Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

The price of freedom: Americans at war

Armed Forces History, Division of History of Technology, National Museum of American History

Armed Forces History, Division of History of Technology, National Museum of American History

La mostra virtuale, curata dal National Museum of American History, mostra come le guerre hanno modellato la storia della nazione e trasformato la società americana.

La collezione include centinaia di manufatti relativi alla storia militare americana. Selezionando “Enter the exibition” viene visualizzata una timeline dove è possibile selezionare le guerre a cui gli americani hanno preso parte, tra cui la Prima guerra mondiale.

Le altre possibilità di ricerca sono il browse delle collezioni, la ricerca per parola chiave o la ricerca avanzata.

Molto interessante la sezione Learning Resources, dove si possono scaricare guide introduttive alla mostra, manuali per gli insegnanti e altro materiale di supporto, come video e lezioni.


Lascia un commento

Il Medioevo europeo di Jacques Le Goff

Per ricordare il grande medievista scomparso lo scorso 1 aprile, segnaliamo il sito che ripercorre le tappe della mostra organizzata in suo onore dalla Provincia di Parma nell’ormai “lontano” 2003.

Il sito si compone di due sezioni, una relativa alla mostra (purtroppo le immagini non sono più disponibili) e la seconda sullo storico francese, con la trascrizione dell’intervista rilasciata per l’occasione, link e allegati utili.

Di seguito altri link e risorse interessanti:

Per finire, l’elenco delle opere possedute dalla nostra Biblioteca.

 


Lascia un commento

D’appendizi pago. Cibo e paesaggio agrario attraverso le inchieste del catasto teresiano

archivio_milano

E’ online, sul sito dell’Archivio di Stato di Milano, la mostra documentaria esposta lo scorso ottobre.

La mostra si inserisce nel progetto Dalla terra alla tavola, vita in cucina, che fa parte delle manifestazioni che si svolgeranno a Milano in occasione dell’EXPO2015.

Nel quadro della vasta opera di riforme amministrative che interessò la Lombardia austriaca nel corso del XVIII secolo, Carlo VI d’Asburgo, nel 1718, diede inizio a una campagna di rilevazioni nel territorio dello Stato di Milano, insediando una prima Giunta del Censimento, con l’intento di approntare un censimento generale che prevedesse la misura e la stima di tutti i beni immobili e delle rendite. Tale operazione, nota come catasto teresiano, dal nome di Maria Teresa d’Austria, figlia di Carlo VI, che gli successe nel 1740 e che continuò nell’opera nominando una seconda Giunta del Censimento, fu conclusa nel 1760 con il termine dei lavori e con l’attivazione del catasto. L’attuazione di tale riforma censuaria avrebbe quindi comportato una radicale e innovativa modificazione del sistema fiscale di ripartizione e riscossione dei tributi, anche considerando che allora l’agricoltura era l’attività di gran lunga prevalente.

Dall’Introduzione alla mostra, a cura di Giovanni Liva.


3 commenti

Hermitage Museum: collezioni digitali

hermitage

Il Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo ospita una delle più importanti collezioni d’arte del mondo: si contano più di 3 milioni tra opere d’arte e manufatti.

In particolare la collezione di Numismatica è una delle più ricche del paese. E’ costituita da monete russe, orientali, occidentali e provenienti dall’antica Grecia; presso il museo sono custodite anche medaglie commemorative, distintivi e una varietà di sigilli. Nella sezione del sito dedicata alle Collezioni digitali è possibile scorrerla  selezionando il tipo di materiale e il paese d’origine.

La virtual gallery presenta immagini ad alta risoluzione anche di manoscritti e stampe orientali. Naturalmente molte altre sono le opere d’arte digitalizzate, dai dipinti ai manufatti, ai costumi.


1 commento

Istituto Banco di Napoli

Alcuni libri maggiori de creditori

Alcuni libri maggiori de creditori

L’Archivio Storico del Banco di Napoli rappresenta la più imponente raccolta archivistica di documentazione bancaria esistente al mondo. In circa trecentotrenta stanze sono raccolti e catalogati documenti bancari che vanno dalla metà del 1500 ad oggi.

Il sito fornisce informazioni sui banchi pubblici sorti tra il 1500 e il 1600 e sulla nascita, con l’unità d’Italia, del Banco di Napoli. Nel 1866, fu riconosciuto come istituto di emissione e nel 1926 fu dichiarato istituto di credito di diritto pubblico.

Alcune sezioni sono dedicate alle caratteristiche particolari dei documenti conservati nell’Archivio Storico e alle monete che circolavano nel regno di Napoli nei primi anni del 1500.

Nella e-Library è possibile visualizzare e in molti casi scaricare diverse pubblicazioni realizzate a cura dell’Istituto o da operatori dell’Archivio Storico o da ricercatori e studiosi a partire da materiali presenti in archivio.


