Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Nuova veste grafica per il Catalogo di Ateneo

opac

Il Catalogo di Ateneo cambia la sua veste grafica per adattarsi alla visualizzazione via smartphone.
La versione web si arricchisce di nuovi filtri per la scelta del materiale, la versione mobile permette una ricerca veloce ed efficace.

Dalle pagine interne del Catalogo è inoltre possibile collegarsi a Explora, il motore della Biblioteca Digitale di Ateneo, che fornisce l’accesso a una vasta collezione di risorse online:

  • più di 11.500 periodici elettronici
  • circa 240 banche dati bibliografiche e a testo completo
  • cataloghi, repertori e riproduzioni di intere collezioni di opere a stampa (EEBO – Early English Books, ECCO – Eighteenth Century Collections).
  • circa 355.000 libri elettronici di varia natura (manuali, enciclopedie, dizionari, opere di riferimento, ecc.)
  • motori di ricerca e portali tematici ad accesso gratuito.

Ricordiamo che la Biblioteca Digitale è rivolta al personale docente e tecnico amministrativo e agli studenti dell’Università degli Studi di Milano che abbiano un rapporto di lavoro o di studio in essere.

Annunci


Lascia un commento

Biblioteca del Mobile e dell’Arredamento

scansione_mansarda300

La Biblioteca del Mobile ha sede a Lissone, storica “capitale” brianzola dell’arredamento e costituisce un patrimonio unico in Italia e in Europa.

“Il patrimonio librario della biblioteca, compresa fra le biblioteche speciali della Regione Lombardia, è ricco di più di 6.500 opere in varie lingue, ed è costituito unicamente da volumi che documentano:

  • la storia e gli stili del mobile nei secoli e nel mondo;
  • la produzione del mobile dal 1970 ad oggi con particolare riguardo al mobile italiano;
  • la storia e la teoria del design e i designers italiani e stranieri;
  • la situazione economica del settore legno e arredamento con particolare attenzione per la realtà lissonese e brianzola
  • l’architettura (storia, architetti, tipologie di edifici, progettazione), l’urbanistica (storia, studio e progettazione del territorio) e l’ingegneria (storia delle costruzioni edili, materiali e tecniche costruttive)
  • le norme italiane ed europee su mobili, legno e sughero”.

La biblioteca possiede inoltre un fondo di disegni, con centinaia di tavole in microfilm, ed altri interessanti materiali non ancora catalogati.

Sono disponibili, anche al prestito, una serie di riviste dedicate all’arredamento, il cui catalogo è consultabile online.

 


1 Commento

Il fondo della stamperia Valdonega in Statale

Campionario caratteri della Tipografia Poliglotta Vaticana, 1980

Campionario caratteri della Tipografia Poliglotta Vaticana, 1980

Grazie al contributo della Regione Lombardia il Centro Apice della nostra Università ha completato la catalogazione del fondo librario dell’Archivio della Stamperia Valdonega.

Il Centro Apice, Archivi della Parola, dell’Immagine e della Comunicazione Editoriale, è nato nell’ottobre del 2002 all’interno dell’Università degli Studi di Milano con l’obiettivo di raccogliere, conservare e valorizzare collezioni bibliografiche e archivistiche di fondamentale importanza per lo studio della letteratura, dell’arte e dell’editoria moderna e contemporanea.

La Stamperia Valdonega venne fondata a Verona nel 1948 da Giovanni Mardersteig, con l’obiettivo di creare una tipografia industriale che tuttavia realizzasse libri di alta qualità: perciò venivano utilizzate macchine Monotype e grande cura era prestata nella scelta delle carte, degli inchiostri e delle forniture per legatoria.
A partire dagli anni Cinquanta del XX secolo alcune importanti case editrici affidarono regolarmente la realizzazione delle loro opere alla Valdonega, dalla Albatros inglese, poi Tauchnitz editions, alla Sansoni, fino alle editrici newyorkesi Limited editions e New Directions.

Il fondo della stamperia Valdonega comprende quasi 1500 volumi di grande importanza per la cultura e l’arte della stampa, che sono ora ricercabili nel catalogo di Ateneo e disponibili per la consultazione.

