Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Weddings in Eastern Europe

A young couple (Kurpie region). 1920-1930

A young couple (Kurpie region). 1920-1930

 

Tra le mostre virtuali presenti nel portale Europeana ci sembra molto interessante quella dedicata alle celebrazioni dei matrimoni nell’Europa dell’Est.

In paesi come Ungheria, Lituania, Polonia e Slovenia, i matrimoni conservano ancora tradizioni e rituali, come musica e danze, nonostante il fenomeno della globalizzazione e dell’industrializzazione.
In passato durante le cerimonie, che variavano di paese in paese, ma anche di regione in regione, si toccavano aspetti come la fertilità, la longevità, la prosperità e più in generale la felicità della coppia.

 

La mostra, con foto, video e registrazioni audio, si articoli in diversi temi:

  • suoni e immagini del passato
  • la sera prima delle nozze
  • la benedizione cerimoniale
  • lo spostamento verso la casa del marito
  • le canzoni mattutine
  • il ruolo del “matchmaker”
  • l’arrivo degli ospiti
  • il tragitto verso la chiesa
  • la cerimonia dei cappelli
  • la partenza degli ospiti

 


Lascia un commento

The price of freedom: Americans at war

Armed Forces History, Division of History of Technology, National Museum of American History

Armed Forces History, Division of History of Technology, National Museum of American History

La mostra virtuale, curata dal National Museum of American History, mostra come le guerre hanno modellato la storia della nazione e trasformato la società americana.

La collezione include centinaia di manufatti relativi alla storia militare americana. Selezionando “Enter the exibition” viene visualizzata una timeline dove è possibile selezionare le guerre a cui gli americani hanno preso parte, tra cui la Prima guerra mondiale.

Le altre possibilità di ricerca sono il browse delle collezioni, la ricerca per parola chiave o la ricerca avanzata.

Molto interessante la sezione Learning Resources, dove si possono scaricare guide introduttive alla mostra, manuali per gli insegnanti e altro materiale di supporto, come video e lezioni.


Lascia un commento

Il Medioevo europeo di Jacques Le Goff

Per ricordare il grande medievista scomparso lo scorso 1 aprile, segnaliamo il sito che ripercorre le tappe della mostra organizzata in suo onore dalla Provincia di Parma nell’ormai “lontano” 2003.

Il sito si compone di due sezioni, una relativa alla mostra (purtroppo le immagini non sono più disponibili) e la seconda sullo storico francese, con la trascrizione dell’intervista rilasciata per l’occasione, link e allegati utili.

Di seguito altri link e risorse interessanti:

Per finire, l’elenco delle opere possedute dalla nostra Biblioteca.

 


Lascia un commento

D’appendizi pago. Cibo e paesaggio agrario attraverso le inchieste del catasto teresiano

archivio_milano

E’ online, sul sito dell’Archivio di Stato di Milano, la mostra documentaria esposta lo scorso ottobre.

La mostra si inserisce nel progetto Dalla terra alla tavola, vita in cucina, che fa parte delle manifestazioni che si svolgeranno a Milano in occasione dell’EXPO2015.

Nel quadro della vasta opera di riforme amministrative che interessò la Lombardia austriaca nel corso del XVIII secolo, Carlo VI d’Asburgo, nel 1718, diede inizio a una campagna di rilevazioni nel territorio dello Stato di Milano, insediando una prima Giunta del Censimento, con l’intento di approntare un censimento generale che prevedesse la misura e la stima di tutti i beni immobili e delle rendite. Tale operazione, nota come catasto teresiano, dal nome di Maria Teresa d’Austria, figlia di Carlo VI, che gli successe nel 1740 e che continuò nell’opera nominando una seconda Giunta del Censimento, fu conclusa nel 1760 con il termine dei lavori e con l’attivazione del catasto. L’attuazione di tale riforma censuaria avrebbe quindi comportato una radicale e innovativa modificazione del sistema fiscale di ripartizione e riscossione dei tributi, anche considerando che allora l’agricoltura era l’attività di gran lunga prevalente.

Dall’Introduzione alla mostra, a cura di Giovanni Liva.


3 commenti

Hermitage Museum: collezioni digitali

hermitage

Il Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo ospita una delle più importanti collezioni d’arte del mondo: si contano più di 3 milioni tra opere d’arte e manufatti.

In particolare la collezione di Numismatica è una delle più ricche del paese. E’ costituita da monete russe, orientali, occidentali e provenienti dall’antica Grecia; presso il museo sono custodite anche medaglie commemorative, distintivi e una varietà di sigilli. Nella sezione del sito dedicata alle Collezioni digitali è possibile scorrerla  selezionando il tipo di materiale e il paese d’origine.

La virtual gallery presenta immagini ad alta risoluzione anche di manoscritti e stampe orientali. Naturalmente molte altre sono le opere d’arte digitalizzate, dai dipinti ai manufatti, ai costumi.


1 commento

Istituto Banco di Napoli

Alcuni libri maggiori de creditori

Alcuni libri maggiori de creditori

L’Archivio Storico del Banco di Napoli rappresenta la più imponente raccolta archivistica di documentazione bancaria esistente al mondo. In circa trecentotrenta stanze sono raccolti e catalogati documenti bancari che vanno dalla metà del 1500 ad oggi.

Il sito fornisce informazioni sui banchi pubblici sorti tra il 1500 e il 1600 e sulla nascita, con l’unità d’Italia, del Banco di Napoli. Nel 1866, fu riconosciuto come istituto di emissione e nel 1926 fu dichiarato istituto di credito di diritto pubblico.

Alcune sezioni sono dedicate alle caratteristiche particolari dei documenti conservati nell’Archivio Storico e alle monete che circolavano nel regno di Napoli nei primi anni del 1500.

Nella e-Library è possibile visualizzare e in molti casi scaricare diverse pubblicazioni realizzate a cura dell’Istituto o da operatori dell’Archivio Storico o da ricercatori e studiosi a partire da materiali presenti in archivio.


1 commento

Susan B. Anthony: una vita per i diritti delle donne

Susan B. Anthony - Library of Congress

Susan B. Anthony – Library of Congress

Susan Brownell Anthony, instancabile attivista per il diritto di voto alle donne statunitensi, nacque nel 1820 a South Adams. Dopo molto anni dedicati all’insegnamento, divenne una delle principali attiviste per l’abolizione della schiavitù, per la parità tra i sessi, e la difesa dei diritti delle donne.

Fondò e diresse, a partire dal 1868, il giornale “The revolution”.
Il momento di maggiore drammaticità, negli anni dell’attivismo a favore del suffragio femminile, avvenne nel 1872 dopo un tentativo di voto alle elezioni presidenziali, ancora precluse alle donne: arrestata e processata, rispose al giudice che le chiedeva “You voted as a woman, did you not?” con le parole “No, sir, I voted as a Citizen of the United States“.

(Informazioni biografiche tratte da:
Willard, Frances E, and Mary A. R. Livermore. A Woman of the Century: Fourteen Hundred-Seventy Biographical Sketches Accompanied by Portraits of Leading American Women in All Walks of Life. Detroit: Gale Research Co, 1967. Print.
Biographical Encyclopedia of the United States. Chicago: American Biographical Pub. Co, 1901. Print.)

Per approfondire la vita e le idee di Susan Anthony, segnaliamo alcune utili risorse online:

Segnaliamo anche la principale opera alla quale ha collaborato la Anthony, History of Woman Suffrage, disponibile online in formato full text, digitalizzazione della copia posseduta dalla biblioteca della University of Toronto:

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 956 follower