Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Le banche dati d’Ateneo: Confidential Print: Middle East, 1839-1969

Jerusalem_kotel_mosque

Western Wall and Dome of the Rock in Jerusalem. Fonte: en.wikipedia.org

La banca dati, edita da Adam Matthew Digital, comprende la serie completa di documenti tratti dagli archivi del Foreign and Colonial Office britannico a partire dal 1820 circa.

I documenti sono tutti ricercabili full text e afferiscono alle seguenti classi del The National Archives, Kew:

CO 935/1-25 Middle East General, 1920-1956
FO 402/1-33 Afghanistan, 1922-1957
FO 406/1-84 Eastern Affairs (Middle East), 1812-1946
FO 407/1-237 Egypt/Sudan, 1839-1958
FO 416/1-113 Persia, 1899-1957
FO 423/1-70 Suez Canal, 1859-1947
FO 424/1-297 Turkey, 1841-1957
FO 437/1-9 Jordan, 1949-1957
FO 464/1-12 Arabia, 1947-1957
FO 481/1-17 Iraq, 1947-1969
FO 484/1-11 Lebanon, 1947-1957
FO 487/1-11 Middle East General, 1947-1957
FO 492/1-11 Israel/Palestine, 1947-1957
FO 501/1-10 Syria, 1947-1956

La stampa e la copia del materiale recuperato sono consentite, in modo non sistematico, per uso personale di studio o di ricerca. Il materiale non puo’ essere usato a scopo di lucro. Porzioni ragionevoli di materiale possono essere usati per la preparazione di dispense da distribuire agli studenti dell’istituzione sottoscrittrice gratuitamente.

Annunci


Lascia un commento

Conosci le banche dati utili per la tua tesi o per la tua ricerca?

normal_0007

Anche per il secondo semestre le biblioteche hanno organizzato diversi incontri per imparare a trarre il massimo vantaggio dalle risorse digitali messe a disposizione dall’Ateneo (e-book, e-journal, banche dati).

L’incontro La ricerca in ambito storico si terrà il mercoledì 9 maggio, dalle 14.00 alle 17.00 in Aula Manhattan.

L’’incontro si propone di illustrare e guidare all’’utilizzo di alcune banche dati delle discipline storiche medievali, moderne e contemporanee, sia bibliografiche che full text.

Saranno illustrate le seguenti risorse online:

  • PIO (Periodical Index Online): indicizza oltre circa 4.750 periodici, di cui 231 italiani, nel campo delle scienze umane e sociali dal loro primo numero fino al 1995.
  • REGESTA IMPERII –OPAC: catalogo e banca dati multidisciplinare per la ricerca bibliografica di carattere umanistico in eta’ medievale. L’area geografica di riferimento è l’Europa.
  • DARWINBOOKS: archivio digitale delle pubblicazioni della casa editrice Il Mulino. Presenta diverse centinaia di testi di ricerca di autori italiani pubblicati a stampa dopo il 2000 e organizzati in collezioni disciplinari (storia, filosofia, linguistica e critica letteraria, scienza politica, sociologia, psicologia, economia e diritto).
  • U.S. INTELLIGENCE ON EUROPE: raccolta di oltre 4.000 documenti del governo degli Stati Uniti relativi alle attività di intelligence in Europa dalla fine della seconda Guerra Mondiale al 1995.
  • WBIS (World Biographical Information System): contiene biografie concise di 6 milioni di persone. Gli articoli sono riprodotti come immagini facsimili. •
  • HISTORICAL ABSTRACTS WITH FULL TEXTS : banca dati full text di ambito storico. Comprende tutti i temi della storia moderna e contemporanea mondiale (dal 1450 ai giorni nostri) ad esclusione della storia nord-americana. Ha un ottima copertura sui temi europei ed italiani.

E’ già possibile iscriversi. Per informazioni e iscrizioni consultare la pagina dedicata.


Lascia un commento

Le banche dati d’Ateneo: Digital Library of Classic Protestant Texts

220px-Lucas_Cranach_d.Ä._-_Martin_Luther,_1528_(Veste_Coburg)

Ritratto di Martin Lutero di Lucas Cranach (1529). Fonte: Wikipedia

Digital Library of Classic Protestant Texts è una banca dati dell’editore Alexander Street Press, che completa la “gemella” Digital Library of Catholic Reformation.

Comprende la collezione a testo completo degli scritti dei teologi cristiani dellera immediatamente precedente e successiva alla riforma protestante: centinaia di opere rare e mai pubblicate prima in unica collezione, che costituiscono una fonte di valore unico per storici, teologi e sociologi interessati allo studio della rivoluzione religiosa e sociale del XVI e XVII secolo.

