Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Memoro: la banca della memoria

Molti di noi probabilmente ricordano con piacere se stessi da bambini, accoccolati sulle gambe di un nonno, assorti, attenti a non perdere una parola delle storie che ci venivano raccontate. Queste, col passare degli anni, vengono comprese e ricordate come esperienze di vita vera, vissuta.
Venivano raccontate per insegnare quello che l’esperienza aveva portato ad imparare, perché fossero di esempio o per mantenere la memoria di vite vissute secondo usanze e valori di un’altra epoca. Per molti di noi l’importanza di queste esperienze si è svelata ed è cresciuta man mano che si diventava “grandi”, quando abbiamo incominciato a capirne il vero valore. Capita allora di ritrovarsi alla ricerca, di inseguire quello che i “nostri vecchi” saprebbero raccontarci.

Proprio per questo vi segnaliamo  Memoro – la Banca della Memoria, un interessante sito che raccoglie esperienze e racconti di vita di persone nate prima del 1950. E’ un progetto no profit nato a Torino, nell’Agosto 2007. Dal settembre 2009 il progetto è gestito in Italia dalla Associazione Banca della Memoria ONLUS.

memoro.png

La sezione percorsi permette ad accedere alla raccolta di video caricati per argomento, ad esempio: 8 settembre 1943 ,  La resistenza in Piemonte , Amore e corteggiamento .

luoghi

E’ possibile selezionare le testimonianze, in base alla loro regione di appartenenza.

Annunci


Lascia un commento

National Women’s History Museum

Il sito National Womens’ History Museum raccoglie articoli, biografie, testimonianze sulla storia delle donne negli Stati Uniti.

Nella sezione Women’s History è possibile trovare articoli, programmi organizzati dal Museo, visitare mostre, collegandosi direttamente con il sito Google Arts&Culture.

Molto interessante risulta essere la parte Students and Educators, dove sono presenti biografie, approfondimenti suddivisi per argomento, poster scaricabili.

In “Resources”, è possibile effettuare la ricerca per il tipo di risorsa, per tema e per grado di difficoltà.

crusade for the vote

Un collegamento specifico, è dedicato alle crociata, intrapresa dalle donne, per la conquista del voto. Sono presenti lezioni, che consentono a studenti o a semplici appassionati, di ricostruire la vicenda, passo dopo passo, video ed articoli. http://www.crusadeforthevote.org/


Lascia un commento

Sons of Gallipoli

sons of gallipoli 2.png

La storia può essere narrata attraverso molteplici punti di vista.

La disfatta di Gallipoli, è stata raccontata in molti modi; in questo straordinario documentario interattivo, Sons of Gallipoli, si cerca di far rivivere la tragedia attraverso gli occhi di due madri, apparentemente appartenenti a due fazioni opposte, diverse, ma straordinariamente unite nel dolore.

Un nuovo modo di fare storia, che sfrutta la crossmedialità, per arrivare diretto al cuore dello spettatore. Il documentario è diviso in dodici video; per ciascuno sono previsti dei contenuti extra e si può scegliere di visualizzare il sito in lingua turca o inglese.

 

sons-of-gallipoli.png

Credits to http://sonsofgallipoli.com/

Risultano inoltre, molto interessanti, le due sezioni:

  • Gallipoli Map  è possibile visionare la mappa dei luoghi coinvolti. Cliccando sui luoghi segnalati in rosso viene aperta una nuova pagina corredata di fotografie e spiegazioni.
  • Archive sono presenti fotografie, lettere digitalizzate e approfondimenti.


Lascia un commento

E’ online, il nuovo portale: La Statale Archivi

La Statale Archivi si propone come punto di raccolta del ricco patrimonio documentale conservato presso Biblioteche, dipartimenti e centri di servizio dell’Università degli Studi di Milano.

tumblr_otpc5xXdXu1sfie3io1_1280

Si tratta di 50 archivi per un totale di oltre 150.000 unità archivistiche. Questo costituisce solo la base, la volontà è quella di aumentare sia il numero degli inventari sia la produzione della documentazione scientifica di approfondimento. La Statale Archivi accoglierà progressivamente anche gli inventari di altri fondi archivistici conservati in Statale.

Il portale costituisce la nuova forma di accesso alla conoscenza, possibile attraverso il digitale; vengono abbattute le rigide differenze tra biblioteche e archivi, nel sito infatti è possibile navigare tra immagini digitalizzate, descrizioni d’inventari e proposte di attività di approfondimento.

Accanto all’Archivio storico dell’Ateneo, le cui carte partono dalle Regie Scuole ottocentesche che precedettero la fondazione dell’Università, per arrivare agli anni Sessanta, si trovano archivi che spaziano dall’Egittologia, tra cui vi segnaliamo il fondo Edel Elmar, alla filologia, dall’arte alla filosofia, all’editoria, come l’archivio fotografico “La Notte”,  alla grafica, fino a giungere ad un insolito accostamento tra Archivi e cucina: le 101 ricette letterarie raccolte in Mangiarsi le parole volume curato da Luca Clerici, docente di Letteratura italiana contemporanea all’Università degli Studi di Milano.


Lascia un commento

Storia digitale: contenuti online per la storia

Vi segnaliamo un repertorio di risorse digitali, utili alla ricerca storica, per l’ambito cronologico, compreso tra Medioevo ed Età contemporanea.

46784_398701200236636_210719757_n

Fonte: https://www.facebook.com/storiadigitale

E’ possibile effettuare le ricerche, sia per area cronologica che per area geografica.

Una ricca selezione di metafonti ( audio, fotografie, manoscritti, mappe, stampe, video) permette di effettuare uno studio a 360° sull’argomento che desideriamo approfondire.

La sezione strumenti consente di scoprire le migliori applicazioni in ambito storico, da poter scaricare su smartphone e tablet, permette l’accesso a ipertesti tratti da Tesi di Laurea discusse in Atenei italiani e rese disponibili dagli autori con aggiornamenti bibliografici e risorse digitali.

 

 


Lascia un commento

Qatar Digital Library

logo

La Biblioteca digitale del Qatar, sviluppata come parte del “10-year Memorandum of Understanding on Partnerships” tra Qatar Foundation, Qatar National Library e The British Library, si presenta come una vasta banca dati che rende per la prima volta disponibili online documenti e materiali riguardanti la cultura islamica e la storia moderna dei Paesi del Golfo.

La Qatar Digital Library include archivi, mappe, manoscritti, registrazioni audio, fotografie, per un totale di più di 950.000 immagini, corredate da note esplicative e link in arabo e inglese.

Ecco alcune delle collezioni più significative:

  • i record dell'”India Office”, relativi alla corrispondenza tra il Governo britannico e quello indiano, per il periodo 1763–1951;
  • un’introduzione alla storia del Golfo, J. G. Lorimer’s Gazetteer of the Persian Gulf Historically used by the British to refer to the sea area between the Arabian Peninsula and Iran. Often referred to as The Gulf or the Arabian Gulf. , Oman and Central Arabia (1908, 1915);
  • 500 carte e mappe del Golfo persico;
  • le carte private di Sir Lewis Pelly, “Political Resident” nei paesi del Golfo tra il 1862 e il 1872;
  • manoscritti scientifici arabi provenienti dalla British Library’s Manuscripts Collections;
  • una selezione di manoscritti, fotografie e altri oggetti a stampa;
  • una collezione di materiali audio, tra cui 200 dischi di gommalacca registrati in Bahrain, Kuwait e Iraq tra il 1920 e il 1940.

La biblioteca digitale è ad accesso libero e i materiali possono essere riutilizzati, rispettando la citazione della fonte.