1 commento

Susan B. Anthony: una vita per i diritti delle donne

Susan B. Anthony - Library of Congress

Susan B. Anthony – Library of Congress

Susan Brownell Anthony, instancabile attivista per il diritto di voto alle donne statunitensi, nacque nel 1820 a South Adams. Dopo molto anni dedicati all’insegnamento, divenne una delle principali attiviste per l’abolizione della schiavitù, per la parità tra i sessi, e la difesa dei diritti delle donne.

Fondò e diresse, a partire dal 1868, il giornale “The revolution”.
Il momento di maggiore drammaticità, negli anni dell’attivismo a favore del suffragio femminile, avvenne nel 1872 dopo un tentativo di voto alle elezioni presidenziali, ancora precluse alle donne: arrestata e processata, rispose al giudice che le chiedeva “You voted as a woman, did you not?” con le parole “No, sir, I voted as a Citizen of the United States“.

(Informazioni biografiche tratte da:
Willard, Frances E, and Mary A. R. Livermore. A Woman of the Century: Fourteen Hundred-Seventy Biographical Sketches Accompanied by Portraits of Leading American Women in All Walks of Life. Detroit: Gale Research Co, 1967. Print.
Biographical Encyclopedia of the United States. Chicago: American Biographical Pub. Co, 1901. Print.)

Per approfondire la vita e le idee di Susan Anthony, segnaliamo alcune utili risorse online:

Segnaliamo anche la principale opera alla quale ha collaborato la Anthony, History of Woman Suffrage, disponibile online in formato full text, digitalizzazione della copia posseduta dalla biblioteca della University of Toronto:


Lascia un commento

Leonardo, Galileo, Avogadro: strumenti per lo studio della storia della scienza nella biblioteca digitale del Museo Galileo

Per la storia delle scienze segnaliamo i materiali online del Museo Galileo, istituzione fiorentina che ospita gli strumenti scientifici progettati e realizzati da Galileo oltre ad altre importanti collezioni scientifiche.
Di particolare interesse, per la storia della ricerca scientifica sono i materiali contenuti nella biblioteca digitale, suddivisa in Collezioni digitali  e Mostre Virtuali (vere e proprie esposizioni digitali tematiche, come quelle riferite ad Amedeo Avogadro e Giorgio Roster ).
Tutte dedicate a Galileo sono invece le risorse Galileo e l’Universo dei suoi libri (realizzata in ciollaborazione con BNCF e Accademia della Crusca), ed il Portale Galileo, che riunisce tutte le risorse disponibili sul grande scienziato.
La mostra virtuale Museo Galileo 1930-2010 celebra invece l’attività del museo dai suoi esordi ad oggi.


Lascia un commento

Google Cultural Institute

Un cartello dell'epoca dell'apartheid

Un cartello dell’epoca dell’apartheid

Vi segnaliamo il progetto Cultural Institute di Google, che ha sviluppato delle mostre interattive per ripercorrere gli eventi storici che hanno caratterizzato il XX secolo, (1892-2008).

Navigando tra le esposizioni troverete link a fotografie, video, manufatti e manoscritti originali; diversi sono i percorsi dedicati allo sterminio nazista e all’apartheid in Sudafrica.


Lascia un commento

Margaret Thatcher Foundation

Margaret Thatcher tra Ciriaco De Mita e Ronald Reagan al 17° G7, tenutosi a Toronto nel 1988. (Fonte: Wikipedia)

Margaret Thatcher tra Ciriaco De Mita e Ronald Reagan al 17° G7, tenutosi a Toronto nel 1988. (Fonte: Wikipedia)

Il sito della Margaret Thatcher Foundation offre libero accesso a migliaia di documenti relativi alla figura della “Lady di ferro” deceduta lunedi’ a 87 anni e alla sua politica, nota anche come Thatcherismo.

Il sito ripercorre la biografia della donna ex-Premier inglese corredata da mostre online; inoltre permette di accedere ai testi delle sue dichiarazioni pubbliche (tra cui discorsi, interviste, conferenze stampa ecc…) ricercabili per data, soggetto, importanza e parole chiave.
La sezione Archivio contiene migliaia e migliaia di documenti segreti provenienti dagli archivi di tutto il mondo, che ripercorrono le fasi della sua politica, da leader del Partito Conservatore a Primo Ministro.
Completano il sito una sezione Multimedia, con video e foto storiche e una Cronologia accurata dei più importanti eventi politici che ebbero luogo in Gran Bretagna e nel mondo tra il 1945 e il 1990, anno in cui si dimise dalla carica di Primo Ministro.


Lascia un commento

Medical Heritage Library

Si tratta di progetto sostenuto da alcune delle biblioteche mediche più rappresentative al mondo che vuole promuovere l’accesso libero a risorse digitali di qualità relative alla storia della medicina.

La collezione risiede sull’Internet Archive; è possibile scorrere i contenuti per soggetto e per data.


Lascia un commento

Faces of 1812

La mostra virtuale  presenta alcuni rari ritratti e documenti d’archivio relativi a uomini e donne, combattenti e civili, che hanno vissuto la Guerra del 1812 in Canada.

