Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

La Prima guerra mondiale nel Fondo militare della Biblioteca universitaria di Genova

BUGE_Lo_scritto01.jpg_1944328970

Segnaliamo questa nuova interessante digitalizzazione di 1.370 immagini, tra cui carte geografiche e mappe, accessibile dal portale Internet Culturale.

La Biblioteca universitaria di Genova nel 1934 ha avuto in cessione permanente la Biblioteca del Presidio Militare di Genova. Dal fondo, ricco di testi riguardanti le discipline belliche, a partire dal 2012 e nella prospettiva della ricorrenza del Centenario della Prima Guerra Mondiale, sono stati scelti e digitalizzati testi relativi alla Grande Guerra.

Annunci


Lascia un commento

Conosci le banche dati utili per la tua tesi o per la tua ricerca?

normal_0007

Anche per il secondo semestre le biblioteche hanno organizzato diversi incontri per imparare a trarre il massimo vantaggio dalle risorse digitali messe a disposizione dall’Ateneo (e-book, e-journal, banche dati).

L’incontro La ricerca in ambito storico si terrà il mercoledì 9 maggio, dalle 14.00 alle 17.00 in Aula Manhattan.

L’’incontro si propone di illustrare e guidare all’’utilizzo di alcune banche dati delle discipline storiche medievali, moderne e contemporanee, sia bibliografiche che full text.

Saranno illustrate le seguenti risorse online:

  • PIO (Periodical Index Online): indicizza oltre circa 4.750 periodici, di cui 231 italiani, nel campo delle scienze umane e sociali dal loro primo numero fino al 1995.
  • REGESTA IMPERII –OPAC: catalogo e banca dati multidisciplinare per la ricerca bibliografica di carattere umanistico in eta’ medievale. L’area geografica di riferimento è l’Europa.
  • DARWINBOOKS: archivio digitale delle pubblicazioni della casa editrice Il Mulino. Presenta diverse centinaia di testi di ricerca di autori italiani pubblicati a stampa dopo il 2000 e organizzati in collezioni disciplinari (storia, filosofia, linguistica e critica letteraria, scienza politica, sociologia, psicologia, economia e diritto).
  • U.S. INTELLIGENCE ON EUROPE: raccolta di oltre 4.000 documenti del governo degli Stati Uniti relativi alle attività di intelligence in Europa dalla fine della seconda Guerra Mondiale al 1995.
  • WBIS (World Biographical Information System): contiene biografie concise di 6 milioni di persone. Gli articoli sono riprodotti come immagini facsimili. •
  • HISTORICAL ABSTRACTS WITH FULL TEXTS : banca dati full text di ambito storico. Comprende tutti i temi della storia moderna e contemporanea mondiale (dal 1450 ai giorni nostri) ad esclusione della storia nord-americana. Ha un ottima copertura sui temi europei ed italiani.

E’ già possibile iscriversi. Per informazioni e iscrizioni consultare la pagina dedicata.


1 Commento

Bibliothèque diplomatique numérique

Bibliothèque diplomatique numérique è un progetto del Ministère de l’Europe et des Affaires étrangères francese.

Si tratta della digitalizzazione di documenti storici, tra cui relazioni consolari, dispacci, report commerciali, pubblicazioni di governo e intra-governi, saggi di vario tipo e foto d’epoca per un totale di alcune migliaia di documenti.

Il progetto è tutt’ora in corso e il sito verrà periodicamente aggiornato con nuovi documenti.

Queste sono le collezioni disponibili:


Lascia un commento

Parlare di storia: rivista online del Dipartimento e della Biblioteca

parlare-di-storia

Parlare di storia è la nuova rivista online del Dipartimento di Studi storici e della Biblioteca di Scienze della Storia dell’Università degli Studi di Milano, diretta dal Prof. Antonino De Francesco, Direttore di Dipartimento in collaborazione con la Dott.ssa Alessandra Carta, Direttrice della Biblioteca.

Il Comitato di redazione è composto da Marina Cavallera, Federico Del Tredici, Francesco Dendena (segretario), Marco Gentile, Elisa Occhipinti, Massimiliano Paniga, Pietro Giovanni Trincanato, Lucio Valent, Lucia Vigutto.

Parlare di Storia vuole costituire un laboratorio aperto, di cui gli studenti e i giovani ricercatori sono invitati a riappropriarsi per investire, osservare, commentare i canali attraverso cui si trasmette, si trasforma e si sedimenta la cultura storica della società contemporanea, mettendo a profitto le competenze acquisite nel corso degli studi, siano essi agli inizi o confermati. Confrontarsi con la produzione saggistica più attuale, con le istituzioni che si incaricano delle politiche della memoria e infine reinterrogare i canali più innovativi della cultura visuale (dal film al videogioco passando per la serie televisiva) costituiscono altrettante tappe, profondamente interconnesse tra loro, di un’unica riflessione collettiva sull’uso pubblico del passato e sulle sue forme di trasmissione, che è cosi messa a disposizione dei lettori per sviluppare una coscienza della dimensione riflessiva del mestiere di storico.

Chi intenda proporre un contributo alla rivista può fare riferimento all’indirizzo istituzionale del segretario di redazione (francesco.dendena@unimi.it).


Lascia un commento

Nuova veste grafica per il Catalogo di Ateneo

opac

Il Catalogo di Ateneo cambia la sua veste grafica per adattarsi alla visualizzazione via smartphone.
La versione web si arricchisce di nuovi filtri per la scelta del materiale, la versione mobile permette una ricerca veloce ed efficace.

Dalle pagine interne del Catalogo è inoltre possibile collegarsi a Explora, il motore della Biblioteca Digitale di Ateneo, che fornisce l’accesso a una vasta collezione di risorse online:

  • più di 11.500 periodici elettronici
  • circa 240 banche dati bibliografiche e a testo completo
  • cataloghi, repertori e riproduzioni di intere collezioni di opere a stampa (EEBO – Early English Books, ECCO – Eighteenth Century Collections).
  • circa 355.000 libri elettronici di varia natura (manuali, enciclopedie, dizionari, opere di riferimento, ecc.)
  • motori di ricerca e portali tematici ad accesso gratuito.

Ricordiamo che la Biblioteca Digitale è rivolta al personale docente e tecnico amministrativo e agli studenti dell’Università degli Studi di Milano che abbiano un rapporto di lavoro o di studio in essere.


Lascia un commento

Fondazione 1563: Archivio storico della Compagnia di San Paolo

logo

La Fondazione 1563 della Compagnia di San Paolo custodisce il patrimonio documentario prodotto dal XVI al XX secolo, testimonianza della storia plurisecolare della Compagnia di San Paolo. I documenti derivano dall’antica Compagnia e dal Monte di Pietà, dalle Opere Pie di San Paolo e dall’Istituto Bancario San Paolo di Torino: il patrimonio dell’Archivio Storico della Compagnia di San Paolo è una fonte di ricerca eccezionale per la storia piemontese e nazionale, in relazione con numerosi archivi italiani, a disposizione di studiosi, ricercatori e semplici cittadini.

Dal sito della Fondazione è possibile accedere all’Archivio storico dell’antica Compagnia (1563-1852), interamente digitalizzato. Si tratta di 4.500 fascicoli e volumi descritti e associati a oltre 200.000 immagini, vera e propria porta di accesso on line alla storia dell’ente.
Le immagini digitali sono consultabili previa registrazione.

Oltre al Fondo Gallo, appartenente alla Fondazione, sono di notevole interesse storico i seguenti repertori: