Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia


Lascia un commento

Viaggiatori stranieri in Italia: Fondo Tursi

Marciana_Viaggiatori_stranieri01_JPG_1944330764

“Il Fondo Tursi – che raccoglie 26.000 documenti, fra libri, opuscoli, stampe e raccolte di articoli – fu donato alla Biblioteca Marciana nel 1968 da Angiolo Tursi (Taranto 1885- Venezia 1977). [...] Nel Fondo si trovano resoconti di viaggio di autori stranieri – letterati, politici, artisti, storici dal XVI al XX secolo – opere di interesse storico documentaristico, raccolte di stampe, oltre ai testi letterari di quegli autori che maggiormente subirono il fascino della cultura e dell’ambientazione italiana nelle loro opere”.

Un itinerario storico e pittoresco in un’Italia vista attraverso gli occhi di viaggiatori stranieri, di volta in volta attratti e affascinati dalle sue bellezze artistiche e ambientali e al contempo capaci di coglierne i forti contrasti sociali: dalla descrizione del Lazio di Athanasius Kircher alle Lettere di Rabelais, dalle Observations sur l’Italie di Pierre-Jean Grosley alle lettere di Lady Mary Wortley Montague.

La nuova collezione, all’interno del portale Internet culturale, è stata messa a disposizione grazie a un progetto di digitalizzazione della BEIC, a cui ha collaborato la Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia.


Lascia un commento

Milano digitale: e-book e digitalizzazioni delle biblioteche milanesi

Numerique  papier un texte est un texte - Rémi Mathis https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0/deed.it

Numerique papier un texte est un texte – Rémi Mathis  CC BY-SA 2.0

 

Molte biblioteche milanesi sono attive in progetti di digitalizzazione. Elenchiamo di seguito alcuni dei progetti più significativi ed accessibili senza abbonamento. Alcuni di essi sono già stati segnalati sul nostro blog.

  • BEIC – Bibliotec Europea di Informazione e Cultura: a luglio 2014 sono stati inseriti nella biblioteca digitale quasi 6000 titoli.
    “La Biblioteca digitale BEIC si propone di rendere liberamente accessibile un vasto complesso di opere tra le più importanti della cultura umanistica e scientifica, lungo un arco temporale che va dal mondo antico all’età contemporanea”.
    Leggi sul blog: Biblioteca digitale BEIC
  • DigitaMI – Biblioteca digitale di Milano: la memoria storica della città tratta dalle collezioni della biblioteca Sormani e digitalizzata.
    “DigitaMi è una biblioteca digitale di documenti rappresentativi della tradizione storica e culturale di Milano. Il fondo, che comprende opere rare e preziose, spazia dai testi letterari di grandi scrittori milanesi e lombardi a quelli di autori minori, dalle descrizioni di costume alle vicende storiche, senza ignorare le tradizioni popolari e la letteratura dialettale”. 
  • BiD – Braidense in Digitale: Emeroteca, raccolta drammatica, monografie, fondi fotografici ed archivi musicali. Le collezioni storiche della biblioteca Braidense disponibili online.
    “La Biblioteca Nazionale Braidense, come altre biblioteche del Ministero per i Beni e le attività Culturali, è stata una delle prime in Italia a produrre collezioni digitali tratte dai propri fondi storici, operando a favore tanto della diffusione e della valorizzazione delle proprie collezioni quanto della salvaguardia delle stesse dall’usura della consultazione materiale, fin da quella che si può oggi chiamare la protostoria del digitale”.
    Leggi sul blog: EVA – Emeroteca Virtuale Aperta; Alla scoperta delle biblioteche milanesi: la Biblioteca Nazionale Braidense

Altri materiali digitalizzati di notevole interesse sono proposti anche dalla Biblioteca digitale del Conservatorio di Milano, dalla Biblioteca della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, dalla Biblioteca della Triennale.

Hai suggerimenti per arricchire l’elenco dei progetti? Lascia un commento!

 


Lascia un commento

Vox Venetica. Bandi della Repubblica di Venezia, sec. 16.-17.

Querini_Stampalia_Vox01_jpg_1944328971

La Biblioteca della Fondazione Querini Stampalia ha da poco concluso la catalogazione e digitalizzazione di 3.269 proclami (parti, terminazioni, bandi, leggi) pubblicati dalle varie stamperie ducali tra il XVI e il XVIII secolo, per conto della Repubblica di Venezia. I documenti, prodotti in grande quantità al momento della pubblicazione, sono ora presenti nelle raccolte storiche di biblioteche, archivi, musei e istituzioni culturali quasi sempre come degli “unica”: come hanno dimostrato i lavori della prima tranche, si tratta di una tra le fonti principali per la ricostruzione della storia della Repubblica nei vari aspetti della vita sociale, politica, culturale, religiosa.