Oltre alla quasi totalità dei volumi prodotti dalla stamperia (dal 1949 al 2007), sono stati catalogati dal Centro Apice anche i libri della Biblioteca interna aziendale con interessanti campionari di caratteri, di carte, di materiali da legatoria, e numerosi manuali d’epoca sulle diverse tecniche di stampa, come quelli destinati agli operatori delle macchine Monotype.


Lascia un commento

Apre al pubblico la biblioteca medica della fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico

biblioteca-fondazioneCon i suoi 100.000 volumi datati tra il 1476 e la metà del Novecento la biblioteca Ospedaliera della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano rappresenta una delle maggiori raccolte sull’arte medica in Italia ed in Europa.
E’ stata inaugurata la scorsa settimana ed è ora aperta agli studiosi, nella stessa sede dell’archivio storico della Fondazione.
All’interno del catalogo è possibile effettuare ricerche sui vari fondi librari della fondazione, dalla biblioteca storica alla Biblioteca della Clinica Ostetrica Luigi Mangiagalli.

Maggiori informazioni sull’inaugurazione negli articoli de Il libraio e ADNKronos.

Nel nostro blog, un altro post relativo alla Ca’ Granda, ai suoi beni architettonici, artistici, librari ed archivistici:
La Salute a Milano: storia e documenti dell’Ospedale Maggiore – Ca’ Granda


Lascia un commento

MuseoFerrara: museo virtuale della città di Ferrara

Veduta del Castello Estense. Wikipedia

Veduta del Castello Estense. Wikipedia

[Il MuseoFerrara nasce su modello del MuseoTorino] come museo virtuale e reale, la cui collezione è costituita dalla città presente, considerata tanto nella sua dimensione di patrimonio storico da custodire e interpretare, quanto come organismo vivente in continuo mutamento e sviluppo.

Il Museo della Città di Ferrara, creato in occasione del 70° anniversario della Liberazione, si presenta nella duplice forma di museo ‘diffuso’, grande come la città, e di museo online, costituito dal suo sito web.

Il progetto è concepito come una nuova forma di museo, visitabile attraverso percorsi di ricerca differenti:

  • la mappa online della città: cliccando su un punto di interesse “si trovano informazioni e approfondimenti su luoghi, eventi, soggetti e temi legati alla città”
  • i percorsi tematici, che possono essere proposti anche dai visitatori
  • il catalogo del museo
  • la mediateca, ovvero fototeca, biblioteca e videoteca con immagini e indicazioni bibliografiche.

Segnaliamo la Biblioteca digitale che mette a disposizione opere su Ferrara e la sua storia, a partire da edizioni antiche e rare. I testi sono scaricabili in formato pdf oppure ebook.


Lascia un commento

Fondazione Mansutti per la storia dell’assicurazione

La Fondazione Mansutti è nata a Milano nel 2004 dalla donazione che Francesco Mansutti ha fatto della biblioteca e del suo archivio storico imperniati sulla storia dell’assicurazione, documentata – dalle origini all’epoca moderna – dal punto di vista economico, giuridico, tecnico, sociale e di costume.

Il ricco patrimonio librario, archivistico e museale della Fondazione è consultabile attraverso il catalogo online: si tratta di “oltre 9000 documenti, incentrati sulla storia dell’assicurazione dalle origini ai giorni nostri, suddivisi in quattro collezioni: libri, manifesti, polizze e targhe incendio.
Il patrimonio librario comprende oltre 6000 volumi, mentre le collezioni museali sono costituite da una raccolta di 300 manifesti assicurativi e da 637 rare targhe incendio; il fondo archivistico consiste in circa 2500 antiche polizze di assicurazione“.

Elenchiamo di seguito alcuni tra i volumi pregiati posseduti dalla biblioteca:

  • Tractatus de assecurationibus di Pietro Santerna (ed. 1552)
  • Statuti della città di Albenga (1519)
  • Tractatus de contractibus et usuris di S. Bernardino da Siena (manoscritto, circa 1470)
  • Trattato de’ traffichi giusti di Tommaso Buoninsegni (1588)

Alcune tra queste opere, insieme ad altri volumi preziosi sulla storia delle assicurazioni, sono consultabili attraverso la Biblioteca digitale della Fondazione.