Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Conosci le banche dati utili per la tua tesi o per la tua ricerca?

normal_0007

Anche per il secondo semestre le biblioteche hanno organizzato diversi incontri per imparare a trarre il massimo vantaggio dalle risorse digitali messe a disposizione dall’Ateneo (e-book, e-journal, banche dati).

L’incontro La ricerca in ambito storico si terrà il mercoledì 9 maggio, dalle 14.00 alle 17.00 in Aula Manhattan.

L’’incontro si propone di illustrare e guidare all’’utilizzo di alcune banche dati delle discipline storiche medievali, moderne e contemporanee, sia bibliografiche che full text.

Saranno illustrate le seguenti risorse online:

  • PIO (Periodical Index Online): indicizza oltre circa 4.750 periodici, di cui 231 italiani, nel campo delle scienze umane e sociali dal loro primo numero fino al 1995.
  • REGESTA IMPERII –OPAC: catalogo e banca dati multidisciplinare per la ricerca bibliografica di carattere umanistico in eta’ medievale. L’area geografica di riferimento è l’Europa.
  • DARWINBOOKS: archivio digitale delle pubblicazioni della casa editrice Il Mulino. Presenta diverse centinaia di testi di ricerca di autori italiani pubblicati a stampa dopo il 2000 e organizzati in collezioni disciplinari (storia, filosofia, linguistica e critica letteraria, scienza politica, sociologia, psicologia, economia e diritto).
  • U.S. INTELLIGENCE ON EUROPE: raccolta di oltre 4.000 documenti del governo degli Stati Uniti relativi alle attività di intelligence in Europa dalla fine della seconda Guerra Mondiale al 1995.
  • WBIS (World Biographical Information System): contiene biografie concise di 6 milioni di persone. Gli articoli sono riprodotti come immagini facsimili. •
  • HISTORICAL ABSTRACTS WITH FULL TEXTS : banca dati full text di ambito storico. Comprende tutti i temi della storia moderna e contemporanea mondiale (dal 1450 ai giorni nostri) ad esclusione della storia nord-americana. Ha un ottima copertura sui temi europei ed italiani.

E’ già possibile iscriversi. Per informazioni e iscrizioni consultare la pagina dedicata.

Annunci


1 Commento

Bibliothèque diplomatique numérique

Bibliothèque diplomatique numérique è un progetto del Ministère de l’Europe et des Affaires étrangères francese.

Si tratta della digitalizzazione di documenti storici, tra cui relazioni consolari, dispacci, report commerciali, pubblicazioni di governo e intra-governi, saggi di vario tipo e foto d’epoca per un totale di alcune migliaia di documenti.

Il progetto è tutt’ora in corso e il sito verrà periodicamente aggiornato con nuovi documenti.

Queste sono le collezioni disponibili:


Lascia un commento

Fondazione 1563: Archivio storico della Compagnia di San Paolo

logo

La Fondazione 1563 della Compagnia di San Paolo custodisce il patrimonio documentario prodotto dal XVI al XX secolo, testimonianza della storia plurisecolare della Compagnia di San Paolo. I documenti derivano dall’antica Compagnia e dal Monte di Pietà, dalle Opere Pie di San Paolo e dall’Istituto Bancario San Paolo di Torino: il patrimonio dell’Archivio Storico della Compagnia di San Paolo è una fonte di ricerca eccezionale per la storia piemontese e nazionale, in relazione con numerosi archivi italiani, a disposizione di studiosi, ricercatori e semplici cittadini.

Dal sito della Fondazione è possibile accedere all’Archivio storico dell’antica Compagnia (1563-1852), interamente digitalizzato. Si tratta di 4.500 fascicoli e volumi descritti e associati a oltre 200.000 immagini, vera e propria porta di accesso on line alla storia dell’ente.
Le immagini digitali sono consultabili previa registrazione.

Oltre al Fondo Gallo, appartenente alla Fondazione, sono di notevole interesse storico i seguenti repertori:


Lascia un commento

Storia e memoria di Bologna

 

bologna

Bologna nel Lungo Ottocento – 1796|1915

Il portale “Storia e Memoria di Bologna” dà voce ai protagonisti maggiori e minori della storia, nel periodo compreso tra l’età Napoleonica e la Liberazione del 1945: i caduti bolognesi che persero la vita nella Grande Guerra e nella Resistenza, le vittime della strage di Monte Sole, i nostri predecessori illustri o sconosciuti che riposano al Cimitero Monumentale della Certosa, ed altri ancora, che andremo ad individuare seguendo una progettualità mai conclusa.

Il portale, a cura del Museo civico del Risorgimento di Bologna, documenta la storia di Bologna attraverso “scenari”, in continuo aggiornamento, che ricostruiscono:

  • biografie,con piccole e grandi storie personali;
  • eventi, dai grandi avvenimenti a quelli minori;
  • luoghi, in cui si sono svolti gli eventi grandi e piccoli della città;
  • organizzazioni, in particolare l’associazionismo cittadino;
  • opere, dai capolavori d’arte ai documenti;
  • simbologie illustrate;
  • fonti bibliografiche;
  • monumenti.

Il tutto è presentato attraverso digitalizzazioni, materiale multimediale e ricostruzioni 3D.


Lascia un commento

Le banche dati d’Ateneo: Digital Library of Classic Protestant Texts

220px-Lucas_Cranach_d.Ä._-_Martin_Luther,_1528_(Veste_Coburg)

Ritratto di Martin Lutero di Lucas Cranach (1529). Fonte: Wikipedia

Digital Library of Classic Protestant Texts è una banca dati dell’editore Alexander Street Press, che completa la “gemella” Digital Library of Catholic Reformation.

Comprende la collezione a testo completo degli scritti dei teologi cristiani dellera immediatamente precedente e successiva alla riforma protestante: centinaia di opere rare e mai pubblicate prima in unica collezione, che costituiscono una fonte di valore unico per storici, teologi e sociologi interessati allo studio della rivoluzione religiosa e sociale del XVI e XVII secolo.

Sono comprese le opere di tutti gli autori che hanno influito sulla tradizione della chiesa luterana, riformata, anglicana, presbiteriana, battista e anabattista, per un totale di oltre 1.500 volumi fra i quali lopera omnia di Lutero, Calvino, Zwingli, William Perkins, Johannes Cocceius e altri. Fra questi ricordiamo anche Beza, Bucer, Bullinger, Chemnitz, Episcopius, Thomas Firmin, Stephen Nye, Oecolampadius, Menno Simons, Peter Vermigli, ecc.

La collezione di testi teologici è completata da una ricca selezione di scritti confessionali e liturgici, commentari biblici, pamphlet e libri di catechismo.
Tutti i testi sono interamente indicizzati e riprodotti in facsimile.


Lascia un commento

The British Newspaper Archive

twitter-072017-balanced-940x400-1-300x128

The British Newspaper Archive è  una risorsa pubblicata da Findmypast in collaborazione con la British Library.

La collezione contiene la digitalizzazione di 700 periodici inglesi e irlandesi, stampati tra l’inizio del XVIII secolo e gli anni ’50 del 1900, per un totale di più di 20 milioni di pagine ricercabili.
I periodici coprono tutte le notizie del periodo a livello locale, regionale e nazionale.

E’ possibile applicare diversi filtri in fase di ricerca

  • Family notices: nascite, morti, matrimoni ecc…
  • Necrologi
  • News articles: eventi nazionali
  • Illustrazioni
  • Pubblicità
  • Lettere: rubriche dei lettori

La ricerca all’interno dell’archivio è libera; per avere accesso illimitato alle pagine digitalizzate è necessario pagare un abbonamento.

Il progetto è in costante aggiornamento.


1 Commento

Le banche dati d’Ateneo: Digital Library of Catholic Reformation

220px-Vulgata

Una copia della Vulgata (l’edizione latina della Bibbia cattolica) stampata nel 1590. Fonte: Wikipedia

Digital Library of Catholic Reformation è una banca dati full text edita da Alexander Street Press che rappresenta una risorsa fondamentale per storici, teologi, studiosi di politica e sociologi che si occupano delle rivoluzioni sociali e religiose avvenute tra il 1500 e il 1600.  

Contiene il testo completo di oltre 2000 scritti stampati fra il XVI ed il XVII secolo, compresi bolle papali, editti sinodali, libri di catechismo, manuali confessionali, commentari biblici, trattati teologici, rappresentazioni sacre, testi liturgici, manuali inquisitoriali, libri di preghiera, vite dei santi, ecc.

Fra i testi riprodotti anche le prime edizioni degli Annali Ecclesiastici di Cesare Baronio, l’Italia Sacra di Ferdinando Ugelli e il De probatis sanctorum historiis di Laurentius Surius e gli scritti di altri autori e teologi che hanno influito, nel loro complesso, sul movimento di riforma cattolico.