Sono comprese le opere di tutti gli autori che hanno influito sulla tradizione della chiesa luterana, riformata, anglicana, presbiteriana, battista e anabattista, per un totale di oltre 1.500 volumi fra i quali lopera omnia di Lutero, Calvino, Zwingli, William Perkins, Johannes Cocceius e altri. Fra questi ricordiamo anche Beza, Bucer, Bullinger, Chemnitz, Episcopius, Thomas Firmin, Stephen Nye, Oecolampadius, Menno Simons, Peter Vermigli, ecc.

La collezione di testi teologici è completata da una ricca selezione di scritti confessionali e liturgici, commentari biblici, pamphlet e libri di catechismo.
Tutti i testi sono interamente indicizzati e riprodotti in facsimile.


1 Commento

Oxford University Press: riviste disponibili nella Biblioteca Digitale di Ateneo

Oxford

Segnaliamo agli utenti della Biblioteca Digitale d’Ateneo che l’offerta bibliografica è stata ampliata con la sottoscrizione della versione elettronica di tutte le riviste correnti dell’editore Oxford University Press.

Le riviste interessano tutti gli ambiti disciplinari e l’accesso è attivato a partire dall’annata 1996 (ove disponibile).

E’ possibile sfogliare l’elenco degli E-Journal selezionando l’editore/piattaforma dal portale.
Ricordiamo che l’accesso da casa è consentito previa autenticazione con le credenziali della posta elettronica d’Ateneo.


Lascia un commento

Le banche dati d’Ateneo: Periodicals Index Online

BiblioStoria_04

La Sala lettura della Biblioteca di Storia

La banca dati Periodicals Index Online, edita da ProQuest, indicizza a oggi oltre 7.900 pubblicazioni, tra cui 874 riviste accademiche italiane, di 37 discipline nel campo delle scienze umane e sociali, dal loro primo numero fino al 2000.

Di ciascun periodico viene fornito l’indice completo di ogni fascicolo pubblicato.
Si tratta di una banca dati bibliografica, ma attraverso il link Trovami è possibile accedere al full text dell’articolo se presente.

La stampa e la copia del materiale recuperato sono consentite, in modo non sistematico, per uso personale di studio o di ricerca. Il materiale non puo’ essere usato a scopo di lucro.


Lascia un commento

Le banche dati d’Ateneo: Papal letters

220px-Giotto_-_Bonifatius_VIII

Bonifacio VIII indice il giubileo del 1300 (Giotto – frammento di affresco). Fonte: Wikipedia

La banca dati Papal letters, conosciuta anche come Ut per litteras apostolicas, edita da Brepolis e curata dall’École française de Rome e dall’Institut de recherche et d’histoire des textes, rappresenta la versione elettronica dei famosi Registri e lettere dei Papi del XIII secolo (32 vol.; Roma, 1883- ) e di quelli relativi al XIV secolo (48 vol.; Roma, 1899- ).

Comprende quindi il testo completo delle “litterae communes” e delle “litterae secretae”, per un totale di 24 milioni di parole.

Per la qualità del materiale contenuto, la base dati offre una rappresentazione significativa dei vari aspetti della vita sociale e culturale del medioevo cristiano, come le istituzioni ecclesiastiche, il clero, lo Stato Pontificio, la politica, il sistema giuridico, le tasse, il governo e le finanze, la società secolare, la vita religiosa, quella intellettuale e artistica, l’economia, le guerre, l’ambiente e i disastri naturali.

La stampa e la copia del materiale recuperato sono consentite, in modo non sistematico, per uso personale di studio o di ricerca.


Lascia un commento

Le banche dati d’Ateneo: Lexikon des Mittelalters

LexikondesMittelalters

Lexikon des Mittelalters. Fonte: Wikipedia

Lexikon des Mittelalters online (LexMA), basato sull’omonima enciclopedia pubblicata in Germania tra il 1977 e il 1999, è un importante strumento di ricerca per i medievisti, pubblicato da Brepolis.

Le voci del LexMA coprono tutti gli aspetti disciplinari del Medioevo nel periodo compreso tra il 300 e il 1500 e in un’area geografica che comprende l’intera Europa, parte del Medio Oriente e del Nord Africa.
L’intento è quello di documentare le radici della cultura occidentale e di quella ai suoi confini (cultura bizantina, araba e giudaica).

La versione online ha incrementato le voci presenti nell’edizione tedesca a stampa con l’inclusione di keyword in inglese e con i collegamenti all’International Medieval Bibliography e alla Bibliographie de civilisation médiévale.

Come per le altre banche dati, l’accesso da casa è consentito autenticandosi con le credenziali della posta elettronica d’Ateneo.