La guerra, che oppose gli Stati Uniti alla Gran Bretagna, unì i canadesi di lingua francese, quelli di lingua inglese, gli indigeni e i britannici contro un unico nemico.
La vittoria, raggiunta attraverso una efficace linea comune di difesa, gettò le basi per la nascita del Canada moderno.


Lascia un commento

UK World War One Collections

Il King’s College di Londra, in vista del centenario dello scoppio della Prima Guerra Mondiale, nel 2014,  ha creato un database liberamente accessibile che raccoglie materiali e risorse relative al conflitto; queste ultime appartengono a università, archivi, biblioteche e musei del Regno Unito.


Lascia un commento

Churchill Archive: a window on history

Il Churchill Archive contiene circa 800.000 lettere private, discorsi, telegrammi, manoscritti, trascrizioni governative e altri documenti storici chiave per la storia inglese. Fino ad ora il solo modo di consultarli era visitare il Churchill Archives Centre a Cambridge.

Da pochi giorni questa immensa mole di risorse è online grazie alla Bloomsbury Publishing; l’accesso richiede una sottoscrizione, ma alcuni documenti sono liberamente accessibili.


Lascia un commento

Nascita di una nazione. Immagini dal Risorgimento italiano nelle raccolte dell’Archiginnasio

E’ online la mostra organizzata nel 2011 dalla Biblioteca comunale dell’Archiginnasio per celebrare il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.  La mostra comprende stampe, disegni e volumi illustrati raffiguranti personaggi ed eventi del nostro Risorgimento.

“L’esposizione, che comprende più di un centinaio di pezzi di notevole interesse storico-artistico ed editoriale, intende sottolineare l’influenza che la produzione delle immagini ha avuto nella formazione della coscienza storica del Risorgimento e nella diffusione capillare dei suoi ideali”.


Lascia un commento

Celebrating Italian Festivals

La collezione, digitalizzata dalla Beinecke Rare Book and Manuscript Library dell’Università di Yale, comprende 231 testi dal 16esimo al 19esimo secolo che documentano feste e celebrazioni religiose, civili e pubbliche in ogni parte d’Italia.

Nelle corti reali e aristocratiche  era solito durante questo periodo stampare volumi illustrati per documentare le celebrazioni organizzate in occasione di nascite, morti, fidanzamenti, matrimoni, incoronazioni e visite. Fatti circolare spesso per un intento di promozione nei confronti delle famiglie nobili rivali, i festival books sono testimonianze affascinanti della cultura e dell’arte aristocratica durante il periodo moderno.


Lascia un commento

The Arthur H. and Mary Marden Dean Lafayette Collection 1520-1849

Ritratto della famiglia Lafayette

La collezione comprende più di 10.000 items sulla vita e la carriera di  Marie Joseph Paul Yves Roch Gilbert du Motier, marchese di Lafayette (1757-1834), meglio conosciuto per il suo ruolo nelle rivoluzioni americana e francese.

La collezione Lafayette  include manoscritti, lettere e documenti, immagini, volantini e libri a stampa, microfilm. Nel sito trovate una selezione del materiale digitalizzato dalla Cornell University Library e una mostra online.


Lascia un commento

Visas for Freedom: Spanish Diplomats and the Holocaust

Si tratta di una mostra che celebra il lavoro umanitario di individui che con il loro atteggiamento contribuirono alla salvezza di migliaia di ebrei condannati allo sterminio e che sono diventati oggi un esempio di come sia possibile resistere alle ingiustizie e alla barbarie. 

La mostra presenta una serie di documenti e fotografie in onore dell’impegno etico dei diplomatici spagnoli durante la Seconda Guerra Mondiale.


Lascia un commento

Itali siam tutti, un popol solo

E’ online la mostra allestita all’Archivio di Stato di Milano nel 2011 relativa alle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia.

“Nella scelta dei documenti da esporre non ci si è limitati al 1861, anno di nascita dello Stato Italiano, decidendo invece di coprire un arco di tempo più ampio che va dall’età della Restaurazione e dei primi moti carbonari fino alla seconda metà del secolo XIX; senza pretese di esaustività e completezza riguardo alla complessa vicenda storica che ha portato al processo unitario, per le varie sezioni tematiche della mostra si sono estratti esempi significativi delle fonti documentarie conservate in questo Archivio”.

La mostra, coordinata da Mariagrazia Carlone e Giovanni Liva, si articola in dodici sezioni.


Lascia un commento

Shelf lives. Four centuries of collectors and their books

Volume conosciuto come ‘Lewis Scrap-Book’,contenente lettere e frammenti ci manoscritti in persiano, arabo e turco MS Add. 254.

Con un patrimonio più di otto milioni tra libri e manoscritti, la Cambridge University Library è una delle più grandi e più importanti collezioni d’Europa e del mondo.
Alcuni dei collezionisti che hanno contribuito alla creazione di un così vasto patrimonio sono stati animati da un ardente amore per i libri e da una passione per l’acquisto di volumi rari e pregiati.

La mostra presenta 10 collezionisti che vissero tra il 16esimo e il 20esimo secolo e permette di osservare le mode e i gusti che si sono susseguiti nell’arco di quattrocento anni.


