Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Le banche dati d’Ateneo: Digital Library of Catholic Reformation

220px-Vulgata

Una copia della Vulgata (l’edizione latina della Bibbia cattolica) stampata nel 1590. Fonte: Wikipedia

Digital Library of Catholic Reformation è una banca dati full text edita da Alexander Street Press che rappresenta una risorsa fondamentale per storici, teologi, studiosi di politica e sociologi che si occupano delle rivoluzioni sociali e religiose avvenute tra il 1500 e il 1600.  

Contiene il testo completo di oltre 2000 scritti stampati fra il XVI ed il XVII secolo, compresi bolle papali, editti sinodali, libri di catechismo, manuali confessionali, commentari biblici, trattati teologici, rappresentazioni sacre, testi liturgici, manuali inquisitoriali, libri di preghiera, vite dei santi, ecc.

Fra i testi riprodotti anche le prime edizioni degli Annali Ecclesiastici di Cesare Baronio, l’Italia Sacra di Ferdinando Ugelli e il De probatis sanctorum historiis di Laurentius Surius e gli scritti di altri autori e teologi che hanno influito, nel loro complesso, sul movimento di riforma cattolico.

Annunci


Lascia un commento

Le banche dati d’Ateneo: Eighteenth century journals portal

220px-The_Daily_Courant

Il «Daily Courant». Da Wikipedia

In questa rubrica presentiamo le numerose banche dati storiche in rete d’Ateneo, che è possibile consultare dai pc della nostra biblioteca.
Ricordiamo che l’accesso da casa è riservato agli utenti istituzionali dell’Università degli Studi di Milano.

Eighteenth century journals portal è un’importante risorsa per la storia moderna, di interesse internazionale, edita da Adam Matthew Digital.
Si tratta di una banca dati full text, che contiene quindi la digitalizzazione degli articoli.

Offre l’accesso a interessanti periodici in lingua inglese pubblicati tra il 1685 e il 1820 e conservati presso biblioteche e istituzioni inglesi.
Molto vari sono gli argomenti trattati: vita nelle colonie inglesi, rivoluzione francese e americana, dibattiti politici, letteratura e società inglese.


Lascia un commento

Qatar Digital Library

logo

La Biblioteca digitale del Qatar, sviluppata come parte del “10-year Memorandum of Understanding on Partnerships” tra Qatar Foundation, Qatar National Library e The British Library, si presenta come una vasta banca dati che rende per la prima volta disponibili online documenti e materiali riguardanti la cultura islamica e la storia moderna dei Paesi del Golfo.

La Qatar Digital Library include archivi, mappe, manoscritti, registrazioni audio, fotografie, per un totale di più di 950.000 immagini, corredate da note esplicative e link in arabo e inglese.

Ecco alcune delle collezioni più significative:

  • i record dell'”India Office”, relativi alla corrispondenza tra il Governo britannico e quello indiano, per il periodo 1763–1951;
  • un’introduzione alla storia del Golfo, J. G. Lorimer’s Gazetteer of the Persian Gulf Historically used by the British to refer to the sea area between the Arabian Peninsula and Iran. Often referred to as The Gulf or the Arabian Gulf. , Oman and Central Arabia (1908, 1915);
  • 500 carte e mappe del Golfo persico;
  • le carte private di Sir Lewis Pelly, “Political Resident” nei paesi del Golfo tra il 1862 e il 1872;
  • manoscritti scientifici arabi provenienti dalla British Library’s Manuscripts Collections;
  • una selezione di manoscritti, fotografie e altri oggetti a stampa;
  • una collezione di materiali audio, tra cui 200 dischi di gommalacca registrati in Bahrain, Kuwait e Iraq tra il 1920 e il 1940.

La biblioteca digitale è ad accesso libero e i materiali possono essere riutilizzati, rispettando la citazione della fonte.


1 Commento

Manus OnLine: nuovo sito web

pagina_indici2

Lucca, Biblioteca statale, ms., 1379, c. 12v

MANUS è un database che comprende la descrizione e le immagini digitalizzate dei manoscritti conservati nelle biblioteche italiane pubbliche, ecclesiastiche e private.

Il progetto Manus, a cura dell’Istituto Centrale per il Catalogo Unico, ha avuto inizio nel 1988 ed è un censimento dei manoscritti in alfabeto latino prodotti dal Medioevo all’età contemporanea, ivi compresi i carteggi.

E’ da poco online il nuovo sito con gli Indici dei nomi di Copisti, Illustratori, Provenienze e Possessori, Origine dei manoscritti, già identificati almeno con un dato cronologico.

  • Indice copisti: copisti medievali e della prima età moderna e persone, anche di epoca successiva, che hanno vergato i testi dei manoscritti, per esempio i mittenti di lettere o gli autori di cui siano stati rinvenuti gli autografi.
  • Indice illustratori: miniatori e illustratori per i quali sia stato individuato almeno un dato cronologico.
  • Indice provenienze: possessori (e provenienza) presenti nella base dati dei manoscritti per i quali sia già stato individuato almeno un dato cronologico.
  • Indice origini: nomi di ente e di luogo in cui sono stati prodotti i manoscritti catalogati, ove presenti nella scheda. L’indice è in fieri.


Lascia un commento

Studi di Storia: collana open access

logo-ecf-slider

Segnaliamo la collana Studi di Storia, pubblicata in open access dalla casa editrice dell’Università Ca’ Foscari.

La collana, coordinata da Laura Cerasi, Mario Infelise e Anna Rapetti, si propone di ospitare studi di storia medievale, moderna e contemporanea, spaziando tra la dimensione locale della storia veneziana e veneta e quella ampia della storia europea ed extraeuropea. “Studi di storia” intende dedicare particolare attenzione alle ricerche che adottino una prospettiva di indagine interdisciplinare e che siano aperte ai contatti con le scienze sociali. Vi troveranno spazio pubblicazioni che scaturiscono dalle attività di ricerca di Ca’ Foscari e pubblicazioni di studiosi e istituzioni italiane e straniere che contribuiscano a mettere in evidenza la rete delle collaborazioni nazionali e internazionali dell’Ateneo in ambito storico.

Sul portale delle Edizioni Ca’ Foscari sono consultabili online alcuni volumi:

L’editore pubblica anche, dal 2012, una serie di riviste ad accesso aperto e peer review.


Lascia un commento

Europeana Photography

Il progetto Europeana Photography, ovvero EUROPEAN Ancient PHOTOgraphic vintaGe repositoRies of DigitAized Pictures of Historic qualitY, intende riunire diverse collezioni fotografiche provenienti da archivi, biblioteche pubbliche, musei e agenzie di 13 paesi dell’Unione Europea.

Il portale contiene 430.000 fotografie a partire dal 1839 alla fine della Seconda guerra mondiale e le rende per la prima volta disponibili al vasto pubblico.

Le fotografie catturano vita quotidiana, sport, ritratti, paesaggi, politica lungo l’arco dell’Ottocento e durante i difficili anni della guerra.
Alcune foto sono di dominio pubblico, mentre altre sono protette da copyright.

Ecco di seguito i link ai nostri post relativi ai progetti Europeana:


Lascia un commento

Fondo Ginori Conti: il Rinascimento fiorentino

Bncf_GinoriConti01_jpg_1944330674

Dal portale Internet culturale segnaliamo la digitalizzazione di un importante fondo, conservato presso il settore Manoscritti e rari della Biblioteca nazionale centrale di Firenze, che proviene da parte della collezione del principe Pietro Ginori Conti.

Discendente da antica famiglia fiorentina, nacque a Firenze nel 1865. In seguito al matrimonio con la figlia di Florestano de Larderel, uno dei più facoltosi imprenditori toscani, divenne egli stesso un abile imprenditore assumendo la carica di presidente e amministratore delegato dell’azienda del suocero. In seguito si dedicò anche all’attività politica nelle fila dei conservatori e nel 1919 divenne senatore del regno. Ma oltre all’attività economica e politica, egli fu anche appassionato cultore e studioso di storia rinascimentale…

Il fondo comprende “autografi, copialettere, codici, pergamene, e un incunabolo. Nel Fondo è compresa anche la preziosa raccolta delle Carte Michelozzi costituite da corrispondenza e lettere del XV-XVI secolo tra cui alcune di Lorenzo dei Medici, e di altri personaggi a lui coevi”.