Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia

Gli Archivi d’Italia: un progetto televisivo in cinque puntate

Lascia un commento


In occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, la Direzione Generale per gli Archivi del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Rai Educational mostrano al grande pubblico una parte del patrimonio storico sul quale si fonda l’identità nazionale: quello degli archivi, che documenta la memoria degli uomini, delle idee, del lavoro del popolo italiano e della sua creatività.
Archivi d’Italia è il progetto televisivo in cinque puntate, ognuna dedicata a una diversa tipologia di archivio. Il primo appuntamento è con Gli archivi d’impresa (regia di Vincenzo Sferra, voce narrante Omero Antonutti) in cui cinque grandi marchi raccontano – attraverso foto, filmati, interviste, documenti e materiale pubblicitario – lo sviluppo economico, sociale e culturale del nostro Paese.
Gli archivi della moda (regia di Angela Landini, voce narrante Michela Cescon) ci accompagnano attraverso l’Italia, a partire dalla vicenda creativa del “calzolaio” Ferragamo, proseguendo con l’archivio degli “abiti-scultura” di Capucci e con i colori del Mediterraneo di Marella Ferrera, fino alla città di Milano, cui la Fondazione Gianfranco Ferrè ha offerto il proprio Archivio.
La terza puntata è dedicata a Gli archivi di architettura (regia di Agostino Pozzi, voce narrante Ennio Fantastichini), custodi della storia dei progetti che l’uomo ha ideato per definire il proprio senso dell’abitare e per dare una cornice ai luoghi delle relazioni umane. Il documentario, che propone anche una visione d’insieme di tutti i soggetti e le tipologie di archivio presenti nel territorio italiano, mostra alcune opere di grandi architetti italiani che hanno sognato e progettato l’idea di città moderna.
Con Gli archivi della musica (regia Vincenzo Sferra, voce narrante Iaia Forte) le telecamere entrano a Milano nell’Archivio Ricordi, conducendoci attraverso la musica di Puccini, Verdi, Rossini, Donizetti (di cui sono mostrati autografi, partiture, bozzetti e figurini) e nella musica popolare custodita nell’Archivio sonoro della Puglia, esempio del patrimonio culturale immateriale, tutelato dall’UNESCO.
Ultima, ma non per importanza, la puntata su Gli archivi del cinema d’impresa (regia Vincenzo Sferra, voce narrante Massimo Popolizio): quando importanti aziende affidavano a registi che sarebbero diventati noti al grande pubblico, il racconto delle loro imprese. Dagli sbiaditi bianco e nero di propaganda al rigore delle inquadrature di Olmi e Bertolucci, il racconto del lavoro italiano si snoda attraverso luoghi lontani con un respiro che fa pensare alle magnifiche esplorazioni e alle grandi avventure.

In onda dal 17 marzo su Rai Tre alle ore 00.40 ogni giovedì
Su Rai Storia:
Lunedì 21 marzo alle ore 08.00 e ore 19.00 (1ª puntata)
dal 24 marzo alle ore 23.15 ogni giovedì

Annunci

Autore: Bibliostoria

Biblioteca di scienze della storia e della documentazione storica Università degli Studi di Milano, Via Festa del Perdono, 7

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...