Lascia un commento

Evanion Collection Of ephemera

Advert for a children’s concert, 1875

Evanion Collection of ephemera è il nome della mostra virtuale, oltre che della collezione della British Library.
La collezione che comprende circa 5.000 unità, era stata acquistata dal British Museum nel 1895.
Al suo interno si possono ammirare poster a colori e altro materiale grafico che serviva a pubblicizzare i numerosi spettacoli teatrali, musicali, circensi e altri eventi in generale della Londra dell’Ottocento.


Lascia un commento

Le donne di pace del Risorgimento

Cristina di Belgioioso (1808-1871)

Le donne di pace del Risorgimento è il progetto che vuole esprimere un doveroso riconoscimento alle figure femminili risorgimentali che, in condizioni di grande difficoltà, seppero esprimere l’invito alla riconciliazione e fratellanza. Appello alla pace che, in occasione della breve ma sanguinosa campagna militare del 1859, si concretizzò nell’azione di volontariato rivolta alla cura dei feriti di tutti gli eserciti che le donne lombarde seppero organizzare con efficacia e passione, ottenendo l’ammirazione dell’opinione pubblica mondiale e ponendo nei fatti l’esigenza del superamento della guerra come strumento di risoluzione delle controversie nelle relazioni tra i popoli”.

Il progetto si articola in una mostra (fino 27 gennaio 2012, nella sala della Bifora del Castello di Belgioioso) e nel sito ricco di informazioni e percorsi.


Lascia un commento

Consilioque manuque

Consilioque manuque. La Chirurgia nei manoscritti della Biblioteca Medicea Laurenziana è il titolo della mostra organizzata dalla Biblioteca Medicea fino al 10 gennaio.
Potete visitare l’intera mostra seguendo il percorso on-line.

Il percorso, ordinato cronologicamente, testimonia, attraverso i manoscritti laurenziani, lo sviluppo della chirurgia, dalla traumatologia della Grecia antica, presente nei poemi omerici, ai trattati del Corpus Hippocraticum, alla chirurgia romana, con il De medicina di Celso e la Naturalis Historia di Plinio, al bacino del Mediterraneo con le opere tradotte dall’arabo di Avicenna e Albucasis, passando attraverso la Scuola medica salernitana fino alle scuole dell’Italia centro settentrionale in un percorso che giunge fino al XVIII secolo.
Fra i pezzi esposti, si annoverano alcuni esemplari di particolare interesse come il papiro del IV secolo contenente un frammento del De morbis muliebribus di Sorano; il manoscritto contenente la collezione dei testi chirurgici di Niceta, confezionato a Costantinopoli ed acquistato per la Biblioteca di Lorenzo il Magnifico, il Canon medicinae di Avicenna, riccamente miniato a Ferrara alla metà del Quattrocento; il manoscritto francese della Chirurgia magna di Lanfranco da Milano.


Lascia un commento

L’eresia dei Magnacucchi (1951-1957)

“In occasione del convegno L’eresia dei magnacucchi sessant’anni dopo. Storie, analisi, testimonianze (Bologna, 30 settembre – 1 ottobre 2011), la Biblioteca comunale dell’Archiginnasio ha organizzato una mostra (presente anche in rete) dove sono esposti giornali e riviste dell’epoca, opuscoli e libri, fotografie, lettere e documenti.
Il materiale proviene non solo dalle raccolte della Biblioteca dell’Archiginnasio, ma anche da collezioni di privati e da altri istituti culturali.”


Lascia un commento

Immagini dell’America


Cristoforo Colombo – Tutti i diritti riservati

Collezione digitale creata in occasione della mostra “Le immagini dell’America” e dedicata alla scoperta e rappresentazione del Nuovo Mondo tra Medioevo e XIX secolo: documenti e immagini che illustrano la visione precolombiana del mondo, presentano gli strumenti nautici e cartografici del XV e XVI secolo, le planimetrie del XVII e XVIII e le pitture di paesaggio.
La collezione è arricchita da schede introduttive e di approfondimento storico, biografico e culturale.


Lascia un commento

Alcune risorse di storia per ricordare il 9 maggio, giorno della memoria per le vittime del terrorismo


Per ricordare il 9 maggio, giorno della memoria per le vittime del terrorismo vi segnaliamo risorse interessanti sul sito dell’Associazione italiana vittime del terrorismo e dell’eversione contro l’ordinamento costituzionale dello stato:

Da guardare il dossier Anni di piombo curato dalla “Storia siamo noi”.


