Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

ArchivioMeMo: famiglie, mestieri e comunità molisane

archiviomemo

ArchivioMeMo è un progetto, nato da un’iniziativa privata con la collaborazione di biblioteche comunali, enti locali e famiglie private, di digitalizzazione di documenti che testimoniano la feconda attività culturale, civile ed economica della Terra del Sannio.

Il progetto ha come obiettivo quello di recuperare, catalogare, salvaguardare e valorizzare una parte del patrimonio bibliografico, documentario e genealogico conservato in archivi locali e di famiglie private. In questi ultimi casi si tratta di raccolte di considerevole valore storico che, a causa delle difficoltà di accesso, fino ad ora non potevano essere consultate.

Molti sono i documenti contenuti nell’archivio, tutti risalenti al periodo compreso tra il XVII e il XX secolo. Si tratta di “testi a stampa e manoscritti, periodici e monografie, fotografie d’epoca di personaggi, luoghi, edifici ed eventi”.

Uno strumento molto utile e interessante è la banca dati genealogica, che contiene ad oggi oltre 40.000 soggetti e permette di ricostruire storie familiari fino al 1568.

L’accesso è libero previa registrazione; molti documenti possono essere scaricati, per altri è richiesto un piccolo contributo.
Chiunque può contribuire alla crescita dell’archivio, mettendo a disposizione materiale.


1 Commento

Mappe declassificate della CIA online

Per festeggiare il 75° anniversario del suo Centro cartografico, nato nel 1941, la Central Intelligence Agency (CIA) ha deciso di mettere a disposizione e condividere diversi album di mappe declassificate, che rappresentano decenni di attività del centro.

Dal fronte russo del 1942 alla popolazione di elefanti minacciati in Africa nel 2013, le mappe rappresentano un archivio che documenta il coinvolgimento americano nei conflitti e nelle crisi globali.

Dal 1941 il Centro cartografico ha raccontato la storia della ricostruzione dopo la Seconda guerra mondiale, la crisi di Suez, la crisi missilistica cubana, la Guerra delle Falklands e molti altri eventi storici. La sua missione è quella di fornire una vasta gamma di mappe, analisi geografiche e ricerche a supporto della CIA e della Casa Bianca.

I materiali sono ospitati su Flickr e generalmente non sono soggetti a copyright. Ogni informazione sull’utilizzo delle immagini è riportata nelle pagine del Governo americano dedicate a U.S. Government Works.


Lascia un commento

Opuscoli lucani

potenza_nazionale_opuscoli-jpg_1944330770

Dal portale Internet culturale, segnaliamo la collezione di opuscoli lucani digitalizzati dalla Biblioteca nazionale di Potenza.

Si tratta di 435 opuscoli, per un totale di 15687 immagini, pubblicati nel periodo 1694-1948 da autori lucani o da autori “che hanno trattato argomenti d’interesse locale e/o hanno stampato la loro opera in Basilicata”.

Attraverso la digitalizzazione di questo materiale, si è voluto documentare in modo più ampio e completo la cultura lucana promuovendo lo studio del territorio anche attraverso la diffusione di pubblicazioni di poche pagine. Chi accede a questa collezione, può, infatti, recuperare notizie di grande interesse, relative ai più diversi aspetti della vita storica, culturale, economica, sociale e religiosa della Basilicata.


Lascia un commento

Italia contemporanea: periodico INSMLI online

copertina_1-213-copy

Sono da poco disponibili open access sul portale dell’INSMLI le annate dal 1949 al 1998, ovvero i fascicoli da 1 a 213, della rivista Italia contemporanea (già Il Movimento di liberazione in Italia dal 1949 al 1973), periodico quadrimestrale dell’Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia.

Per ogni articolo è presente la scansione OCR, con la possibilità di effettuare una ricerca testuale all’interno dei file pdf.

Rimangono invece parzialmente disponibili online i fascicoli da 214 a 281.

Dalla Biblioteca digitale di Ateneo è possibile consultare il periodico in formato elettronico a partire dal 2007.


Lascia un commento

U.S. Intelligence on Europe, 1945-1995: nuova banca dati di storia contemporanea

cover

Con il contributo della nostra Biblioteca è stato acquistato l’archivio U.S. Intelligence on Europe 1945-1995 dell’editore Brill.

Si tratta di una raccolta di oltre 4.000 documenti del governo degli Stati Uniti relativi alle attività di intelligence in Europa dalla fine della seconda Guerra Mondiale al 1995.

L’archivio va ad arricchire il ramo della biblioteca digitale dedicato alla storia contemporanea e alle relazioni internazionali. Sono infatti già disponibili:

U.S. Declassified Documents Online

Post-War Europe: Refugees, Exile and Resettlement, 1945-1950

Middle East Online: Arab-Israeli Relations, 1917-1970

L’accesso è consentito dalle postazioni all’interno dell’Ateneo o da reti esterne, autenticandosi off-campus alla Biblioteca digitale.

La stampa e la copia del materiale recuperato sono consentite, in modo non sistematico, per uso personale di studio o di ricerca. Il materiale non può essere usato a scopo di lucro.


Lascia un commento

Europa, le grandi Trasformazioni

europe_map

E’ online da pochi giorni il portale Europa, le grandi Trasformazioni che illustra la storia del nostro continente, dal Risorgimento attraverso tutto il Novecento.

Si tratta di un progetto di Fondazione Giangiacomo Feltrinelli in collaborazione con Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Fondazione Istituto Gramsci e Fondazione Cariplo.
Il progetto ha lo scopo di  “presentare le fonti, i materiali e gli esiti delle ricerche effettuate sulla storia d’Europa a partire dal patrimonio di libri, documenti, immagini, manoscritti e fonti di archivio”.

Il viaggio si snoda tra fotografie, video, interviste, e-book scaricabili, documenti e lezioni di storia ed è guidato da David Bidussa, storico e responsabile editoriale della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli.

 All’interno del portale è stato creato anche un accesso alla Biblioteca digitale, che ha l’obiettivo di “riversare in formato digitale le fonti archivistiche e bibliografiche sulle scienze sociali conservate dalla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli”.


Lascia un commento

The Sraffa Papers: documenti digitalizzati

Sraffa, Piero. – Economista (Torino 1898 – Cambridge, Inghilterra, 1983), prof. nelle univ. di Perugia (1923) e Cagliari (192538), e dal 1939 al Trinity College di Cambridge; socio nazionale dei Lincei (1965). Con l’ormai celebre articolo Relazioni tra prezzi e quantità prodotte (in Annali di economia, 1925), S. iniziò il movimento di revisione della teoria economica a proposito delle forme di mercato. […] La sua analisi sfocia così in una critica decisiva alla concezione del capitale inteso come quantità misurabile su cui si basa la teoria marginalista del saggio di profitto.

Voce tratta da Enciclopedia Treccani.

I contenuti dello Sraffa Archive, posseduto dalla Wren Library del Trinity College a Cambridge sono in fase di digitalizzazione; al momento sono disponibili i diari dal 1927 al 1977 e la rivista della visita alla Repubblica Popolare Cinese del 1954.

Prossimamente sarà online  la corrispondenza di Piero Sraffa con Gramsci,  Tatiana Schucht e altri, articoli di riviste e quotidiani di Sraffa relativi a Gramsci, anche dopo la sua morte e documenti non pubblicati relativi al supporto che Sraffa gli diede durante il periodo della prigionia.

Il progetto, sotto la guida di Giancarlo De Vivo e Murray Milgate, con la collaborazione dello staff della Wren Library, sarà completato entro il 2017. I materiali sono disponibili con Licenza Creative Commons.