un lato quello di far conoscere la straordinaria ricchezza del patrimonio archivistico presente sul territorio regionale; dall’altro quello di facilitare la ricerca offrendo un punto di accesso integrato alle risorse archivistiche in rete.

Segnaliamo la sezione Visti da vicino, che si articola in quattro approfondimenti.

  • La vetrina dei segreti: “un breve viaggio tra i tesori degli archivi e degli istituti culturali toscani a partire da semplici ma uniche curiosità”.
  • Visita un archivio: “un programma di appuntamenti (a  cadenza mensile) alla scoperta del patrimonio archivistico con focus dedicati agli archivi meno noti o di più difficile accesso”.
  • Percorsi: “un approfondimento tematico (anch’esso mensile) su uno specifico fondo archivistico o su più archivi tra loro connessi”.
  • Il giornale della tutela: i sopralluoghi “effettuati dai funzionari della Soprintendenza e dagli ispettori archivistici alle molte realtà toscane e le relazioni stilate in tali occasioni”.

Per finire, all’interno dell’utilissima Come cercare si trovano sistemi informativi e banche dati attualmente in linea, strumenti di corredo e una biblioteca digitale per la professione archivistica.


1 Commento

Resistenza mAPPe

mappe_logo

Dal sito della rivista Diacronie, segnaliamo il progetto Resistenza mAPPe, Guerra e Resistenza in Emilia-Romagna settant’anni dopo. Percorsi al di qua e al di là della Linea Gotica – Mappe urbane e regionali della Guerra e della Resistenza, a cura degli Istituti Storici dell’Emilia-Romagna in Rete, nato per ricordare i luoghi e gli eventi della Seconda Guerra Mondiale e della Resistenza.

Nella sua versione aggiornata, il portale dà accesso a una collana di web-app dedicate a itinerari turistico-culturali all’interno dei centri urbani dei capoluoghi di provincia, a tre nuovi percorsi tematici regionali dedicati alla Resistenza in pianura, in montagna e sulla costa, e infine a un’app specifica dedicata ai cippi e alle lapidi nelle strade e alle piazze della città di Modena.

“Grazie al sistema di geolocalizzazione, l’utente che scarica l’app sul proprio supporto mobile potrà visitare i luoghi della memoria seguendo percorsi ideati su argomenti specifici”.

Il portale, molto utile per il mondo della scuola, ospita una sezione dedicata a progetti didattici, oltre a una timeline e un interessante Glossario.