Lascia un commento

Le radici del sapere scientifico: mostra bibliografica virtuale


Le radici del sapere scientifico è la digitalizzazione della mostra che ha avuto luogo nel Salone del Rettorato della Sapienza di Roma dal 3 al 13 febbraio 2010 prorogata a richiesta fino al 19 febbraio.
Al suo interno trovate questi interessanti percorsi bibliografici con le relative introduzioni e digitalizzazioni dei testi esposti:

    1. La Rinascita del Sapere dal X secolo. Dalle Scuole Cattedrali alle Università
    2. L’ Umanesimo. Artisti, Filosofi e Scienziati
    3. Le grandi edizioni della Letteratura Alessandrina nell’Epoca Rinascimentale. La circolazione dei saperi – La stampa a caratteri mobili
    4. La nuova Filosofia della Natura. Tecnica e Società XVI – XVII secolo
    5. La Nuova Scienza. I grandi protagonisti
    6. Le Accademie e le Riviste scientifiche
    7. La Statistica. Il Governo dello Stato e l’Aritmetica politica
    8. Il secolo dei Lumi e della Ragione. Dalla conoscenza enciclopedica all’Encyclopédie
    9. Antoine Laurent Lavoisier e la nascita della chimica moderna
    10. Le Scienze Biologiche. L’analisi della Natura
    11. Tavole anatomiche e disegni di architettura
    12. Le tappe fondamentali della speculazione filosofica nel XVIII secolo
    13. Botanica. La rappresentazione della natura nei secoli XVIII e XIX
    14. Statistica e Fisica Sociale
    15. La Chimica dell’Ottocento. La specializzazione nelle varie aree disciplinari
    16. La Fisiologia nel XIX secolo
    17. Giganti della Matematica. Johann Carl Friedrich Gauss – Jules-Henri Poincarè
    18. L’Evoluzionismo. Charles Darwin – Ernest Haeckel
    19. La Formazione dell’Ingegnere nell’Italia del XIX secolo
    20. Tracce del Progresso nel XX secolo
    21. La Statistica in Italia. Corrado Gini
    22 Nuove teorie fisiche del mondo. Albert Einstein

Potete anche consultare i 140 testi presenti sfogliando gli indici per autori e titoli delle edizioni e per anno di edizione.


Lascia un commento

Museo virtuale dell’Antifascismo e della Resistenza della provincia di Arezzo: luoghi delle stragi, biografie, filmati, canti partigiani e bibliografie


Nel sito del Museo virtuale dell’Antifascismo e della Resistenza della provincia di Arezzo potete trovare installazioni web che ricordano le stragi naziste compiute nella provincia di Arezzo e le formazioni partigiane della zona.
Ecco i capitoli in cui sia rticola questo prodotto multimediale:

    I luoghi delle stragi
    I protagonisti

      Biografie
      I partigiani
      I patrioti
      I partigiani stranieri
      Resistenza aretina all’estero
      I vigilati dalla polizia
      Le vigilate dalla polizia
      Aretini e Tribunale Speciale
      Aretine e Tribunale Speciale
      Esercito di Liberazione
      Presenza militare tedesca

    Multimediale:

      I filmati Visto con gli occhi degli alleati: questi filmati provengono dall’Imperial War Museum di Londra, che ne detiene il copyright. Furono individuati ed acquistati, per conto della Provincia di Arezzo, dall’équipe di Ivano Tognarini in preparazione del convegno internazionale di studi 2a guerra mondiale e sterminio di massa. Stragi e rappresaglie nella lotta di liberazione, Arezzo, novembre 1987. I filmati fanno parte della produzione dell’unità cinematografica dell’Esercito britannico AFPU, che aveva sede negli Studi cinematografici di Pinewood, nei pressi di Londra.
      Archivi musicali:

      Stampa della liberazione

    Libri che ne parlano (una bibliografia sull’argomento)


Lascia un commento

Mostra virtuale di spartiti musicali (per film)


La Mostra spartiti musicali è la mostra virtuale della Biblioteca Luigi Chiarini che conserva numerosi spartiti illustrati di canzoni tratte da film. Si tratta di materiali spesso considerati “minori” ma che testimoniano la varietà dei modi di diffusione della cultura cinematografica nel corso del XX secolo: in questo caso per mezzo della canzone, tipico prodotto nazional-popolare.
La galleria di immagini digitalizzate mira ad evidenziare la diversità dei generi cinematografici dei film ai quali gli spartiti erano collegati ma anche le interessanti scelte grafiche ideate per renderli di fatto più “attraenti” agli occhi degli acquirenti. Gli editori dell’epoca utilizzarono le illustrazioni a fini prevalentemente pubblicitari, in quanto potevano attirare il grosso pubblico: copertine dai colori vividi, talvolta abbellite da motivi ornamentali, ma soprattutto fonte di fascinazione per la presenza dei ritratti dei beniamini e delle star dell’epoca. Lo spartito diventava così uno “spazio” atto ad evocare in maniera sintetica l’oggetto “altro” e cioè il film, funzionando come piccolo manifesto nelle vetrine dei negozi.
Gli spartiti digitalizzati provengono da due fondi bibliografici: il Fondo Michetti Ricci (vedi > Prima parte e > Seconda parte ) e il > Fondo Berselli.
Attraverso questi “oggetti culturali” – che di certo rappresentano un punto di vista eccentrico ma ricco di suggestioni e informazioni – crediamo di poter offrire una lettura in controluce non solo dei gusti musicali ma anche dei segni della sensibilità estetica di un’epoca.