La biblioteca conserva inoltre nelle sue raccolte circa 8.000 testi, dalla letteratura alla storia, prodotti per lo più dell’editoria veneziana, che coprono un arco temporale che va dal XVI alla prima metà del XX secolo.

La collezione è in corso di aggiornamento.


Lascia un commento

E-books: trial per tutti e novità Unimi

ROUTLEDGE: TRIAL GRATUITO

EBook_between_paper_booksL’editore Routledge ha avviato un progetto di digitalizzazione di vecchi titoli fino ad ora disponibili sono in versione cartacea denominato A century of Knowledge: the humanities. Si tratta di15.000 opere di linguistica, letteratura, filosofia, religione, storia, antropologia ed archeologia che ripercorrono un secolo di ricerca  in ambito umanistico e sociale.

6.000 di questi titoli sono consultabili gratuitamente fino al 30 giugno 2014.

Questa la suddivisione delle opere di storia:

  1. American History
  2. Asian History
  3. British History
  4. Classical Studies/Ancient History
  5. Women’s and Gender History
  6. World/International History
  7. Social/Cultural History and History of Science

 

UNIMI: NOVITA’ E-BOOK

e-book unimiInoltre, novità sul versante e-book anche in Unimi: è infatti online un nuovo strumento che rende più semplice la ricerca all’interno degli oltre 300.000 titoli disponibili.
Gli e-book sono ricercabili per titolo, ISBN o editore. In vetrina sono invece poste in evidenza alcune collezioni di e-book o singoli e-book di grande rilevanza.

 


Lascia un commento

Gride e gridari Seicenteschi dello stato di Milano digitalizzati: i fondi pregiati della nostra biblioteca

Nell’ambito del progetto “Biblioteca Digitale Lombarda” e con il sostegno economico di Regione Lombardia la nostra biblioteca ha provveduto a digitalizzare alcuni dei materiali più interessanti e significativi per lo studio della storia di Milano e della Lombardia in età moderna:

 La collezione di Gride e Gridari Seicenteschi dello Stato di Milano

Gridario milano

Frontespizio del gridario del Governatore e Capitano generale dello Stato di Milano Claudio Lamoraldo, 1678

Elenco delle Gride e dei Gridari digitalizzati

La collezione include sia singole gride che gridari completi dei governatori di Milano durante la dominazione spagnola, e copre tutto il XVII secolo.
I testi sono consultabili sul portale della Biblioteca Digitale Lombarda, anche a partire dai record bibliografici presenti nell’OPAC di Ateneo: per ciascun gridario è stato realizzato un sommario che permette di scorrere le gride contenute, facilitando così la ricerca e l’individuazione di dei temi di interesse.

Sommario biblioteca digitale lombarda

Sommario del gridario di Don Ferdinando, 1634

Questo progetto si aggiunge al precedente, curato dal Dipartimento di Diritto Privato e Storia del Diritto – sezione di storia del diritto medievale e moderno dell’Università, dedicato alla digitalizzazione di Gridari Settecenteschi dello Stato di Milano.


Lascia un commento

Le Cinquecentine della Crusca: banca dati di libri digitalizzati dell’Accademia

L’Accademia della Crusca ha realizzato una importante digitalizzazione del proprio patrimonio librario, in particolare di Cinquecentine, disponibili per la consultazione su http://www.cinquecentine-crusca.org/.
La digitalizzazione coinvolge 1132 esemplari: la digitalizzazione, per quanto non completa, ha previsto la riproduzione delle pagine significative dell’opera ai fini della tutela del patrimonio, della conservazione e della valorizzazione.

Elenco autori le cui opere sono state digitalizzate

Molto interessante, anche per chi desideri intraprendere progetti analoghi, è la descrizione dei criteri adottati per la scelta dei volumi, per la catalogazione e per le specifiche tecniche delle immagini. Per le informazioni sull’utilizzo della piattaforma (accesso libero, registrazione ed autorizzazioni) è invece possibile consultare la pagina Istruzioni.

Attenzione: per visualizzare le immagini ed effettuare ricerche è necessario registrarsi.

 


Lascia un commento

Biblioteca Valenciana Digital

angeles_plinio_claro_p

La Biblioteca digitale valenciana è un progetto di digitalizzazione, portato avanti dal Governo della regione spagnola, che vuole rendere disponibile parte del ricco patrimonio bibliografico e culturale della Comunità Autonoma di Valencia.

In BIVALDI sono inclusi incunaboli e manoscritti, opere costumbriste popolari e classici valenciani, monografie di tema storico. Inoltre si trovano trascrizioni, traduzioni, bibliografie, studi specializzati sulle opere digitalizzate e i loro stampatori, biografie degli autori, etc.

E’ interessante la sezione Hemeroteca, con la digitalizzazione di alcune testate che includono i primi anni del 1900.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 959 follower