Lascia un commento

Mostra virtuale: la famiglia Cairoli


[Enrico e Giovani Cairoli]
Sul sito del Museo del Risorgimento di Pavia potete trovare la mostra virtuale dedicata alla famiglia Cairoli.
Si tratta di una famiglia di grande rinomanza per il ruolo avuto nel processo di unificazione nazionale, dall’elaborazione teorica, alla fase epica, alla costruzione della nuova Italia post unitaria e per essere divenuta, anche per sua stessa iniziativa, un mito nel mito risorgimentale.
I Cairoli risiedono a pochi chilometri da Pavia, a Gropello, all’epoca in territorio piemontese, ma dal 1832 acquistano un palazzo anche in città. La doppia residenza facilita contatti e attività cospirative: nei loro ‘salotti’ così come nelle loro esistenze, la dimensione intima, familiare si mescola inscindibilmente a quella politica e l’ideale di patria diventa una scelta di vita totalizzante.
Lo stretto rapporto con Garibaldi e l’infaticabile attività ne fa un punto di riferimento essenziale per il volontarismo pavese e Pavia stessa viene identificata come “città dei Cairoli”.


Lascia un commento

Inventari degli oggetti del Museo della Fondazione Micheletti per ricostruire la storia politica e sociale italiana


Nel sito della Fondazione Micheletti di Brescia trovate gli inventari degli oggetti che compongono le collezioni del Museo.
Attualmente è consultabile l’inventario della sede centrale, curato dalla Fondazione Luigi Micheletti, proprietaria e depositaria della maggior parte dei reperti. Date le caratteristiche del museo progettato in Brescia Città (ex Tempini), che prevede una galleria dedicata al Novecento ed una al cinema, sono presenti reperti di per se non riconducibili alla categoria dei musei dell’industria e del lavoro, e però utili a rappresentarne la storia politica e sociale nonché le trasformazioni sociali della vita quotidiana e dell’immaginario velocemente succedutesi nel corso del XX secolo.


Lascia un commento

I libri antichi di Angelo Sraffa: un tour virtuale


Sul sito della biblioteca dell’Università Bocconi potete fare un tour virtuale tra I libri antichi di Angelo Sraffa, parte della collezione che la famiglia del rettore donò all’Università. I volumi presenti nel virtual tour, che rappresentano alcuni dei libri più significativi della collezione di 785 volumi appartenuta a Sraffa, risalgono al periodo tra il Cinquecento e il Settecento. Tra questi vi è anche il De mercatura seu mercatore di Benvenuto Stracca, ovvero il primo trattato di diritto commerciale della storia, pubblicato a Venezia nel 1553. Il De mercatura seu mercatore vede la luce a Venezia, nel 1553, per i tipi di Paolo Manuzio ed è diviso in nove parti: chi sia mercante e che cosa siano gli atti di commercio; i diritti e gli obblighi dei mercanti; l’incapacità all’esercizio della mercatura; l’oggetto della mercatura; i contratti dei mercanti (parte generale, mandato e scommessa); il commercio marittimo; casi di cessazione dell’essere mercante; fallimento; procedura nelle corti mercantili. Dall’epoca medievale e fino a quel momento, a livello europeo, il diritto commerciale si era ampiamente sviluppato nella viva realtà degli affari e dei traffici ad opera degli stessi mercatores, attraverso gli statuti corporativi, le prassi e gli usi mercantili, le regole delle fiere, la giurisprudenza delle corti dei mercanti. Circolano molti libri sull’arte della mercatura, trattati di contabilità commerciale, trattatelli morali e anche i giuristi dotti se ne erano ingeriti qua e là, en passant, commentando la compilazione giustinianea e i testi di diritto canonico, oppure scrivendone nei loro pareri (i consilia).


Lascia un commento

Digitaln knijznica Slovenije-dLis.si, la ricca biblioteca digitale della Slovenia


Se siete interessati alla storia della Slovenia, vi consigliamo di visitare il ricco sito della biblioteca digitale della Slovenia: Digitaln knijznica Slovenije-dLis.si.
Potete fare una ricerca libera o avanzata o visionare il materiale per tipologia o per argomenti.
Questi i materiali digitalizzati:

Questa invece è la lista per argomenti :

    Arheologija (215)
    Arhitektura (120)
    Astronomija, astrofizika (55)
    Bibliografije (112)
    Bibliotekarstvo (9168)
    Biografije (580)
    Biologija (190)
    Botanika (133)
    Civilizacija (58)
    Demografija (72)
    Domoznanstvo (2852)
    Družbene vede (125)
    Ekonomija (530)
    Etnologija (351)
    Filozofija, psihologija (526)
    Fizika (301)
    Fotografija (9522)
    Geografija (574)
    Geologija (374)
    Glasba (2867)
    Gledališče (31)
    Gospodinjstvo (126)
    Gradbeništvo (38)
    Grafična industrija, tiskarstvo, založništvo, knjigotrštvo (63)
    Grafična umetnost (6562)
    Humanistične vede (80)
    Industrija, obrt, rokodelstvo (315)
    Informatika (14)
    Inženirstvo, tehnologija (799)
    Inženirstvo, tehnologijaInženirstvo, tehnologija (12)
    Javna uprava (73784)
    Jezikoslovje in jeziki (1937)
    Kemija (756)
    Kemijska tehnologija (433)
    Kibernetika (17)
    Kinematografija (13)
    Kmetijstvo (623)
    Knjigovodstvo (12)
    Književnost (46477)
    Likovna umetnost (84)
    Matematika (115)
    Medicina (1590)
    Menedžment (160)
    Naravoslovne vede (217)
    Ni določeno (5)
    Oglaševanje (19)
    Organizacije (135)
    Paleontologija, paleobotanika, paleozoologija (46)
    Pisave, knjige (59)
    Politika (260)
    Poslovni menedžment (76)
    Pravo (3781)
    Promet (46)
    Računalništvo (164)
    Risanje (444)
    Rokopisi (41)
    Slikarstvo (258)
    Socialno delo (84)
    Sociologija (114)
    Standardizacija (8)
    Statistika (12)
    Šport (75)
    Telekomunikacije (4)
    Tiskovine (207921)
    Umetnost (94)
    Urbanizem (138)
    Verstva. Teologija (146)
    Vzgoja, izobraževanje (46777)
    Zgodovina (1147)
    Znanost (590)
    Zoologija (543)


1 commento

Biblioteca virtual della Biblioteca Luis Ángel Arango del Banco de la República di Colombia


["Indienne du rio Verde" Saffray, Charles, Diseño de A. de Neuville, con base en un croquis del autor
Grabado. 9,3 x 7,8 cm, blanco y negro]
Siete interessati alla storia dell’America latina? Cominciamo con la Colombia.
Date un’occhiata alla Biblioteca Virtual della Biblioteca Luis Ángel Arango del Banco de la República.

Se trata de una biblioteca básica organizada bajo la estructura de enciclopedia temática dirigida a un público escolar y de primeros años de universidad. Esta información se presenta a través de libros, imágenes, archivos sonoros y de video, páginas interactivas, exhibiciones en línea, juegos y concursos de tipo educativo y actividades similares.

Vi segnaliamo queste sezioni:


Lascia un commento

Chinese Public Health Posters


Chinese Public Health Posters è la mostra virtuale della collezione acquisita e resa disponibile sul web dalla National Library of Medicine. Si tratta di una vasta raccolta di materiali della sanità pubblica cinese: settemila risorse iconografiche prodotte dai primi del Novecento fino alla recente SARS.
La collezione comprende una vasta gamma di materiali: manifesti, bollettini sulla salute, giornali, dipinti, pubblicità farmaceutica, calendari, scacchi, giochi per bambini, puzzle sui temi della salute, carte da gioco sulla SARS, diapositive, negativi, fotografie, nonché libri e riviste. Questi materiali presentano interessanti rappresentazioni visive della politica sanitaria che si intreccia alla vita politica, sociale, economica e militare cinese.
Attinge a questa stesso patrimonio iconografico cinese la mostra virtuale Health for the People della NLM che analizza il periodo che va dagli anni ’50 agli anni ’70. Ai poster digitalizzati si accompagna anche una breve ma efficace presentazione.


Lascia un commento

“Delivery: General Post Office Posters from 1930 to 1960″: una mostra virtuale sulla Royal Mail

POST%20110_3176-700
[John Armstrong (1893-1973) Royal Mail, A.D. 1935]
L’Archive and Special Collections Centre dell’University of the Arts di Londra e il British Postal Museum & Archive hanno presentato in ottobre la prima mostra (anche on-line) dedicata ai poster della Royal Mail: “Delivery: GPO Posters from 1930 to 1960“.
Concentrandosi su un periodo in cui i progettisti come Edward McKnight Kauffer (1890-1954), Tom Eckersley (1914-1995), Leonard Beaumont (1891-1986) e FK Henrion (1914-1990) erano al lavoro per il GPO, i manifesti sono organizzati in sei temi chiave: Education, Air Mail, Post Early, Wartime, Postage e Packing Products and Services.
Per mezzo del testo di base, le immagini e i colori dei manifesti mostrano come i poster traducessero spesso messaggi complessi destinati al pubblico.

Qui, trovate una breve storia del GPO:
The General Post Office (GPO) was established in 1657 as a monopoly service, combining the functions of state postal and telecommunications carrier and spawning similar services across the British Empire. From 1660-1969 it was a State Department but in 1969 it became a statutory corporation named The Post Office. In 1981 the corporation was divided by function due to the expansion of services beyond paper-based needs: into the Post Office for postal needs; and British Telecom for other communicative needs.
From early on the service was innovative for example, being the first known creator of stamps (Penny Post) in 1840. With the growth of communications The General Post Office became about more than paper deliveries within Great Britain but it was also this expansion which would see the Department split up. Design was a factor from the first, stamps required designing and the change of system required advertising. The power of advertising was used to promote the General Post Office as a service and necessity. As poster design began to expand in the early twentieth century the General Post Office increasingly used this medium and its rising stars.


1 commento

Mostre virtuali sull’Olocausto

10105
[Prisoners during a roll call at the Buchenwald concentration camp. Their uniforms bear classifying triangular badges and identification numbers. Buchenwald, Germany, 1938-1941
— United States Holocaust Memorial Museum]
L’United States Holocaust Memorial Museum ha un’interessantissima sezione sul suo sito interamente dedicata alle Online Exhibitions che possono avere anche un’utilizzazione didattica. Questi sono i temi affrontati in queste mostre virtuali:

In ogni esposizione virtuale trovate un inquadramento storico e molte risorse per approfondire (link, fotografie, filmati, testimonianze…)
Non dimenticate di guardare anche la Holocaust Encyclopedia.


Lascia un commento

Mostre virtuali della Biblioteca Marucelliana sull’editoria per ragazzi

mvr_geo

Siete interessati alla storia dell’editoria per ragazzi? Sul sito della Biblioteca Marucelliana di Firenze trovate digitalizzazioni di mostre bibliografiche di testi della biblioteca stessa sul tema:


Lascia un commento

27 gennaio 2009: nono Giorno della memoria

auswitz

Ricorre oggi per la nona volta il Giorno della memoria “in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti” (legge 211 del 20 luglio 2000).
Vi segnaliamo il sito della Fondazione Memoria della Deportazione, in cui potete trovare materiali anche didattici sulla deportazione nei campi nazisti e da cui riportiamo una serie di eventi che nei prossimi giorni interesseranno la città di Milano:

    La manifestazione centrale si terrà il 27 gennaio alle 20,30 presso la sala della Provincia di via Corridoni. Organizzano il Comitato permanente antifascista, la Comunità ebraica e l’Associazione figli della Shoah.

    Giovedì 29 gennaio 2009 alle 18.00 la Comunità di Sant’Egidio e la Comunità Ebraica di Milano celebrano presso la Stazione Centrale (Via Ferrante Aporti,3 ) la “Memoria della deportazione dalla Stazione di Milano” (30 gennaio 1944). Intervento di Liliana Segre. Per l’ANED interverrà Giovanna Massariello.

    Il 3 febbraio alla Accademia di Brera giornata dedicata al ricordo delle vittime dei lager nazisti e al progetto di restauro del Memoriale italiano nel Blocco 21 di Auschwitz. Partecipa, tra gli altri, il Premio Nobel Dario Fo

    Da Lunedì 26 gennaio al Circolo ARCI Martiri di Turro seconda edizione del ciclo di incontri “La forza della memoria”.

    Venerdì 30 gennaio alle 21,00 presso il Consiglio di Zona 3 presentazione del Diario di Fossoli di Leopoldo Gasparotto.

    Venerdì 30 gennaio alle 21.00 presso la scuola “Madre Teresa di Calcutta” L. go Guerrieri Gonzaga,4 “Non voglio dimenticare Anna Frank” – Regia Fiorella Merlin, spettacolo teatrale realizzato da ragazzi provenienti da ogni parte del mondo.

    Inoltre:

    presso l’Università IULM, Via Carlo Bo 1, dal 27 al 31 gennaio: mostra “Oltre quel muro – La resistenza nel campo di Bolzano”

    fino al 3 febbraio 2009, per iniziativa dell’Accademia di Brera: mostre e convegni attorno al Memoriale italiano ad Auschwitz

Se volete saperne di più sull’istituzione del Giorno della memoria potete consultare anche il sito della Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea. Date un’occhiata alla sezione ricca di risorse e bibliografia: LA SHOAH IN ITALIA. A portata di mouse c’è anche la mostra digitale: La persecuzione degli ebrei in Italia 1938 – 1945 attraverso i documenti dell’epoca.


Lascia un commento

Le esposizioni virtuali della Library of Congress

Setacciando il web alla ricerca di esposizioni virtuali, vi segnaliamo la ricca pagina delle esposizioni virtuali della Library of Congress: Exibitions. Avete la possibilità di vedere sia le esposizioni al momento in programma sul web, sia scorrere l’elenco di tutte le mostre virtuali (in ordine alfabetico).
Le mostre attingono al ricco patrimonio della Library e tutte contengono immagini ad alta risoluzione, oltre ad un ottimo inquadramento storico.
Ve ne segnaliamo qualcuna:


Lascia un commento

Le esposizioni virtuali della Biblioteca Nazionale di Francia

Volete vedere una mostra bibliografica virtuale? La Biblioteca nazionale di Francia ha creato un sito apposta: Expositiones virtuelles.
Ogni esposizione virtuale comprende immagini ad altissima risoluzione, schede di inquadramento, bibliografie e dossier pedagogici
Le curatissime e ricche esposizioni virtuali sono incluse in 6 sezioni. Per ogni sezione vi citiamo alcune esposizioni (purtroppo la sezione non ha indirizzo web distinto):

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 912 follower